Niente slot vicino a scuole e oratorio, sgravi fiscali a chi le dismette

 noslot2.jpg

Concorezzo. Tutti compatti contro il proliferare delle slot machine in paese e a sostegno dei malati di GAP, il gioco d'azzardo patologico che l'Asl lombarda cura sullo stesso piano delle dipendenze da stupefacenti e da alcol.
Il 27 febbraio 2014 il Consiglio comunale ha approvato all'unanimità la mozione che accorpava due documenti analoghi depositati dalla Lista civica italiana (Rosanna Garofolo) e dalla Lega Nord (Roberto Brambilla). Già nella precedente seduta del Consiglio, il capogruppo Garofolo aveva illustrato un documento no slot, poi ritirato per elaborare congiutamente un testo più in linea con la nuova legge regionale n. 8/2013. 
Il Comune si impegnerà ad identificare i luoghi, così detti "sensibili", a una certa distanza dai quali non potranno essere concessi permessi per il posizionamento di macchine slot. Niente gioco d'azzardo elettronico, quindi, nelle zone limitrofe all'oratorio, alle scuole e agli impianti sportivi. Verranno proposti incentivi fiscali a tutti gli esercizi commerciali "no slot", inoltre, il Comune con la collaborazione con l'Asl, proporrà iniziative culturali per prevenire l'azzardopatia. Sarà vietata la pubblicizzazione relativa all'apertura o all' esercizio delle sale slot. Anche la Polizia locale sarà impegnata nel monitoraggio del rispetto delle normative vigenti.

rosannagarofolo.JPGUna recente seduta della IV Commissione del Consiglio regionale ha evidenziato, in presenza dei vertici Sisal, come per dismettere le apparecchiature non comporti alcun tipo di sanzione se il commerciante per i successivi 24 mesi non firma nessun altro tipo di contratto per la gestione di slot con concessionarie concorrenti. Gli sgravi Irap previsti da Regione Lombardia sono di circa 1000 euro all'anno: poco in confronto alla rendita delle slot, ma è questione di scelte. Commerciali ed etiche.

Commenti   
0 #5 ED 2014-03-12 07:56
Citazione:
Ehi Comune? Pronto? E' maleducazione non rispondere..

Gentile lettore, questo non è il sito del Comune. Non possiamo rispondere per www.comune.concorezzo.mb.it
Allora spiegatemi perchè in alcuni post rispondete??!! Solo quando vi fa comodo!

Vi ricordo che Massimiliano Capitanio è direttore responsabile. Conflitto d'interesse?

Caro anonimo ED, grazie per averci ricordato che Massimiliano Capitanio è il direttore responsabile, confondendolo come fanno in molti con Mauro Capitanio, suo gemello e vicesindaco. Non rispondiamo alle domande tecnico-legali perché siamo un giornale e non un ufficio di consulenza. Per fortuna lei come cittadino ha tanti diritti: protocolli una lettera in Comune chiedendo che l'esercizio che secondo lei dovrebbe essere chiuso venga chiuso in base alla nuova legge regionale, ed entro i termini di legge dovrà esserle data la risposta che cerca.
Se poi vuole combattere con noi una battaglia no-slot, la porta è aperta: questo giorno (a differenza della maggior parte!!!) non ospita pubblicità sui giochi on-line ed ha (ahinoi) rifiutato anche offerte economiche per sponsorizzazion i che, per un giornale fatto da volontari, sarebbero state ossigeno. Quindi sia sereno ed educato.
Cordiali saluti
Giancarlo Cattaneo
0 #4 ED 2014-03-11 07:44
Caro RA, se tu frequentassi... noterei che:

1. Alcuni articoli sono scritti da Massimiliano Capitanio, nonchè direttore responsabile.

2. In alcuni articoli sono già intervenuti per rispondere ad alcune domande.

Quindi...la tua affermazione ha poco senso.

Tornando a noi...si può avere una risposta?giusto per correttezza...
0 #3 RA 2014-03-08 17:30
Ehi Comune? Pronto? E' maleducazione non rispondere..

Come si può scambiare un giornale col sito del comune? Ahaha.. Siamo messi bene se questa é l' attenzione di chi richiede fatti.
0 #2 ED 2014-03-07 07:32
Ehi Comune? Pronto? E' maleducazione non rispondere..

Gentile lettore, questo non è il sito del Comune. Non possiamo rispondere per www.comune.concorezzo.mb.it
0 #1 ED 2014-03-05 07:50
"Niente gioco d'azzardo elettronico, quindi, nelle zone limitrofe all'oratorio, alle scuole e agli impianti sportivi"

Quindi il casinò vicino all'IMPIANTO SPORTIVO di Via La Pira verrà chiuso?Vediamo la coerenza.....e soprattutto i fatti!!
Aggiungi commento