santalfredo
santalfredo

vaccini

È stato diffuso sui social un finto calendario con le prossime fasi della campagna vaccinale, con l'indicazione delle date di avvio per ciascun target di età e indicazioni per la prenotazione che non corrispondono al vero: attualmente, le categorie di cittadini che possono aderire alla vaccinazione sono quelle indicate nella seguente sezione del portale regionale: www.vaccinazionicovid.regione.lombardia.it.

Inoltre, sta circolando un SMS con questo testo: “Per info e dettagli su come prenotare il Vaccino AntiCovid over 80 chiama subito il 1240, un assistente personale è a tua disposizione h24 7 gg su 7”.
Chiunque lo riceva è invitato a non darvi seguito. Si tratta infatti di una truffa, sulla quale stanno già indagando le autorità preposte.

Per maggiori informazioni sulla campagna vaccini in #RegioneLombardia, fai sempre riferimento al Portale regionale e ai canali ufficiali.

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

*/ ?>

Dalla Brianza

Attenzione ai falsi calendari delle vaccinazioni

Attenzione ai falsi calendari delle vaccinazioni

È stato diffuso sui social un finto calendario con le prossime fasi della campagna vaccinale, con l'indicazione delle date di avvio per ciascun target di età e indicazioni per la prenotazione che non corrispondono al vero: attualmente, le categorie di cittadini che possono aderire alla vaccinazione sono quelle indicate nella seguente sezione del portale regionale: www.vaccinazionicovid.regione.lombardia.it.Inoltre, sta circolando un SMS con que

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREBusnagoE' stata la signora Alessandrina, 102 anni, classe 1919, la più longeva residente della Casa di riposo Sodalitas che ha iniziato la campagna vaccinale. Sposata e con due figli, ha sempre supportato il marito nell’attività nei campi e conosce per questo molto bene cosa significhi lavorare, anche duramente. La signora Fiorina, classe 1924, è invece la residente che da più tempo vive in Casa Famiglia (dal 2007). Sposata con due figli, ha lavorato per anni nelle filande, per poi dedicarsi completamente alla cura della famiglia. Tra i residenti più giovani vaccinati c’è invece il sig. Carlo (classe 1949). Dopo il diploma di  ragioneria,ha sempre vissuto a Milano, dove ha svolto l’attività di impiegato. Dopo la pensione si è avvcinato al figlio a Busnago ed ora vive in Casa Famiglia. “La campagna vaccinale rappresenta una scelta di salute pubblica e di rilevante valore etico che consentirà di proteggere residenti ed operatori da questo “terribile” virus che ha sconvolto vite ed affetti: solo con il raggiungimento di un alto numero di persone vaccinate potremo ottenere finalmente quella serenità da tutti attesa anche all’interno delle nostre comunità. Siamo per questo davvero contenti ed emozionati di questa giornata: oggi, infatti, scriviamo una nuova pagina”. E’ con queste parole che la Direzione della Casa Famiglia ha commentato con soddisfazione l’avvio della campagna vaccinale contro il Covid.

AL LAVORO UN TEAM VACCINALE INTERNO - Le dosi vaccinali sono arrivate nella mattinata odierna. Poco dopo è iniziata la somministrazione, a cura di un Team Vaccinale interno specificatamente costituito, su indicazione dell’Ente Gestore Sodalitas, composto da due medici vaccinatori esperti, supportati da infermieri rianimatori dotati di tutte le attrezzature previste al fine di garantire la massima sicurezza nella fase di osservazione dopo la somministrazione delle dosi. “La possibilità di uno staff operativo interno, che vaccina sia residenti che operatori, risponde ad una precisa direttiva aziendale che, seppur rilevante dal punto di vista economico, garantisce maggiore celerità nel mettere in sicurezza la struttura, rappresentando dunque un investimento importante a favore della salute. Ringraziamo per questo tutti gli uffici e i loro operatori, ciascuno per le rispettive competenze, per il grande sforzo organizzativo messo in campo in questi giorni".

I NUMERI: ALTISSIMA ADESIONE –  L’impegno di Sodalitas nel sensibilizzare famiglie, residenti ed operatori era stato molto alto nelle ultime settimane così da favorire la più ampia adesione alla campagna vaccinale, raccogliendo i consensi informati. I risultati sono stati davvero significativi:  hanno accettato il vaccino il 97% dei residenti e il 91% degli operatori che lavorano all’interno della struttura.

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

 

*/ ?>

Dalla Brianza

Busnago, nonnina di 102 anni si vaccina contro il Covid

Busnago, nonnina di 102 anni si vaccina contro il Covid

Busnago. E' stata la signora Alessandrina, 102 anni, classe 1919, la più longeva residente della Casa di riposo Sodalitas che ha iniziato la campagna vaccinale. Sposata e con due figli, ha sempre supportato il marito nell’attività nei campi e conosce per questo molto bene cosa significhi lavorare, anche duramente. La signora Fiorina, classe 1924, è invece la residente che da più tempo vive in Casa Famiglia (dal 2007). Sposata con due f

Concorezzo. Non ti è possibile raggiungere uno dei tanti hub vaccinali presenti in Brianza? Il vaccino arriva direttamente a casa tua. Anche a Concorezzo giovedì, come annunciato dal sindaco Mauro Capitanio, farà tappa il camper di Areu, l'Azienda regionale di emergenza e urgenza. L'iniziativa è coordinata da Ats Brianza.  Il servizio è rivolto esclusivamente alle persone impossibilitate per diversi motivi ad uscire di casa.

LOMBARDIA PRIMA IN ITALIA E VICINA ALL'IMMUNITA' DI GREGGE

Dopo le oltre 103mila somministrazioni effettuate venerdì in Lombardia, "ci avviciniamo velocemente al 70% della popolazione vaccinata. Una percentuale che significherebbe il raggiungimento dell'immunità di comunità". Lo scrive la vicepresidente della Regione Letizia Moratti su Facebook, confermando il buon andamento della campagna di immunizzazione sul territorio. Il commissario Figliuolo: "Italia seconda in Europa per vaccinati". 

Da lunedì partiranno anche le prime vaccinazioni per i senza tetto, con l'unità di crisi regionale che ha invitato tutte le Ats a rapportarsi con le associazioni che sul territorio si occupano dei senza fissa dimora, per cercare di raggiungere il maggior numero possibile. Le somministrazioni cominceranno in alcuni dormitori della città di Milano, dopo che l'Agenzia regionale emergenza urgenza ha provveduto a fare i primi sopralluoghi presso alcune strutture per individuare gli spazi necessari, in modo particolare lo spazio di inoculazione, quello di attesa post vaccinale, come anche quello pre-vaccinale con la definizione dei flussi ordinati.

 

 

Leggi anche

Elisoccorso a Rancate, grave 26enne

"Mamma ho bisogno di aiuto", e le ruba soldi e oro

Forza Gabriele, il sindaco dal piccolo investito dal pirata

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

 
 
*/ ?>

Cronaca

Concorezzo, il vaccino arriva a casa con il camper Areu

Concorezzo, il vaccino arriva a casa con il camper Areu

Concorezzo. Non ti è possibile raggiungere uno dei tanti hub vaccinali presenti in Brianza? Il vaccino arriva direttamente a casa tua. Anche a Concorezzo giovedì, come annunciato dal sindaco Mauro Capitanio, farà tappa il camper di Areu, l'Azienda regionale di emergenza e urgenza. L'iniziativa è coordinata da Ats Brianza.  Il servizio è rivolto esclusivamente alle persone impossibilitate per diversi motivi ad uscire di casa. LOMBARDIA

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREConcorezzoHa superato l'80% (80,70%) il numero dei concorezzesi vaccinabili che ha ricevuto la prima dose (oltre il 60% ha ricevuto anche la seconda dose). Si tratta di 10.924 concorezzesi, con 8.233 cittadini che ha già completato il ciclo. Per prenotazioni, modifiche appuntamento e informazioni, consultate il sito https://prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia.it/

La variante Delta (il bollettino del 1 agosto)

Diminuiscono i nuovi positivi al Covid 19 nelle ultime 24 ore che sono 5.321 (-1.192 rispetto a ieri) ma il dato risente del numero dei tamponi in meno eseguiti: 167.761 oggi rispetto ai 264.860 di ieri (-97.099). Il tasso di positivita' infatti aumenta passando dal 2,4% di ieri al 3,17% di oggi. Il numero di decessi e' di 5 (-11 rispetto alle 24 ore precedenti). Mancano i dati dei decessi della Regione lazio che a causa di un attacco hacker del sistema informatico ha aggiornato solo il dato dei nuovi casi positivi e dell'occupazione dei posti letto. Sono 230 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 16 in più rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono stati 22. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 1.954, 103 in più rispetto a ieri. I dimessi ed i guariti sono invece 4.135.930, con un incremento di 1.250 rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono 91.350, in aumento di 4.065 unità nelle ultime 24 ore.   La regione con piu' casi giornalieri e' il Lazio con 716 nuovi positivi, seguita dalla Toscana (+702), l'Emilia Romagna (+606), la Sicilia (+581), la Lombardia (+522) e il Veneto (+483). 

 

*/ ?>

Cronaca

Concorezzo, l'80% del target è vaccinato

Concorezzo, l'80% del target è vaccinato

Concorezzo. Ha superato l'80% (80,70%) il numero dei concorezzesi vaccinabili che ha ricevuto la prima dose (oltre il 60% ha ricevuto anche la seconda dose). Si tratta di 10.924 concorezzesi, con 8.233 cittadini che ha già completato il ciclo. Per prenotazioni, modifiche appuntamento e informazioni, consultate il sito https://prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia.it/La variante Delta (il bollettino del 1 agosto) Diminuiscono i nu

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREConcorezzo. La Lombardia si conferma "zona gialla", ma l'appello di medici e istituzioni è a tenere alta la guardia. Anche a Concorezzo, complice la maggior circolazione e forse l'arrivo della cosiddetta variante inglese (è normale che, in questa fase, il virus produca varianti e molti virologi rassicurano sul fatto che i vaccini in circolazione siano efficaci anche contro la variante inglese) il numero dei positivi è leggermente salito: da una media di 20 nel mese di gennaio ai 56 dell'ultima rilevazione di febbraio.

Nel mese di Febbraio abbiamo registrato una crescita del numero di nuovi positivi che nell'ultima settimana ha leggermente frenato la sua corsa - scrive il sindaco Mauro Capitanio - Ad oggi abbiamo 59 concorezzesi positivi, 30 persone in sorveglianza attiva (esclusi i parenti in isolamento per contatto con conviventi positivi), 3 i decessi nel 2021. Abbiamo 5 classi della scuola primaria (3 Ozanam + 2 Marconi) e 4 sezioni della scuola dell'infanzia (3 Falcone e Borsellino + 1 Verdi) in isolamento. Sono iniziate le vaccinazioni per gli over 80, per chi avesse difficoltà c'è il supporto delle nostre farmacie per prenotarsi. Responsabilità e sicurezza, sempre".

ZONA GIALLA

Zona gialla: è quella più blanda fra quelle decise dal Governo per fronteggiare la pandemìa di Covid. Dà la possibilità di circolare nella Regione, permette la frequenza al 100% nelle scuole d'infanzia, elementari e medie inferiori e di consumare nei bar e nei ristoranti dalle 5 alle 18. 

*/ ?>

Cronaca

Covid: 56 positivi, 9 classi in isolamento

Covid: 56 positivi, 9 classi in isolamento

Concorezzo. La Lombardia si conferma "zona gialla", ma l'appello di medici e istituzioni è a tenere alta la guardia. Anche a Concorezzo, complice la maggior circolazione e forse l'arrivo della cosiddetta variante inglese (è normale che, in questa fase, il virus produca varianti e molti virologi rassicurano sul fatto che i vaccini in circolazione siano efficaci anche contro la variante inglese) il numero dei positivi è leggermente salito: da un

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREVimercateIn contemporanea con la Mostra del Maestro della Pop Art che si terrà all’auditorium Stravinsky di Montreaux e dopo il grande successo di critica e di pubblico dell'esposizione realizzata a Villa Reale a Monza, Warhol torna ad essere protagonista di un’entusiasmante selezione delle icone più note al grande pubblico: da Marilyn Monroe a Mao.

Quaranta opere dell'artista americano saranno, infatti, allestite presso l'Hub Vaccinale ex Esselunga di Vimercate il 21 giugno prossimo: rimarranno esposte sino al 30 settembre. L'evento nasce dalla collaborazione fra ASST Brianza, che gestisce il Centro di via Toti, e l'Associazione Culturale Spirale d'Idee. L'idea della mostra è di Maurizio Monticelli, mecenate brianzolo, nonché collezionista d'arte che in segno di riconoscenza e gratitudine nei confronti dell'Ospedale di Vimercate (di cui è stato paziente) ha messo a disposizione le opere.

"ANDY WARHOL. POP IDENTITIES", questo il titolo della mostra che farà vivere l'Hub anche come grande "contenitore" che promuove cultura, bellezza, storia del 900. L’esposizione sarà inaugurata il 21 giugno, alle 17.30, dal Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana.

 

*/ ?>

Dalla Brianza

L'inedito mix di Vimercate: vaccino e mostra di Warhol

L'inedito mix di Vimercate: vaccino e mostra di Warhol

Vimercate. In contemporanea con la Mostra del Maestro della Pop Art che si terrà all’auditorium Stravinsky di Montreaux e dopo il grande successo di critica e di pubblico dell'esposizione realizzata a Villa Reale a Monza, Warhol torna ad essere protagonista di un’entusiasmante selezione delle icone più note al grande pubblico: da Marilyn Monroe a Mao. Quaranta opere dell'artista americano saranno, infatti, allestite presso l'Hub Vacci

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

Concorezzo. Ha fatto scalpore, e non poco, la notizia dell'arrivo dei carabinieri in via De Capitani per sedare l'"assalto" di alcuni pazienti agli ambulatori medici, alla prese con l'emergenza vaccini. Molti pazienti, impossibilitati a prenotarsi via web o al telefono, si sono prima assembrati e, poi, secondo il racconto delle dottoresse, avrebbero cercato di fare irruzione con la forza (Vaccini, pensionati assaltano gli studi medici).

Secondo alcuni presenti, però, il racconto dei medici sarebbe stato non propriamente corrispondente alla realtà. "Una notizia falsata - ha scritto Morena RaimondiL'unica cosa certa è la mal gestione da parte dello studio di tutta questa faccenda. È ora di crescere e prendersi le proprie responsabilità.....piangere non serve a nulla. In un momento come questo tutti devono fare la propria parte! I carabinieri e la polizia locale sono intervenuti perché sono stati chiamati da una signora che stava fuori e che è stata offesa dalla dottoressa". "I carabinieri li hanno chiamati le persone, non i medici", puntualizza Luca Biaggi.

"Potevano benissimo, prendere qualcuno, x chiamare loro i pazienti con patologie, un po' alla volta. Non mi sembra il caso che con il freddo li facciano stare fuori. Organizziamo zero, poi si lamentano se la gente va fuori fase", ha scritto Anna Rosa di Trapani. "Bastava aggiungere un altra linea telefonica x smaltire e alleggerire le chiamate alle segretarie per la prenotazione vaccini visto che sono lì per questo motivo ,ai medici lasciamo fare il proprio di lavoro", ha scritto Stefania Varisco

COSA E' CAMBIATO ADESSO

"A beneficio di tutti, vi riassumo le procedure che i diversi studi medici hanno deciso di adottare per ricevere e organizzare le richieste di vaccinazione anti-influenzale per gli over 65 concorezzesi - ha scritto il sindaco Mauro Capitanio sulla sua pagina FAcebook - 

Gruppo MMG Stucchi, Gruppuso, Mandelli, Micucci e Mari

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

039.604.15.74 (martedì e venerdì, 14:00-16:00)

Gruppo MMG Lice, Manduca e Benzoni

Utilizzare i contatti abituali Lice, Manduca e Benzoni

Gruppo MMG Romoli e Conciauro (attualmente sostituita da Dott.ssa Burati)

Utilizzare i contatti abituali Romoli e Conciauro

Noi stiamo facendo un lavoro a 4 mani con i medici di base per aiutarvi a raggiungere in tempi ragionevoli anche i medici che in questo momento hanno più difficoltà a rispondere rapidamente MA non dobbiamo mai valicare - anche se comprendiamo il profondo stato di stress e tensione - i limiti dei rapporti civili. Considerate inoltre che i vaccini stanno arrivando con il contagocce e purtroppo anche se si dovesse accelerare il meccanismo di prenotazione, probabilmente ad oggi non ci sarebbero vaccini immediatamente disponibili per tutti".

*/ ?>

Cronaca

Medici assaliti per i vaccini, i pazienti ribattono

Medici assaliti per i vaccini, i pazienti ribattono

Concorezzo. Ha fatto scalpore, e non poco, la notizia dell'arrivo dei carabinieri in via De Capitani per sedare l'"assalto" di alcuni pazienti agli ambulatori medici, alla prese con l'emergenza vaccini. Molti pazienti, impossibilitati a prenotarsi via web o al telefono, si sono prima assembrati e, poi, secondo il racconto delle dottoresse, avrebbero cercato di fare irruzione con la forza (Vaccini, pensionati assaltano gli studi medici).Secondo

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREVimercate. E' stato inaugurato oggi, l’hub vaccinale allestito presso l’ex supermercato Esselunga di via Toti, a Vimercate. Il centro, gestito da ASST Brianza, si aggiunge a quelli già attivi, da qualche settimana, a Carate Brianza, Besana e Limbiate.

2700 circa i metri quadrati a disposizione dell’Azienda Socio Sanitaria, 600 dei quali destinati alle aree per l’accettazione, l’anamnesi medica, l’attesa e l’osservazione post somministrazione (con 240 posti a sedere). Altre superfici sono poi agibili per funzioni accessorie.

Da oggi le linee ospitate presso l’Ospedale di via Santi Cosma e Damiano sono trasferite al nuovo hub: qui sono state organizzate e messe a punto 14 linee. Oggi ne sono attivate 7, ma a breve saranno 12

Nella prima settimana l’orario di somministrazione vaccinale sarà compreso tra le 11.00 e le 21.00. Già dalla prossima, in verità, si allineerà a quello previsto presso gli altri centri dell’ASST, ovvero dalle 8.00 alle 20.00.

In via Toti, come negli altri centri, saranno inoculati i vaccini previsti e disponibili: Pfizer, Moderna, Astra Zeneca, Johnson &Johnson.

Per ogni linea vaccinale sono impegnati un medico e un infermiere: ad essi si aggiungono altri sanitari per la diluizione del vaccino prima della somministrazione e una serie di operatori amministrativi per le operazioni di accettazione dei vaccinandi.

Inizialmente sono previste tra le 800 e le 1.000 somministrazioni al giorno: con 12 linee attive, verosimilmente fra fine maggio e inizio giugno, saranno 1.700. A pieno regime i centri vaccinali gestiti da ASST Brianza inoculeranno, quotidianamente, oltre 5.200 dosi.

Significativa e corposa la mobilitazione dei volontari di AVPS e della Protezione Civile di Vimercate, chiamati a “governare” il percorso degli utenti e per dare assistenza Sanitaria se necessaria

“Per noi – spiega Guido Grignaffini, Direttore Socio Sanitario dell’ASST e responsabile della campagna di vaccinazione anti covid – la disponibilità degli spazi di Esselunga è una grande opportunità. Intanto ci consente di ripristinare pienamente tutti i flussi tradizionali di acceso all’ospedale, ma soprattutto è uno straordinario passaggio per crescere organizzativamente e incrementare i numeri della vaccinazioni. In via Toti – continua - abbiamo spazi adeguati per tutto ciò. Per questo ringraziamo Esselunga per averli messi gratuitamente a disposizione. Siamo grati anche al Comune di Vimercate per l’opera e la collaborazione prestata; a tutti i volontari di AVPS e della Protezione Civile di Vimercate per il supporto che hanno già fornito e che forniranno quotidianamente”.  

“L’iniziativa che prende il via oggi – ha aggiunto Marco Trivelli, Direttore Generale di ASST Brianza – rappresenta un ulteriore segnale di fiducia e ottimismo rivolto a tutti coloro che sono in attesa del vaccino, la nostra unica e fondamentale arma per vincere il Covid”. 

“Il primo pensiero – dichiara il Sindaco di Vimercate Francesco Sartini - è di ringraziamento per i volontari della Protezione Civile, dell’AVPS, oltre ai volontari civici e alle tante associazioni di tutto il territorio che si sono messe a disposizione per piccoli lavoretti e per il servizio di accoglienza degli utenti. Un grande grazie va anche al personale dell’ospedale e ai medici, pediatri e infermieri che si mettono a disposizione per portare avanti con decisione la campagna vaccinale. Sono molto soddisfatto della collaborazione che abbiamo sviluppato con ASST e che ci ha permesso di coinvolgere Esselunga in questo ambizioso progetto che oggi diventa realtà. Esselunga è un operatore che ha un forte legame con il nostro territorio e anche oggi dimostra la sua attenzione e la sua generosità permettendo ai vimercatesi di ritrovare, in quello che è stato per anni un punto di riferimento della vita quotidiana, il luogo ideale per un servizio di questo tipo. Da questa collaborazione, da questo luogo e da questa esperienza possono nascere importanti prospettive per il nostro territorio, sempre proiettato al servizio dei cittadini.”

"Oggi abbiamo toccato con mano il risultato vero dell'amore per il territorio che ha fatto schierare in campo pubblico e privato, associazionismo, tutti i livelli istituzionali senza distinzioni politiche. Finalmente da oggi la Brianza Est ha un polo vaccinale adeguato alle proprie dimensioni. La ricchezza di questo progetto sta nel fatto che sono state poste le basi logistiche e organizzative per non disperdere questa esperienza. Bisogna pensare ad una struttura permanente, un presidio socio-sanitario dedicato non solo ai vaccini ma anche ai tamponi e a diversi screening per la prevenzione. Ci sono tutte le competenze e i supporti per guardare al futuro con ottimismo", ha dichiarato Massimiliano Capitanio, deputato Lega e capogruppo in Vigilanza Rai.

“Siamo davvero felici di aver potuto contribuire alla partenza del nuovo hub vaccinale, iniziativa che in questo momento assume un significato particolarmente importante, in quanto rappresenta un nuovo passo avanti nella lotta contro il Covid. Quotidianamente siamo impegnati nel cercare di essere di supporto ai territori in cui siamo presenti e questa è un’ulteriore opportunità che ci permette di essere al servizio della comunità”, commenta Roberto Selva, Chief Marketing & Customer Officer di Esselunga.

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

*/ ?>

Dalla Brianza

Nell'ex Esselunga il nuovo hub vaccinale di Vimercate

Nell'ex Esselunga il nuovo hub vaccinale di Vimercate

Vimercate. E' stato inaugurato oggi, l’hub vaccinale allestito presso l’ex supermercato Esselunga di via Toti, a Vimercate. Il centro, gestito da ASST Brianza, si aggiunge a quelli già attivi, da qualche settimana, a Carate Brianza, Besana e Limbiate. 2700 circa i metri quadrati a disposizione dell’Azienda Socio Sanitaria, 600 dei quali destinati alle aree per l’accettazione, l’anamnesi medica, l’attesa e l’osservazione post sommi

Concorezzo. Arriveranno domani in città i primi vaccini anti-Covid. Si tratta di un numero ristretto del tipo Pfizer-BioNTech e che saranno somministrati agli ospiti e agli operatori della Rsa Villa Teruzzi. Vista la delicatezza della consegna, i vaccini arriveranno scortati dall'esercito o comunque da guardie private armate.

Intanto dopo le polemiche dei mesi scorsi sulla mancanza di vaccini antiinfluenzali, oggi molti medici si trovano nella paradossale situazione di avere vaccini in esubero: a quanto pare finite le polemiche, molti non hanno nemmeno ritenuto utile richiedere la somministrazione.

VACCINI COVID, LA SITUAZIONE

In Italia prosegue la campagna vaccinale con le prime somministrazioni dei richiami, che il commissario Arcuri raccomanda di effettuare con lo stesso farmaco e nei tempi del protocollo (21 giorni dalla prima iniezione per Pfizer, 28 per Moderna)

Intanto però fa discutere il taglio di 165mila dosi destinate all’Italia da parte di Pfizer: nel nostro Paese in questa settimana verranno consegnate 397.800 dosi invece delle 562.770 dosi previste. Pfizer, che gestisce autonomamente la distribuzione, ha rimodulato la quantità di dosi in arrivo in ogni Regione: Abruzzo, Basilicata, Marche, Molise, Umbria e Valle d'Aosta sono le uniche regioni che non avranno tagli

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

 

*/ ?>

Cronaca

Primi vaccini Covid a Concorezzo scortati dall'esercito

Primi vaccini Covid a Concorezzo scortati dall'esercito

Concorezzo. Arriveranno domani in città i primi vaccini anti-Covid. Si tratta di un numero ristretto del tipo Pfizer-BioNTech e che saranno somministrati agli ospiti e agli operatori della Rsa Villa Teruzzi. Vista la delicatezza della consegna, i vaccini arriveranno scortati dall'esercito o comunque da guardie private armate. Intanto dopo le polemiche dei mesi scorsi sulla mancanza di vaccini antiinfluenzali, oggi molti medici si trovano n

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREIl ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia ha convocato per oggi, mercoledì,  il vertice con le Regioni sul nuovo piano dei vaccini. La preoccupazione è legata ai tagli annunciati dalle case farmaceutiche, mentre un po' di respiro arriva dalla notizia del via libera al vaccino di Astrazeneca. Al vertice prenderanno parte anche il ministro della Salute Roberto Speranza e il Commissario per l'emergenza Domenico Arcuri.

Da quanto emerge, verrà data la precedenza agli anziani, subito dopo toccherà agli insegnanti. Il confronto con le regioni, però, potrebbe portare a scelte diverse. 

"Ci stiamo muovendo per vedere se sul mercato possiamo trovare altri vaccini -  ha detto il Presidente del Veneto Luca Zaia - E' altrettanto legittimo cominciare a ragionare sui comparti 'covid free': noi dobbiamo essere i primi con le nostre imprese".

"Il traguardo di vaccinare tutta la regione Lombardia prima di giugno è assolutamente possibile - ha detto Guido Bertolaso, nuovo consulente della Lombardia per la campagna vaccinale regionale - Non voglio soldi, faccio il volontario e mi sono abbassato lo stipendio: da un euro zero", ha aggiunto".

*/ ?>

Cronaca

Vaccini Covid, ecco a chi tocca

Vaccini Covid, ecco a chi tocca

Il ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia ha convocato per oggi, mercoledì,  il vertice con le Regioni sul nuovo piano dei vaccini. La preoccupazione è legata ai tagli annunciati dalle case farmaceutiche, mentre un po' di respiro arriva dalla notizia del via libera al vaccino di Astrazeneca. Al vertice prenderanno parte anche il ministro della Salute Roberto Speranza e il Commissario per l'emergenza Domenico Arcuri. Da quanto em

Da lunedì 15 febbraio il piano vaccinazioni anti #Covid-19 in #Lombardia entra nella seconda fase. Prima le persone più fragili, gli over 80, perché vaccinarci è l’unico modo per tornare al più presto alla normalità #piùsiamoprimavinciamo.

 

QUANDO?

❏ Adesioni online a partire dal 15 febbraio per gli over 80 (comprese le persone nate nel 1941)

❏ Somministrazioni a partire dal 18 febbraio

 

COME?

❏ Su piattaforma web, inserendo i dati della persona da vaccinare anche da parte di un familiare o caregiver

❏ Con il supporto del Medico di Medicina Generale o del farmacista 

 

COSA SERVE?

❏ Tessera Sanitaria – Carta Nazionale dei Servizi del soggetto da vaccinare

❏ Numero di cellulare / Telefono fisso

 

Per maggiori informazioni: http://reglomb.it/UMNe50Dz7P4

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

*/ ?>

Dalla Brianza

Vaccini Covid, si parte: ecco il vademecum

Vaccini Covid, si parte: ecco il vademecum

Da lunedì 15 febbraio il piano vaccinazioni anti #Covid-19 in #Lombardia entra nella seconda fase. Prima le persone più fragili, gli over 80, perché vaccinarci è l’unico modo per tornare al più presto alla normalità #piùsiamoprimavinciamo.   QUANDO? ❏ Adesioni online a partire dal 15 febbraio per gli over 80 (comprese le persone nate nel 1941) ❏ Somministrazioni a partire dal 18 febbraio   COME? ❏ Su piattaforma we

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREConcorezzoImportante aggiornamento sulle vaccinazioni anti-covid per gli over 80 che non hanno ancora ricevuto indicazioni per l'appuntamento.

Da oggi 7 aprile gli over 80 che si sono registrati sul portale regionale MA che non hanno ancora ricevuto la convocazione per la vaccinazione, potranno recarsi nei centri vaccinali per ricevere la prima dose.

Per non creare disagi, le ASST del territorio della ATS Brianza hanno definito modalità  precise.

Per i concorezzesi over80 che non hanno ancora ricevuto indicazioni per la prima vaccinazione, si consiglia l'utilizzo del sistema di prenotazione dell’ASST Brianza, “Accoda”, disponibile sull’home page del sito internet aziendale all’indirizzo www.asst-brianza.it.

Si consiglia per tutti gli over80 tale modalità di accesso regolamentata, al fine di limitare le attese e soprattutto scongiurare ogni assembramento.

La registrazione sul portale consentirà alla persona di conoscere la data e l’ora di vaccinazione presso una delle 3 strutture. Tutti i cittadini ultraottantenni residenti sul territorio di ASST Brianza ancora in attesa riceveranno un appuntamento nelle giornate del 7-8-9-10-11 aprile.

Le linee vaccinali aggiuntive saranno operative nelle seguenti fasce orarie:

Ospedale di Carate: dalle 10.30 alle 19.00 (solo nelle giornate del 7-8-9 aprile)

PalaBanco di Desio: dalle 10.00 alle 18.30

Ospedale di Vimercate: dalle 10.30 alle 21.00

PER PRENOTARE IL VACCINO CLICCA QUI

*/ ?>

Cronaca

Vaccini over 80, da oggi appuntamenti in pochi giorni

Vaccini over 80, da oggi appuntamenti in pochi giorni

Concorezzo. Importante aggiornamento sulle vaccinazioni anti-covid per gli over 80 che non hanno ancora ricevuto indicazioni per l'appuntamento. Da oggi 7 aprile gli over 80 che si sono registrati sul portale regionale MA che non hanno ancora ricevuto la convocazione per la vaccinazione, potranno recarsi nei centri vaccinali per ricevere la prima dose. Per non creare disagi, le ASST del territorio della ATS Brianza hanno definito modalità

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREConcorezzo. Sono 1316 i concorezzesi over 80 che saranno sottoposti nei prossimi giorni al primo ciclo di vaccino anti-covid. I primi anziani sono stati accolti nei giorni scorsi dagli infermieri e dal personale medico dell'ospedale di Vimercate. Tra questi anche gli arzilli novantenni Fiorenza (91 anni) e Rizieri (92 anni), come comunicato dal sindaco, Mauro Capitanio su un post sui suoi canali social

Ad oggi in Italia sono stati vaccinati 3,6 milioni di cittadini. In Lombardia sono state somministrate il 76,9% delle 773.800 dosi a disposizione, ovvero 594.764

COME ADERIRE IN LOMBARDIA

Dal 15 febbraio 2021 per i cittadini lombardi che hanno più di 80 anni (comprese le persone nate nel 1941) è possibile manifestare la propria adesione alla vaccinazione anti covid-19 collegandosi alla piattaforma dedicata vaccinazionicovid.servizirl.it

Le somministrazioni del vaccino per gli over 80 sono iniziate il 18 febbraio 2021.

Per la richiesta della vaccinazione è necessario avere a portata di mano:

la Tessere Sanitaria – Carta Nazionale dei Servizi del soggetto da vaccinare

il Numero di cellulare / Telefono fisso

La richiesta di adesione per gli over 80 può essere inserita anche da un familiare o caregiver della persona da vaccinare.

In alternativa possono fornire supporto per l’inserimento dei dati:

il Medico di Medicina Generale che resta il riferimento clinico e sanitario principale a cui fare riferimento la rete delle farmacie

Per chi ha una grave disabilità che non consente lo spostamento in autonomia o di essere accompagnato in un centro vaccinale, è necessario contattare il Medico di medicina generale: compilerà il modulo di adesione alla vaccinazione specificando che dovrà essere gestita attraverso un’altra modalità.

IL PIANO NAZIONALE VACCINI

Punti fondamentali del piano

Vaccinazione gratuita e garantita a tutti 

​27 dicembre 2020, inizio vaccinazione in Italia ed Europa (Vaccine Day)

Identificazione delle categorie da vaccinare con priorità nella fase iniziale a limitata disponibilità dei vaccini: operatori sanitari e sociosanitari, residenti e personale delle Rsa per anziani

Logistica, approvvigionamento, stoccaggio e trasporto, di competenza del Commissario straordinario

Governance del piano di vaccinazione, assicurata dal coordinamento costante tra il ministero della Salute, la struttura del Commissario straordinario e le Regioni e Province Autonome

Sistema informativo per gestire in modo efficace, integrato, sicuro e trasparente la campagna di vaccinazione

Farmacosorveglianza e sorveglianza immunologica per assicurare il massimo livello di sicurezza nel corso di tutta la campagna di vaccinazione e la risposta immunitaria al vaccino.

*/ ?>

Cronaca

Vaccini over 80, la carica dei 1316

Vaccini over 80, la carica dei 1316

Concorezzo. Sono 1316 i concorezzesi over 80 che saranno sottoposti nei prossimi giorni al primo ciclo di vaccino anti-covid. I primi anziani sono stati accolti nei giorni scorsi dagli infermieri e dal personale medico dell'ospedale di Vimercate. Tra questi anche gli arzilli novantenni Fiorenza (91 anni) e Rizieri (92 anni), come comunicato dal sindaco, Mauro Capitanio su un post sui suoi canali social Ad oggi in Italia sono stati vaccinati

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREDesio. Mentre la Lombardia ha superato quota 2 milioni di vaccini (prima Regione d'Italia per vaccini somministrati complessivamente e quotidianamente), la cronaca registra una clamorosa gaffe nel dibattito che si è fatto inevitabilmente anche politico. Il PD, schierando addirittura l'ex presidente della Provincia Gigi Ponti, ha accusato la regione di voler chiudere il PalaBancoDesio: nessuna scelta politica, ma solo l'esigenza di consentire alla squadra di Cantù di proseguire, come previsto, le partite del campionato di Serie A di Basket.

“Credo che vada fatta chiarezza una volta per tutte per rispetto verso i cittadini: il centro vaccinale di Desio era stato aperto temporaneamente per evitare il sovraffollamento dell’ospedale desiano durante la vaccinazione degli over 80. Quando a marzo sono stati definiti gli hub per la vaccinazione di massa, il centro del PalaBancoDesio non è stato preso in considerazione in quanto non disponibile sette giorni su sette visto che all’interno si giocano le partite di serie A di basket del Cantù. Non era quindi a uso esclusivo per le vaccinazioni e per evidenti problemi organizzativi è stato scartato per la fase massiva” E’ quanto spiega il consigliere regionale leghista Alessandro Corbetta a seguito delle polemiche avanzate dal Pd e dal consigliere regionale Ponti.

“Il PD almeno su questo dovrebbe evitare di montare l’ennesima polemica, strumentalizzandola solo a fini elettorali in vista del voto amministrativo del Comune di Desio e gettando ancora una volta fumo negli occhi ai cittadini. Anche perché non risulta che siano stati presi accordi con il sindaco Corti per l’utilizzo del PalaDesio anche per la campagna massiva”

“Il centro vaccinale al PalaBancoDesio resterà comunque aperto fino a quando verranno terminate le seconde dosi per gli over 80, si stima intorno ai primi di maggio. I cittadini di Desio potranno vaccinarsi in sedi comunque a pochi minuti da casa come Carate, Meda e Limbiate.”

“Spiace infine che il collega Ponti definisca ‘spot’ la notizia del mantenimento dei centri di Meda e Verano Brianza. Questi due centri sono gestiti da istituti privati e possono funzionare, a differenza di Desio, senza gravare ulteriormente sugli ospedali e sugli operatori sanitari pubblici. Inoltre, a differenza del palazzetto desiano, potranno essere attivi 7 giorni su 7, con spazi interamente e unicamente dedicati alla vaccinazione anti-covid”.

 

“In ogni caso – conclude Corbetta – insieme ad Ats e Asst nelle prossime settimane terremo monitorata la situazione in modo tale da capire se potranno emergere condizioni diverse da quelle attuali per confermare il centro al PalaDesio.”

*/ ?>

Dalla Brianza

Vaccini, clamorosa gaffe del PD sul PalaDesio

Vaccini, clamorosa gaffe del PD sul PalaDesio

Desio. Mentre la Lombardia ha superato quota 2 milioni di vaccini (prima Regione d'Italia per vaccini somministrati complessivamente e quotidianamente), la cronaca registra una clamorosa gaffe nel dibattito che si è fatto inevitabilmente anche politico. Il PD, schierando addirittura l'ex presidente della Provincia Gigi Ponti, ha accusato la regione di voler chiudere il PalaBancoDesio: nessuna scelta politica, ma solo l'esigenza di consentire all

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREMilano. La Lombardia ha vaccinato 1,2 milioni di cittadini e il 31 marzo saranno esaurite le dosi fornite dal Governo. "A fine mese le scorte a disposizione di Regione Lombardia saranno esaurite, avendo completato il numero di quelle a disposizione": il presidente della Regione Attilio Fontana lo ha sottolineato durante la conferenza stampa odierna.

"Il totale delle vaccinazioni in Lombardia - ha ricordato Fontana - e' di 1.231.413 dosi utilizzate, quelle somministrate agli over 80 sono 322.568, oltre a 60mila nelle Rsa. Quindi la percentuale di chi ha ricevuto una dose, tra gli over 80 che hanno aderito, supera di gran lunga il 50%, in linea con ciò che accade nel resto del Paese. Da noi nel weekend sono state inoculate un quarto delle vaccinazioni del Paese".
Il segretario della Lega Matteo Salvini ha detto di aspettarsi "segnali positivi" anche perché la prossima settimana per le prenotazioni entrerà in campo la piattaforma di Poste Italiane. E i Comuni, attraverso Anci Lombardia, hanno chiesto di essere coinvolti.

RICOVERI IN AUMENTO

Nel frattempo, continuano a crescere anche se pur leggermente i ricoveri per Coronavirus in Lombardia, dove ci sono 822 pazienti in terapia intensiva (cioe' 16 piu' di ieri) e 6.922 negli altri reparti Covid, in aumento di 26. In tutto i nuovi positivi registrati sono 2.105, ovvero il 9,6% dei 21.732 tamponi eseguiti. Sono 77 i decessi, che portano il totale a 29.876. Fra le province, sono 691 i casi a Milano, di cui 267 in citta', 374 a Brescia, 262 a Monza, 217 a Bergamo, 130 a Varese, 88 a Lecco, 77 a Cremona, 71 a Como, 66 a Pavia. 45 a Sondrio, 19 a Lodi e 14 a Mantova.

*/ ?>

Dalla Brianza

Vaccini, il 31 marzo finiscono dosi fornite alla Lombardia

Vaccini, il 31 marzo finiscono dosi fornite alla Lombardia

Milano. La Lombardia ha vaccinato 1,2 milioni di cittadini e il 31 marzo saranno esaurite le dosi fornite dal Governo. "A fine mese le scorte a disposizione di Regione Lombardia saranno esaurite, avendo completato il numero di quelle a disposizione": il presidente della Regione Attilio Fontana lo ha sottolineato durante la conferenza stampa odierna. "Il totale delle vaccinazioni in Lombardia - ha ricordato Fontana - e' di 1.231.413 dosi utilizza

Concorezzo. "Io sono arrivata mentre le mie colleghe piangevano e venivano insultate. Poi hanno tentato di buttare giù la porta mentre avevamo dei pazienti da visitare". Un incubo quello vissuto dalle dottoresse degli studi medici di via De Capitani alle prese con la rabbia (e la confusione) dovuta alla problematica gestione dei vaccini anti-influenzali. A rendere complessa la situazione è il fatto che, al momento, la fornitura dei vaccini procede con il contagocce e soprattutto i pensionati faticano a digerire le modalità elettroniche di prenotazione degli appuntamenti. Da qui l'assembramento che si è creato nelle scorse ore davanti agli ambulatori di via De Capitani, poi degenerato nella vergognosa protesta contro i medici "della mutua".

"Ci hanno assaliti, ci insultavano - ha raccontato una dottoressa al Giorno - Erano esasperati, esagitati. Non c’è fretta di prenotare, stavano spiegando le mie colleghe, non ci sono i vaccini. Quest’anno la campagna andrà avanti per settimane non si esaurirà in pochi giorni. Ma ci siamo dovute chiudere dentro con una trentina di persone infuriate, assembrate fuori dallo studio. Abbiamo dovuto chiamare i carabinieri. Mi chiedo dove è finita la civiltà, dove è finito il rispetto. Lavoriamo 10 ore al giorno tra triage telefonico tutte le mattina per individuare i casi più urgenti, turni in studio per le visite, monitoraggio covid a casa, a Concorezzo abbiamo più di 300 persone positive, per capire se è salita la febbre, conoscere il livello di saturazione, se il paziente fa fatica a respirare. Poi la sera a rispondere alle email dei pazienti a volte anche fino alle 2 di notte".

Anche per il rispetto delle normative Covid la campagna antinfluenzale verrà organizzata prossimamente negli spazi di Villa Zoja.

Info: https://www.wikivaccini.regione.lombardia.it/wps/portal/site/wikivaccini/centri-vaccinali

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

*/ ?>

Cronaca

Vaccini, pensionati assaltano gli studi medici

Vaccini, pensionati assaltano gli studi medici

Concorezzo. "Io sono arrivata mentre le mie colleghe piangevano e venivano insultate. Poi hanno tentato di buttare giù la porta mentre avevamo dei pazienti da visitare". Un incubo quello vissuto dalle dottoresse degli studi medici di via De Capitani alle prese con la rabbia (e la confusione) dovuta alla problematica gestione dei vaccini anti-influenzali. A rendere complessa la situazione è il fatto che, al momento, la fornitura dei vaccini

 

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

Concorezzo. "Invito i cittadini che già ne hanno o, a breve, ne avranno diritto, a prenotare la terza dose del vaccino. E mi riferisco, in particolare, a chi ha ricevuto il 'richiamo' 6 mesi fa e potrà quindi ricevere la terza dose iscrivendosi sulle piattaforme digitali". Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, oggi a margine della conferenza stampa di presentazione di Eicma 2021, intervenendo sul tema della terza dose estesa ai cittadini tra i 40 e i 60 anni. "Lo dicono gli scienziati: la terza dose - ha aggiunto Fontana - è il completamento della fase vaccinale e quindi il mezzo attraverso cui si ottiene una copertura immunitaria che dovrebbe durare anni". "Di conseguenza è molto importante - ha concluso - che si porti a termine questo ciclo vaccinale". 

*/ ?>

Cultura

Vaccini: ecco perché fare la terza dose!

Vaccini: ecco perché fare la terza dose!

  Concorezzo. "Invito i cittadini che già ne hanno o, a breve, ne avranno diritto, a prenotare la terza dose del vaccino. E mi riferisco, in particolare, a chi ha ricevuto il 'richiamo' 6 mesi fa e potrà quindi ricevere la terza dose iscrivendosi sulle piattaforme digitali". Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, oggi a margine della conferenza stampa di presentazione di Eicma 2021, intervenendo sul tema del