ksb

avps2015.jpgConcorezzo. Incidente mercoledì mattina intorno alle 8 davanti ai cancelli della Ksb, a Rancate. Secondo quanto riferito da alcuni dipedenti, una Ford, condotta da un 56enne di Milano, che procedeva lungo via D'Azeglio si è scontrata piuttosto violentemente con una moto Bmw che viaggiava in direzione opposta, tanto da rendere necessario l'intervento della Polizia Locale e del 118 (foto di repertorio). Ad avere la peggio il centauro, 50 anni, residente a Concorezzo, trasportato in ospedale e poi dimesso con una lussazione alla spalla. La Polizia locale, coordinata dal comandante Roberto Adamo, sta ora riscostruendo l'esatta dinamica. Sembra che la vettura stesse svoltando a sinistra per entrare nei cancelli della multinazionale.

*/ ?>

Cronaca

avps2015.jpg

Auto contro moto, scontro davanti al cancello della Ksb

Concorezzo. Incidente mercoledì mattina intorno alle 8 davanti ai cancelli della Ksb, a Rancate. Secondo quanto riferito da alcuni dipedenti, una Ford, condotta da un 56enne di Milano, che procedeva lungo via D'Azeglio si è scontrata piuttosto violentemente con una moto Bmw che viaggiava in direzione opposta, tanto da rendere necessario l'intervento della Polizia Locale e del 118 (foto di repertorio). Ad avere la peggio il centauro, 50 anni, re

boscoverticale.jpgConcorezzo. È il grattacielo più bello del Mondo e si trova a Milano. A decretare che il Bosco Verticale dell’architetto Stefano Boeri (di Boeri Studio) realizzato da Hines Italia in Porta Nuova a Milano, è il grattacielo più bello del Mondo sono stati i giurati del Premio International Highrise Award, che ogni due anni si riuniscono per scegliere. Anche KSB Italia, multinazionale leader nella produzione e nella vendita di pompe e valvole per il trasporto di fluidi con sede a Concorezzo in Brianza, ha contribuito alla sua realizzazione. 

La fornitura è complessa e si completa con circa 200 valvole automatiche, valvole a farfalla, valvole a sfera, valvole di ritegno, filtri e compensatori con diametro dal 50 a 250. Le valvole sono destinate al circuito idrico–sanitario, antincendio, condizionamento e riscaldamento. In particolare circa 70 valvole di controllo hanno l’importante e delicato compito di gestire l’irrigazione e il controllo del bilanciamento e della pressione dell’acqua da destinare alla vegetazione del Bosco Verticale. 

KSB Italia è “fornitrice” storica della città di Milano. Prodotti della multinazionale si trovano per il funzionamento della Stazione Centrale, del Teatro della Scala, alla Fiera di Rho, all’aeroporto di Malpensa, in diversi ospedali cittadini. Oggi, l’impegno anche nello skyline milanese con la fornitura sia al grattacielo più alto d’Italia, quello Unicredit, e sia in quello più bello del Mondo. 

Le motivazioni del premio affermano che il «Bosco Metropolitano» è simbolo della simbiosi Natura-Architettura. Due torri residenziali di 80 e 112 m di altezza (27 e 19 piani, 113 residenze totali) in grado di ospitare 800 alberi fra i 3 e i 9 metri di altezza, 11 mila fra perenni e tappezzanti, 5 mila arbusti, per un totale di oltre 100 specie diverse: un corrispettivo di 20.000 m² di bosco e sottobosco che si fa più fitto in altezza. 

È il primo esempio al mondo di una torre che arricchisce di biodiversità vegetale e faunistica la città che lo accoglie. Questo edificio si sposa con la filosofia di KSB Italia per la quale l’attenzione verso le tematiche ambientali è da sempre una priorità. In occasione dell’annuale giornata dell’ambiente KSB Italia ha distribuito ai dipendenti una piantina di pomodoro, un gesto simbolico per ricordare l’impegno dell’azienda per rendere giorno dopo giorno i suoi prodotti, ma anche l’azienda stessa, sempre più ecosostenibile. 

“Siamo orgogliosi di aver contribuito alla realizzazione di un’opera così unica – ha commentato Riccardo Vincenti, Consigliere Delegato KSB Italia – Un progetto che onora la città di Milano e l’Italia intera”.  

L’impegno KSB Italia per l’ambiente: nel 2009 la creazione di un frutteto aziendale, nel 2010 

l’installazione di un impianto con pannelli fotovoltaici sul capannone che ha consentito nel 2013 

un’energia prodotta totale di 57 MWh, che contribuisce al contenimento delle emissioni di CO2, e ogni 

anno la pubblicazione del Bilancio di Sostenibilità rendendo pubblici i risultati e i progressi raggiunti 

e programmando possibili obiettivi futuri. 

L’impegno green è soprattutto nei progetti e nei prodotti. E’ degli ultimissimi mesi per esempio la 

fornitura alla Cartiera Favini S.p.A., leader nella produzione di carte grafiche e speciali, di una 

pompa HGM per l’alimentazione caldaia con l’aggiunta di motore KSB SuPremE® da 110 kW con 

inverter. Tale soluzione consentirà un abbattimento dei consumi energetici, grazie ad un risparmio di 

circa 40% dovuto al motore KSB SuPremE® da 110 kW pilotato da inverter KSB per la regolazione 

della velocità. 

 

*/ ?>

Cronaca

boscoverticale.jpg

E KSB firma a suo modo anche il grattacielo più bello del mondo

Concorezzo. È il grattacielo più bello del Mondo e si trova a Milano. A decretare che il Bosco Verticale dell’architetto Stefano Boeri (di Boeri Studio) realizzato da Hines Italia in Porta Nuova a Milano, è il grattacielo più bello del Mondo sono stati i giurati del Premio International Highrise Award, che ogni due anni si riuniscono per scegliere. Anche KSB Italia, multinazionale leader nella produzione e nella vendita

ksb2015a.JPG

Concorezzo. Grazie all’impianto fotovoltaico installato nel settembre 2010 e attivo da febbraio 2011, il 2015 si apre per KSB Italia con il raggiungimento di un traguardo che fa bene all’ambiente: sono state ridotte le emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera così tanto, 150mila kg, che è come se l’azienda avesse creato un giovane bosco di 1000 alberi nella sua sede.

Dal 2010 è stato risparmiato combustibile fossile, ben 135 barili, grazie ai pannelli installati sul magazzino dell’azienda, leader nel mondo nella produzione di pompe e valvole con sede a Concorezzo. La riduzione della quantità di anidride carbonica emessa contribuisce ad alleviare il cosiddetto effetto serra, causa del surriscaldamento della Terra. Ad oggi KSB Italia ha ridotto le emissioni di 150mila kg di anidride carbonica, con la scelta fatta nel settembre 2010 quando ha realizzato un moderno impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica. L’energia pulita prodotta finora è di 230mila kWh. Ogni giorno uno schermo installato all’ingresso dell’azienda restituisce in sintesi i dati dei pannelli fotovoltaici. Il monitoraggio fornisce i dati relativi all’energia prodotta, la quantità di CO2 non emessa nell’atmosfera, i barili di petrolio non utilizzati e quindi viene dato anche il numero equivalente di alberi che sarebbero serviti per trasformare quella quantità di CO2 in ossigeno.  

Un traguardo quello dei 1000 alberi che giunge grazie alla politica aziendale , che punta ogni giorno a realizzare prodotti ecocompatibili e innovativi presenti sul mercato.

Tra tutti i prodotti menzioniamo come esempio la Pompa MegaCPK, efficiente al punto che permette un elevato risparmio energetico. Una pompa, che nel 2012 proprio per le sue caratteristiche fu premiata al “Global Centrifugal Pumps Innovation Award”, da Frost & Sullivan, azienda internazionale di consulenza tecnologica.  Il Motore SuPremE, che con la sua innovativa progettazione ed il suo elevato rendimento soddisfa e supera i requisiti di efficienza secondo lo standard IE4 in vigore (Direttiva ErP/Regolamento 640/2009/CE), consentendo una riduzione dei consumi fino al 30%. In abbinamento poi con il PumpDrive, il sistema di controllo della velocità, consente di risparmiare fino al 70% dei consumi rispetto all’utilizzo di valvole di regolazione e motori asincroni IE2. KSB inoltre offre anche una gamma completa di valvole per tutte le applicazioni e situazioni in massima sicurezza. Parte del gruppo anche la società KSB Service Italia Srl, che permette un servizio post-vendita completo e sempre a supporto dei clienti.

I prodotti KSB sono così ecocompatibili che spesso trovano applicazioni in strutture all’avanguardia nel rispetto dell’ambiente, come nel 2013, quando sono stati impiegati per la realizzazione del più grande data center italiano realizzato da Eni in provincia di Pavia. Questo data center, fortemente energivoro (le cui sale server a regime divorano 30 megawatt, quanta energia consuma le città di Parma), ha tra i suoi record il fatto di avere un sistema di raffreddamento efficientissimo che utilizza per il 75% delle ore dell’anno l’aria esterna, riducendo al minimo l’uso dei condizionatori. Il trasporto dell’aria, in alcuni casi anche deumidificata, è realizzato grazie a valvole e pompe di nostra produzione.

Sempre nel 2013 i prodotti KSB sono stati protagonisti della ristrutturazione della raffineria Eni di Porto Marghera (VE), detta “green refinery”, dotata di un innovativo impianto per la produzione di biocarburanti ad elevata qualità. KSB Italia ha partecipato al progetto fornendo sei gruppi di pompe API 610 modello RPH per il trasferimento di olio di palma, da reattore a reattore, e più di 500 valvole.

Nel 2014, tra le soluzioni più innovative, troviamo la fornitura per la Cartiera Favini Srl (Vicenza), leader nella produzione di carte grafiche e speciali. La fornitura consentirà un futuro abbattimento dei consumi energetici, grazie ad un risparmio del 36% dovuto al motore KSB SuPremE® da 110 kW pilotato da inverter per la regolazione della velocità abbinato ad una pompa HGM.

ksb2015b.jpgMolteplici iniziative sono state introdotte all’interno dell’azienda anche per i dipendenti. Oltre al frutteto aziendale, realizzato nel 2009, per  valorizzare la Giornata Mondiale dell’Ambiente, celebrata nel Giugno 2014, KSB Italia ha scelto di donare ad ogni dipendente una piantina di pomodoro. Un gesto simbolico che ha ricordato a tutti che l’azienda si impegna ogni giorno con i suoi prodotti e i suoi progetti, verso una mission green. Come ulteriore spunto di sensibilizzazione legato al tema dell’ecologia, KSB Italia ha istallato nel proprio ristorante aziendale un distributore automatico di bevande per ridurre l’inquinamento prodotto dal trasporto e dalle bottiglie di plastica vuote. Ogni anno inoltre KSB Italia si impegna a redigere il Bilancio di Sostenibilità rendendo pubblici i risultati e i progressi raggiunti e programmando possibili obiettivi futuri.

 

«In un momento in cui le conseguenza del surriscaldamento della Terra e dell’effetto serra sono fin troppo evidenti, è importante che le aziende si impegnino per rendere il nostro pianeta più vivibile» ha commentato Riccardo Vincenti, Consigliere Delegato KSB Italia.

*/ ?>

Cronaca

ksb2015a.JPG

Fotovoltaico, così Ksb ha salvato la vita a 1000 alberi

Concorezzo. Grazie all’impianto fotovoltaico installato nel settembre 2010 e attivo da febbraio 2011, il 2015 si apre per KSB Italia con il raggiungimento di un traguardo che fa bene all’ambiente: sono state ridotte le emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera così tanto, 150mila kg, che è come se l’azienda avesse creato un giovane bosco di 1000 alberi nella sua sede. Dal 2010 è stato risparmiato combustibile fossile, ben 13

Concorezzo- Quattro incontri con quattro scuole della zona. Così KSB Italia ha voluto celebrare la Giornata mondiale dell'acqua: tornando sui banchi di scuola e affrontando insieme ai ragazzi, l'importanza della sostenibilitò in materia di acqua.

Le scuole coinvolte nel progetto di KSB sono state l’I.T.S. Meccatronica Lombardia di Sesto San Giovanni (MI) e del Liceo linguistico Carlo Porta di Monza (MB) ma anche la scuola dell'infanzia l Melograno di Limena (PD). Nel corso degli incontri, dal titolo “Ogni goccia ha la sua storia” i professionisti della KSB hanno approfondito il tema dell’acqua e delle fasi che permettono di fruire dell’acqua potabile.

Il 23 marzo, inoltre, saranno una cinquantina gli studenti della scuola secondaria di primo grado Manzoni di Vimercate (MB) che si recheranno nella sede della KSB in via Massimo D’Azeglio a Concorezzo (MB) per una visita aziendale.

“La collaborazione con le scuole è un asset in cui da sempre KSB Italia investe – spiega Riccardo Vincenti, Consigliere delegato KSB Italia, che aggiunge – Insegnare nelle scuole il corretto uso dell’acqua e cosa ci sia dietro alla fruizione di quella potabile è una presa di coscienza rispetto al consumo di una risorsa sempre più preziosa, che addirittura in alcune parti del mondo è rara.”

L’azienda è presente sul mercato con un’ampia gamma di prodotti che permettono di gestire l’intero ciclo idrico, dalla captazione all’utilizzo, fino alla riconsegna alla natura senza sprechi di energia e risorse.

"Quello di KSB Italia è un impegno decennale verso l’ambiente - si lege nella nota stampa dell'azienda- e ogni anno pubblica il bilancio di sostenibilità con i risultati raggiunti durante l’anno. Nel 2011 sia la volontà di impattare sempre meno a livello ecologico sia quella di creare un ambiente di lavoro il più piacevole possibile porta KSB Italia a far nascere su un appezzamento di due mila metri quadri un vero e proprio frutteto. Oggi i ciliegi, i fichi e i meli sono cresciuti e ognuno in base alla stagione regala i suoi frutti".

I prodotti di KSB Italia, con sede a Concorezzo, ricordiamolo sono protagonisti di progetti del calibro della vasca di prima pioggia e dell’impianto idrovoro di via Torino a Mestre, che rappresenta un’opera fondamentale per la sicurezza idraulica del territorio e la salvaguardia dell’ambiente in quanto protegge la città dal rischio di allagamenti in caso di nubifragi. A livello internazionale il Gruppo KSB è protagonista di due importanti progetti: in Egitto per fondamentali stazioni di pompaggio dell’acqua irrigua e in Canada per salvare il lago Ontario dall’inquinamento.

PHOTO-2023-03-22-16-07-54.jpg

 

*/ ?>

Cultura

PHOTO-2023-03-22-16-07-54.jpg

Giornata mondiale dell'acqua, gli incontri di KSB nelle scuole

Concorezzo- Quattro incontri con quattro scuole della zona. Così KSB Italia ha voluto celebrare la Giornata mondiale dell'acqua: tornando sui banchi di scuola e affrontando insieme ai ragazzi, l'importanza della sostenibilitò in materia di acqua. Le scuole coinvolte nel progetto di KSB sono state l’I.T.S. Meccatronica Lombardia di Sesto San Giovanni (MI) e del Liceo linguistico Carlo Porta di Monza (MB) ma anche la scuola dell'infanzia l Mel

giornata_acqua.jpgConcorezzo. In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua (22 marzo), ricorrenza istituita dalle Nazioni Unite nel 1992, KSB Italia ha scelto di sostenere l’iniziativa organizzata dal Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale (DICA) del Politecnico di Milano intitolata “Acqua buona o cattiva? L'oggi e le sfide future”.  È la prima volta che questa prestigiosa Università e in particolare il DICA, nato nel 2013, organizza un evento di questo genere. La sede dell’evento è il Politecnico in Piazza Leonardo da Vinci 32 a Milano. La giornata è aperta al pubblico ed è organizzata con più iniziative rivolte a vari soggetti: un workshopdal titolo “L’acqua e l’ingegneria: oggi e domani”, rivolto a tecnici ed addetti ai lavori, un’esposizioneintitolata “I 1000 volti dell’acqua”,alcuniseminari divulgativied il lancio del concorso fotografico“Acqua: sfide e opportunità”.

KSB è riconosciuta a livello globale come fornitore eccellette nel settore del trattamento dell'acqua. Tra i progetti realizzati dall’azienda con sede a Concorezzo si possono citare: nel 2012 la fornitura di valvole per il trasporto di acqua nella regione desertica di Tamanrasset in Algeria; il recupero della Costa Concordia, realizzato grazie a 328 valvole posizionate sui cassoni del sistema ideato da Titan Salvage e Micoperi per rialzare dal fondale marino la nave da crociera naufragata il 13 Gennaio 2012 presso l’isola del Giglio (GR) e permetterle nel Luglio 2014, l’arrivo nel porto di Genova. Le valvole sono state installate sui “cassoni” posizionati sui lati della nave e azionandosi hanno determinano il livello di galleggiamento dello scafo.

Più recentemente, sono state scelte lepompe e valvole anche per molti edifici che compongono Milano City Life tra le quali  la torre Unicredit, uno degli edifici più alti d’Italia e il grattacielo Bosco Verticale, decretato come “il più bello del mondo” nel Novembre 2014 dai giurati del Premio International Highrise Award e come “grattacielo più bello e innovativo del mondo”, secondo una classifica redatta dal Council on Tall Buildings and Urban Habitate promosso dall'Illinois Institute of Technology di Chicago. L’acqua e il suo trasporto, in questo edificio è l’ingrediente fondamentale di questo enorme successo.

 

L'approccio responsabile verso l'acqua, quale preziosa risorsa idrica, è sempre stato tra le principali competenze di KSB. Alcune delle più importanti sfide che il mondo si trova ad affrontare oggi riguarda proprio l'approvvigionamento di acqua pulita e l'efficiente trattamento delle acque reflue.  In qualità di fornitore di soluzioni complete e con la presenza a livello globale, KSB è in grado di offrire una gamma completa di pompe, valvole e servizi associati che coprono l'intero ciclo idrico: estrazione, trattamento, trasporto, irrigazione, drenaggio e trattamento e trasporto delle acque reflue. Da Sydney a Londra, passando per Città del Messico o San Pietroburgo, KSB è presente per offrire soluzioni complete di ingegneria idraulica. Il ruolo di fornitori unici va ben oltre l'offerta di una vasta gamma di prodotti innovativi. Qualunque sia l'esigenza per acque pulite o reflue, i nostri 140 anni di esperienza e conoscenza negli ambiti di pianificazione, consulenza, ricerca e sviluppo fanno di KSB un punto di riferimento a livello mondiale.

(Per maggiori informazioni:http://www.dica.polimi.it/acquabuonaocattiva)

Leggi anche

Brianza in Brocca: l'acqua di qualità del rubinetto arriva in bar e ristoranti

*/ ?>

Dalla Brianza

giornata_acqua.jpg

Giornata mondiale dell'acqua, Ksb in campo con il Politecnico

Concorezzo. In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua (22 marzo), ricorrenza istituita dalle Nazioni Unite nel 1992, KSB Italia ha scelto di sostenere l’iniziativa organizzata dal Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale (DICA) del Politecnico di Milano intitolata “Acqua buona o cattiva? L'oggi e le sfide future”.  È la prima volta che questa prestigiosa Università e in particolare il DICA, n

cappella_mg_8121.JPGConcorezzo. I capolavori degli Uffizi o anche la rinata e straordinaria Villa Reale di Monza "respirano" grazie alla tecnologia Ksb. Alcuni tra i più importanti musei e monumenti storici italiani sono, infatti, diventati più efficienti ed ecosostenibili grazie al supporto della multinazionale che ha sede in Brianza a Concorezzo. Edifici come la Villa Reale di Monza o la Galleria degli Uffizi di Firenze hanno sostenuto in questi anni il binomio cultura e sostenibilità. Uno sguardo al presente ma soprattutto al futuro, che ha permesso ad alcune delle principali gallerie d’arte e opere architettoniche di modernizzarsi, ma sempre nel rispetto del passato.

La Galleria degli Uffizi a Firenze, i Musei Civici agli Eremitani a Padova, il Teatro alla Scala a Milano, la Villa Reale a Monza, Palazzo Grassi a Venezia e il Museo del ‘900 a Mestre sono alcuni dei luoghi storici che hanno scelto la tecnologia ad alto risparmio energetico e l’efficienza dei prodotti KSB nei vari circuiti di riscaldamento, condizionamento e idrico-sanitari. Grazie al rinnovamento dei sistemi il microclima è più adatto alla conservazione delle opere. È di fondamentale importanza infatti  mantenere temperatura e livello di umidità stabili al fine di evitare il deterioramento dei capolavori, che fanno parte del patrimonio storico italiano. Le escursioni termiche influirebbero sull’opera stessa e un alto tasso di umidità potrebbe provocare l'ossidazione dei metalli o la comparsa di muffe, compromettendo le opere.

La Galleria degli Uffizi a Firenze, uno dei musei più conosciuti al mondo, ha scelto nel 2009 le tecnologie KSB; successivamente, la stessa strada è stata seguita nel 2010 dal Teatro alla Scala a Milano con il rinnovo dei propri impianti e nel 2013 dai Musei Civici agli Eremitani, il complesso museale più antico del Veneto.

Nelle forniture più recenti inoltre, è stato possibile ottimizzazione ulteriormente gli impianti e massimizzare maggiormente il rendimento, questo grazie alle tecnologie avanguardistiche che permettono maggiore efficienza e un notevole risparmio energetico. Numerosi i programmi di ricerca e sviluppo a livello di Gruppo attivi sul tema dell’efficienza energetica, da sempre una priorità dell’azienda. Tra gli edifici storici che recentemente hanno adottato queste nuove tecnologie c'è la Villa Reale di Monza, che ha costruito un nuovo impianto idrico nel corso dei lavori di ristrutturazione terminati nel 2014, e la fornitura di più di 600 valvole per il futuro Museo del ‘900 di Mestre, destinate ai vari circuiti di riscaldamento, condizionamento e idrico-sanitari della struttura. Il museo farà parte del più ampio “progetto M9”, un'ambiziosa e impegnativa operazione di rigenerazione urbana, fondata sulla realizzazione di un polo culturale capace di divenire un punto di riferimento per la città di Mestre. 

Un ampio e rilevante progetto è stato quello dei primi mesi del 2016 relativo a Palazzo Grassi* di Venezia, museo che ospita la collezione d'arte contemporanea di François Pinault, una delle cinque collezioni d'arte moderna e contemporanea più grandi del mondo. Un attento studio dei consumi ha evidenziato le necessità del museo dell’ammodernamento dei propri impianti nell’obiettivo fondamentale dell’ottimizzazione energetica. La fornitura è stata ampia e completa e questo grazie alla presenza sul mercato di KSB come partner globale che offre assistenza completa ai propri clienti da un'unica fonte e per l'intero ciclo di vita del prodotto, coprendo ogni applicazione e offrendo competenze di ingegneria per soddisfare ogni specifica esigenza con soluzioni su misura.

Sono state fornite 131 valvole di intercettazione e regolazione, 24 valvole di ritegno, 45 compensatori, 29 filtri e 5 pompe KSB Etabloc dotate di motore KSB SuPremE®, il motore sincrono a riluttanza che grazie al suo elevato rendimento supera e soddisfa i requisiti di efficienza secondo lo standard IE4 (Direttiva ErP – Regolamento 640/2009/CE). Le pompe sono state tutte dotate di PumpDrive, il sistema KSB per la regolazione della velocità che permette un funzionamento affidabile ed efficiente dal punto di visto energetico e di PumpMeter, lo strumento di monitoraggio che consente l’analisi continua dei dati di funzionamento della pompa. In aggiunta al rinnovamento degli impianti con nuove istallazioni, sono state effettuate opere di manutenzione su nostre pompe già installate.

“Tra i molti progetti, le forniture realizzate per alcuni dei maggiori musei ed edifici storici italiani le sentiamo particolarmente vicine. Grazie all'installazione di prodotti ad alta efficienza energetica portiamo avanti l'impegno ambientale dell'azienda anche in questi luoghi ricchi di storia e cultura.” - Guglielmo Cristao, Responsabile General Business KSB Italia S.p.A.

Foto tratta da http://www.reggiadimonza.it/

Leggi anche

Un altro black-out, il Comune convoca Enel Sole

Don Angelo: appello per donare un appartamento ai profughi

Il Calcio Monza: una mostra tutta biancorossa

*/ ?>

Cronaca

cappella_mg_8121.JPG

I capolavori dei musei? Respirano grazie a Ksb

Concorezzo. I capolavori degli Uffizi o anche la rinata e straordinaria Villa Reale di Monza "respirano" grazie alla tecnologia Ksb. Alcuni tra i più importanti musei e monumenti storici italiani sono, infatti, diventati più efficienti ed ecosostenibili grazie al supporto della multinazionale che ha sede in Brianza a Concorezzo. Edifici come la Villa Reale di Monza o la Galleria degli Uffizi di Firenze hanno sostenuto in questi anni

Concorezzo. Il 2020 è stato l’anno segnato dalla pandemia e molte sono state le difficoltà che le aziende hanno dovuto superare adottando nuovi modi di lavorare e introducendo nuove misure per la sicurezza dei dipendenti. Malgrado ciò i risultati di KSB Italia S.p.A. hanno ben assorbito il trauma poiché il valore percentuale della redditività ante imposte è stato del 4,1%. Il dato è tuttavia inferiore all’obiettivo del PdR legato alla redditività, il quale non è stato raggiunto, mentre quello di efficienza  si è attestato ad un valore che corrisponde a un premio ponderato per un lavoratore di 5° livello di 258,00 euro. 

KSB Italia S.p.A, considerato il periodo eccezionale, ha deciso di proporre alle rappresentanti sindacali, che hanno accettato, un’integrazione allo stesso che porta il premio a 758,00 euro (sempre rapportato al 5° livello). Questa sarà nel 2021 la quota aggiuntiva alla retribuzione nel mese di luglio e che sarà riconosciuta ai dipendenti della sede di Concorezzo (MB).

Da diversi anni l’azienda pone attenzione al welfare aziendale per migliorare il benessere psico-fisico del proprio personale. Tra le iniziative realizzate: un’area verde con alberi da frutta per sensibilizzare l’utilizzo di prodotti alimentari sani; un orto aziendale; una palestra; la navetta gratuita; una biblioteca contente più di mille volumi; un servizio di ristorazione interno completamente rinnovato; la presenza di un avvocato che offre consulenza gratuita fuori dall’orario di lavoro, la flessibilità dell’orario lavorativo e lo smart working.

ksb_ad_concorezzo.jpeg

 

*/ ?>

Cronaca

ksb_ad_concorezzo.jpeg

Il Covid frena Ksb, ma il premio per i lavoratori aumenta

Concorezzo. Il 2020 è stato l’anno segnato dalla pandemia e molte sono state le difficoltà che le aziende hanno dovuto superare adottando nuovi modi di lavorare e introducendo nuove misure per la sicurezza dei dipendenti. Malgrado ciò i risultati di KSB Italia S.p.A. hanno ben assorbito il trauma poiché il valore percentuale della redditività ante imposte è stato del 4,1%. Il dato è tuttavia inferiore all’obiettivo del PdR legato

ksb_generica.jpgConcorezzo. Assegnato a KSB Italia il Premio "Imprese Responsabili". La Settima edizione, di questa cerimonia organizzata Regione Lombardia assieme a UnionCamere

A KSB, azienda con sede a Concorezzo e leader nel mondo nella produzione e vendita di pompe e valvole, il riconoscimento per gli investimenti fatti per il walfare aziendale. Un percorso iniziato ormai quasi 10 anni fa e che ha portato man mano l’azienda ad essere sempre più a misura di dipendente. 

“KSB Italia ha come obiettivo quello di essere un’impresa dove il legame tra le competenze tecnologiche e la valorizzazione del personale proseguono di pari passo attraverso progetti condivisi -spiega Riccardo Vincenti, Consigliere Delegato, che aggiunge – Quando nel 2009 siamo stati annoverati nella classifica delle 100 aziende dove meglio si lavora, per noi questo traguardo è stato un trampolino di lancio per gli investimenti nell’ambiente lavorativo e in tutto ciò che può aumentare il senso di appartenenza al nome che rappresentiamo”.    

Il premio ha attestato che KSB Italia ha sviluppato buone prassi di responsabilità sociale nei seguenti ambiti: progetti di sostenibilità ambientale, qualità del lavoro e realzioni con il personale, iniziative nei confronti della società civile e della comunità territoriale, qualità delle relazioni con i fornitori, i clienti e i consumatori e quindi, un governo e gestione responsabile dell’azienda.   

L’idea di creare un ambiente di lavoro sempre più a misura d’uomo è nato in seguito all’inserimento dell’azienda nella pubblicazione che metteva nel 2009 in evidenza le 100 migliori al aziende dove si lavora meglio. Per KSB il fatto che i propri dipendenti attraverso un sondaggio anonimo avessero dichiarato che quella fosse un posto dove si lavora bene, è stato lo stimolo per lanciare di volta in volta iniziative che accrescessero ancora di più questo senso di benessere. 

 

Il primo passo è stato il frutteto. Piante di ciliegio e fico hanno popolato circa due mila metri quadri di verde. In primavera e in autunno ancora oggi tutti i dipendenti possono raccogliere e gustare quei frutti. Al frutteto, nel 2015, si è aggiunto l’orto. Un altro passo verso una maggiore responsabilità ecologica.

Nel 2010 viene allestita la prima palestra aziendale. All’inaugurazione partecipa Matteo Morandi,  medaglia d’oro ai Campionati Europei 2010 di Ginnastica Artistica. Nel 2012 viene istituita in azienda la possibilità di avvalersi di un avvocato per questioni stragiudiziali. Un consulto gratuito che è stato accolto con grande favore dai lavoratori. Nel 2014 è la volta della biblioteca aziendale basata sul reciproco scambio di volumi. In poco tempo l’iniziativa cresce al punto tale che i libri presenti diventano ben mille. Alla fine dello stesso anno la mensa viene sostituita da un sistema di ristorazione vero e proprio. Il servizio si caratterizza per la qualità e per il fatto di essere anche personalizzato. Non solo, le bevande vengono erogate con dei liberi distributori di acqua naturale e gassata, prodotti naturali, varie bevande gassate, tè freddo. In questo modo si abbatte l’impatto ambientale.      

 

*/ ?>

Cronaca

ksb_generica.jpg

Imprese responsabili, premiata KSB

Concorezzo. Assegnato a KSB Italia il Premio "Imprese Responsabili". La Settima edizione, di questa cerimonia organizzata Regione Lombardia assieme a UnionCamere.  A KSB, azienda con sede a Concorezzo e leader nel mondo nella produzione e vendita di pompe e valvole, il riconoscimento per gli investimenti fatti per il walfare aziendale. Un percorso iniziato ormai quasi 10 anni fa e che ha portato man mano l’azienda ad essere sempr

ksb2017.JPG

Concorezzo. La classe quarta dell’Istituto Tecnico Industriale Hensemberger di Monza ha fatto visita oggi, 30 marzo 2017, a KSB Italia Spa. La visita è stata possibile grazie al progetto europeo “Go&Learn” promosso da Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza e da Ecole - Enti Confindustriali Lombardi per l’Education. 

Le porte dell’azienda di Concorezzo si sono aperte per permettere ad una trentina di studenti di conoscere meglio questa importante realtà industriale del territorio. 

Gli studenti nella prima parte della visita hanno avuto occasione, attraverso una presentazione aziendale, di conoscere la storia aziendale, l’organizzazione, il mercato, i progetti più importanti, i prodotti con le loro caratteristiche e le differenti applicazioni. Successivamente gli studenti sono stati accompagnati in tutte le aree aziendali: negli uffici; in officina, dove hanno potuto assistere ad un collaudo al banco prova; nell’area lavorazioni prodotti e customizzazione degli stessi; nell’area service; nell’area verniciatura e nel magazzino. Un’attenzione particolare è stata data anche al sistema fotovoltaico installato sul magazzino aziendale e ai relativi dati di risparmio energetico, che mettono in luce un’attenzione forte dell’azienda verso l’ambiente. La visita è stata completata dall’approfondimento tecnico sul funzionamento di tre sistemi dotati sia di pompe che di valvole. Il tour ha portato gli studenti anche a scoprire le varie zone a diposizione dei dipendenti: la biblioteca, la palestra, l’orto e il frutteto aziendale; spazi aziendali pensati per il benessere dei propri dipendenti. 

Inoltre KSB Italia ospiterà due ragazzi della scuola nel periodo estivo in stage, grazie all’opportunità offerta dall’Alternanza Scuola - Lavoro; esperienza di particolare importanza per gli studenti per poter entrare in contatto diretto con la realtà lavorativa.

Leggi anche

L'annuncio a Maria, in chiesa parrocchiale l'opera di Claudel

Calcio, il Fara s'arrende allo strapotere del Conco

Si finge una escort a cinque stelle e poi tenta l'estorsione: arrestata

Costruire in casa stampanti 3D o videogiochi? Ecco come fare

*/ ?>

Cultura

ksb2017.JPG

Ksb fa scuola: lezione in azienda per l'Hensemberger di Monza

Concorezzo. La classe quarta dell’Istituto Tecnico Industriale Hensemberger di Monza ha fatto visita oggi, 30 marzo 2017, a KSB Italia Spa. La visita è stata possibile grazie al progetto europeo “Go&Learn” promosso da Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza e da Ecole - Enti Confindustriali Lombardi per l’Education.  Le porte dell’azienda di Concorezzo si sono aperte per permett

Concorezzo, 17 settembre 2021- Era il 1871 quando in Germania veniva aperta la prima fabbrica KSB. Oggi il Gruppo è presente sul mercato come fornitore di pompe, valvole, relativi sistemi e servizi, basandosi su una solida tradizione di alto livello tecnologico e di attenzione ai rapporti umani. I principali settori in cui opera sono: ingegneria di processo, building, energia, trasporto acque, trattamento acque cariche e trasporto di solidi. Nel mondo è presente in tutti i continenti con 39 sedi produttive in 17 Paesi, 190 centri service e oltre 15.000 collaboratori.

 

In occasione dell’anniversario è stato scelto il motto “People. Passion. Performance.” Passione e impegno sono infatti i valori che sono stati trasmessi da generazioni di collaboratori e che hanno contribuito al successo nel corso degli anni.

 

Una lunga storia che vale la pena raccontare quella del Gruppo tedesco KSB SE & Co.KGaA, fornitore a livello mondiale di pompe, valvole e sistemi innovativi per il trasporto di qualsiasi tipologia di fluido.

 

KSB Italia SpA - 01.jpg

Concorezzo. Nel 1871 Johannes Klein ottenne il brevetto per un sistema automatico di alimento caldaie di sua invenzione e nello stesso anno fondò a Frankenthal, in Germania, insieme a Friedrich Schanzlin e August Becker, l’azienda “Frankenthaler Maschinen & Armatur-Fabrik Klein, Schanzlin & Becker” per la costruzione di apparecchiature di alimento caldaie e valvole. Nel 1887 KSB diventò una società per azioni e Johannes Klein ne assunse la direzione, nel 1895 diventò una società quotata. Tra il 1924 e il 1934 KSB acquisì ulteriori stabilimenti in Germania e creò filiali europee.

La prima fu aperta in Italia, a Milano, il 1° maggio 1925 con la società “Anonima Lombarda Costruzione Pompe”. Nel 1980 ci fu la modifica della ragione sociale in “KSB Italia S.p.A.” e nel 2000 KSB AG acquistò il 100% delle sue azioni. Dal 2004 l'attività venne concentrata presso il sito di Concorezzo (MB), appositamente ampliato con la costruzione di un'officina per il montaggio, la customizzazione e la riparazione dei prodotti. In Italia oggi vi lavorano 248 dipendenti e il fatturato nel 2020 è stato di 70 milioni di euro.

"Durante questi 150 anni, KSB ha sempre contribuito al miglioramento della vita di ognuno di noi con prodotti e servizi di qualità e innovativi. Abbiamo supportato migliaia di persone in tutto il mondo, offrendo la nostra esperienza e competenza ai clienti nei vari segmenti di mercato nelle più svariate applicazioni. - afferma Gilberto Chiarelli, Amministratore Delegato di KSB Italia S.p.A. - In questi anni ho avuto l'opportunità di testimoniare lo sviluppo e la crescita del Gruppo, da sempre sostenuto dai valori fondamentali che ci contraddistinguono nello scenario internazionale come la fiducia, l'apprezzamento, la professionalità, la responsabilità e l'onestà."

 

KSB Italia S.p.A. è specializzata nella fornitura di pacchetti completi di pompe, valvole e automazione per ogni applicazione. Offre inoltre servizi di riparazione e manutenzione di macchinari, impianti e lavorazioni meccaniche presso i centri service e le officine presenti su tutto il territorio nazionale. Negli ultimi anni ha partecipato con la fornitura dei propri prodotti alla realizzazione di grandi progetti come il recupero dell’enorme nave da crociera Costa Concordia; il grattacielo Bosco Verticale a Milano, premiato tra i grattacieli più belli e innovativi al mondo; l’ottimizzazione energetica dell’aeroporto Marco Polo di Venezia. I prodotti KSB sono stati anche utilizzati per il rinnovamento degli impianti di riscaldamento e condizionamento del Teatro alla Scala di Milano e della Villa Reale di Monza.

 

KSB considera da sempre il comportamento responsabile e sostenibile uno dei valori fondamentali per il successo aziendale. Recentemente l’impegno verso il sociale si è concretizzato con la donazione di alcuni prodotti per il nuovo ospedale pediatrico di EMERGENCY in Uganda, progettato da Renzo Piano e inaugurato lo scorso aprile.

“I 150 anni del Gruppo sono stati caratterizzati da innovazione, qualità dei prodotti e attenzione verso i collaboratori. - afferma Riccardo Vincenti, Consigliere delegato di KSB Italia S.p.A. - Lavoro in questa azienda dal 2000 e sono testimone di quanto l’azienda abbia contribuito nel corso degli anni a migliorare l'ambiente lavorativo per il benessere psicofisico dei collaboratori. Tra le varie azioni intraprese meritano una menzione speciale la creazione di un'area verde con alberi da frutta, un orto aziendale, una palestra, una biblioteca, un servizio navetta e un ristorante aziendale. Inoltre è disponibile un avvocato per consulenze gratuite ed è stato introdotto lo smart working.”

*/ ?>

Cronaca

KSB Italia SpA - 01.jpg

Ksb festeggia 150 anni: ecco perché scelse Concorezzo

Concorezzo, 17 settembre 2021- Era il 1871 quando in Germania veniva aperta la prima fabbrica KSB. Oggi il Gruppo è presente sul mercato come fornitore di pompe, valvole, relativi sistemi e servizi, basandosi su una solida tradizione di alto livello tecnologico e di attenzione ai rapporti umani. I principali settori in cui opera sono: ingegneria di processo, building, energia, trasporto acque, trattamento acque cariche e trasporto di solidi. Nel

arese_cc.jpgConcorezzo. Dalla mitica sede dell'Alfa Romeo nasce il mall più grande d’Italia. Anche KSB Italia, multinazionale leader nella produzione e nella vendita di pompe e valvole per il trasporto di fluidi con sede a Concorezzo in Brianza, con i suoi prodotti ha partecipato al successo del “Il Centro” di Arese, avendo compiuto una fornitura per l’impianto di condizionamento, di riscaldamento,  per il circuito idrico-sanitario e antincendio. Inaugurato pochi giorni fa, il nuovo Shopping Mall è la galleria commerciale più grande d’Italia. Un progetto unico: 120mila metri quadrati totali, che si snodano su una GLA di 93mila metri quadri (piano terra 55.000mq, primo piano 38.000mq). Aperto dalle 9.00 alle 22.00 (7 giorni su 7 compreso 25 Aprile e 1° Maggio), Il Centro integra oltre 200 insegne complessive di cui 20 dedicate alla ristorazione e alla caffetteria, dispone di 6.000 posti auto per un’accoglienza senza eguali per un bacino di utenza potenziale di ben 13.000.000 di persone all’anno. Sono state fornite da KSB ben 2.208 valvole, 38 compensatori e 173 filtri, prodotti destinati  all’impianto di condizionamento, riscaldamento, al circuito idrico-sanitario e antincendio del complesso. L’intero centro commerciale, inoltre, è stato progettato nel rispetto dei criteri di risparmio energetico e bio-sostenibilità, in linea con gli standard promossi dal U.S. Green Building Council per ottenere la prestigiosa certificazione LEED® di livello Gold. Non a caso sono stati scelti i prodotti KSBper la quale l’attenzione verso le tematiche ambientali sono da sempre una priorità. Questa commessa si aggiunge agli innovativi progetti dell’azienda di Concorezzo, tra le quali: 328 valvole a farfalla pneumatiche in esecuzione speciale per recuperare la Costa Concordia, la nave da crociera naufragata di fronte all’isola del Giglio nel 2012; la fornitura di valvole per il Grattacielo “Bosco Verticale” di Milano, decretato da una giuria di esperti “il più bello del Mondo” (Premio International Highrise Award); prodotti KSB anche per l’impianto di riscaldamento e condizionamento del Teatro della Scala di Milano e nella torre Isozaki, il grattacielo più alto d’Italia e di Milano. Non stupisce, allora, che anche il centro commerciale più grande d’Italia e tra i piu’ grandi in Europa abbia scelto di affidarsi a KSB come suo fornitore.  “Siamo orgogliosi di aver contribuito alla realizzazione di un’opera così unica. – ha commentato Guglielmo Cristao, responsabile General Business – Un progetto che rilancia un’area importante e che ha creato molti nuovi posti di lavoro.”

Leggi anche

Pallavolo, impresa rosa: conquistata la serie C!

Magie degli animali: cane salva cinque gattini abbandonati

Maxi-rissa: prime denunce e primi referti medici

---------------------------------------------------------------

Per la tua pubblicità su concorezzo.org: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

*/ ?>

Cronaca

arese_cc.jpg

Ksb mette la firma sul mega centro commerciale di Arese

Concorezzo. Dalla mitica sede dell'Alfa Romeo nasce il mall più grande d’Italia. Anche KSB Italia, multinazionale leader nella produzione e nella vendita di pompe e valvole per il trasporto di fluidi con sede a Concorezzo in Brianza, con i suoi prodotti ha partecipato al successo del “Il Centro” di Arese, avendo compiuto una fornitura per l’impianto di condizionamento, di riscaldamento, &nbs

visita del sindaco al centro service di paliano 01.jpgConcorezzoÈ stato inaugurato mercoledì 6 luglio 2022 il nuovo Centro Service di KSB Italia, azienda leader nella fornitura di pompe e valvole per il trasporto di qualsiasi tipologia di fluido con sede a Concorezzo (MB). Il nuovo sito si trova a Paliano in Via Londra (Zona Industriale Amasona) in provincia di Frosinone, un’area industriale ricca di realtà produttive. Il nuovo centro si aggiunge agli altri centri di assistenza KSB presenti a Concorezzo (MB), Scorzè (VE), Assemini (CA), Statte (TA), Sannazzaro dè Burgondi (PV) presso la raffineria ENI e ai cantieri temporanei presso i clienti tra i quali vi sono la raffineria Eni di Taranto, la raffineria IPLOM di Busalla e la centrale Enel di Torvaldaliga. Inoltre in tutto il mondo il Gruppo KSB è presente con più di 190 centri di assistenza e circa 3.500 gli specialisti disponibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

La divisione Service di KSB opera nel settore della manutenzione industriale. Applica il know-how del Gruppo KSB non solo nelle revisioni di pompe e valvole, ma anche nell’ampia gamma di lavorazioni meccaniche offerte. La divisione si distingue per versatilità, capacità di adeguare gli interventi alle esigenze del cliente, nel rispetto delle tempistiche richieste. Da sempre sinonimo di affidabilità ed efficienza produttiva, si propone al mercato italiano con un’ampia gamma di servizi quali: visite ispettive, revisioni parziali, revisioni generali, fornitura ricambi, attività on site e di officina, servizi meccanici per la manutenzione delle pompe e delle valvole installate negli stabilimenti di produzione, nelle centrali di produzione di energia elettrica, nelle raffinerie e nei depositi di prodotti petroliferi. L’offerta, a secondo le esigenze del committente, può comprendere: il supporto tecnico e d’ingegneria, le proposte di aggiornamento tecnologico, la gestione e l’amministrazione del servizio, l’archiviazione dei dati, la programmazione delle attività, la disponibilità su chiamata in emergenza e, su richiesta, il servizio di reperibilità.

Il taglio del nastro arriva dopo circa due anni di anni di lavoro, serviti per testare la scelta fatta di aprire anche in centro Italia. Questa realtà ha la funzione di essere punto di riferimento per i clienti della zona di Frosinone e Latina con lo scopo di offrire un servizio di assistenza completo ai clienti dalla consulenza personale sul montaggio e la messa in funzione fino alla manutenzione e alla riparazione. Il centro ha una dimensione di 1.300 m² e il core business sono le pompe centrifughe multistadio e monostadio per fluidi diatermici, pompe sommergibili, revisione di valvole, motori elettrici, PumpDrive e tenute meccaniche.

L’inaugurazione si inserisce in una tre giornate di formazione in programma dal 5 al 7 di luglio presso la sede. I temi che verranno affrontati spazieranno dalla manutenzione alle lavorazioni meccaniche sugli impianti, dal trasporto al trattamento delle acque pulite e cariche fino all’ottimizzazione energetica e al monitoraggio predittivo negli impianti industriali e civili.

“Sono molto soddisfatto del lavoro che stiamo svolgendo in questo nuovo stabilimento. – ha affermato Riccardo Vincenti, Consigliere Delegato KSB Italia S.p.A. - Già in questo primo periodo abbiamo raddoppiato il personale per offrire un servizio sempre più attento e immediato ai nostri clienti. Il nostro obiettivo è che questo sito diventi anche un centro di formazione. Nel breve periodo intendiamo coinvolgere attivamente sia le scuole sia le Università del territorio.”

*/ ?>

Cronaca

visita del sindaco al centro service di paliano 01.jpg

Ksb si rafforza e apre una nuova sede in Italia

Concorezzo. È stato inaugurato mercoledì 6 luglio 2022 il nuovo Centro Service di KSB Italia, azienda leader nella fornitura di pompe e valvole per il trasporto di qualsiasi tipologia di fluido con sede a Concorezzo (MB). Il nuovo sito si trova a Paliano in Via Londra (Zona Industriale Amasona) in provincia di Frosinone, un’area industriale ricca di realtà produttive. Il nuovo centro si aggiunge agli altri centri di assistenza KSB prese

ksbstoria2.jpgConcorezzo. Era il 1871 quandoJohannes Klein, Friedrich Schanzlin e August Becker fondarono la società “Frankenthaler Maschinen & Armatur-Fabrik Klein, Schanzlin & Becker” a Frankenthal, in Germania. Qualche anno più tardi, nel 1887, KSB diventò una società per azioni e nel 1895 venne quotata.

Oggi Ksb è una realtà aziendale leader a livello mondiale, capace di imporre il proprio marchio dal grattacielo più bello del mondo a Milano fino al recupero della Concordia.

Crescita e sviluppo sono gli obiettivi della strategia messa in campo dall’azienda, guardando sempre con attenzione alle persone e condividendo in nome della trasparenza gli obiettivi e i traguardi raggiunti.

 

«È un grande onore per me festeggiare 90 anni di attività di un’azienda che con la sua tecnologia, i suoi servizi e prodotti è un esempio di positività». – Ha commentato Riccardo Vincenti, Consigliere Delegato KSB Italia.

 

«La nostra tecnologia è garanzia per il successo dei nostri clienti – conclude Gilberto Chiarelli, Amministratore Delegato KSB Italia – da anni lavoriamo impegnandoci in ogni aspetto, non solo per fornire prodotti innovativi, ma anche soluzioni che consentano una qualità di vita migliore». 

ksbstoria1.jpgIn Italia la società iniziò a rappresentare gli interessi del gruppo tedesco KSB dal 1°Maggio 1925, attraverso l'Anonima Lombarda Costruzione Pompe, che aprì gli uffici a Milano in Via Principe Umberto 28 e l’officina in una serra ristrutturata in Via Moscova 39. L’attività ebbe una crescita molto veloce e fu necessario ampliare l’officina, aprendo una nuova sede in Via Settembrini (MI), dove lavoravano circa 50 persone. Crescita e sviluppo portarono dopo soli tre anni a ritrasferire l’officina da Via Settembrini a Precotto, nella zona industriale di Milano, in uno spazio di circa 3.600 metri quadrati. Grazie al forte sviluppo del mercato chimico italiano, che dopo la guerra mondiale si posizionò al primo posto, gli anni che seguirono furono anni di grande lavoro e incremento degli ordini. Nel 1980 si modificò la ragione sociale in KSB Italia Spa. Nel 1997 l’attività commerciale e amministrativa venne trasferita a Concorezzo (MB) e dal 2004 anche l’attività produttiva si concentrò nel sito brianzolo, dove ha tutt’ora sede. Parte del gruppo anche la società KSB Service Italia Srl, interamente controllata, che offre un servizio post-vendita completo e sempre a supporto delle esigenze del cliente.

 La tecnologia che lascia il segno - Il gruppo KSB è leader mondiale nel mercato di pompe, valvole e sistemi per il trasporto affidabile di tutte le tipologie di fluidi grazie a un’ampia gamma di prodotti. È presente in tutti cinque i continenti con 30 sedi produttive in 19 paesi, 90 sedi nel mondo, 160 centri service, 16.300 collaboratori, 900 prodotti disponibili sul mercato e 6 applicazioni per un fatturato globale di circa 2.300 milioni di euro raggiunto nel 2014. In Italia ha al suo attivo a Maggio 2015, 142 dipendenti presso KSB Italia Spa e 114 nella società controllata KSB Service Italia Srl, per un totale di 256 dipendenti. Oltre alla sede principale a Concorezzo (MB), gestisce cinque centri service (Milano, Taranto, Pavia, Venezia e Cagliari) e 53 agenzie di vendita sul territorio nazionale. Nel 2009 KSB Italia ha ricevuto il riconoscimento del Great Place Work Institute come una delle “Cento aziende dove si lavora meglio”. Da questa data l’attività di comunicazione si è intensificata mostrando al mondo un modello di lavoro esemplare per i risultati economici, per i prodotti innovativi, per l’attenzione verso l’ambiente lavorativo e i dipendenti. Nel Gennaio 2014 KSB Italia è stata la prima filiale del gruppo ad effettuare un rinnovamento interno passando da un’organizzazione per “Market Segment” ad un’organizzazione per “Business Type”, con lo scopo di avere una struttura più vicina ed orientata alle esigenze del cliente, sviluppando sistemi e progetti di assistenza personalizzati.

Dall’esperienza del passato all’intuizione del futuro Il convogliamento dei fluidi è il core business di KSB da più di 140 anni, un lasso di tempo durante il quale l’azienda specializzata nella produzione di pompe e valvole ha messo sul mercato soluzioni sempre più innovative e performanti. KSB opera principalmente in sei settori di applicazione: industriale, energetico, acqua e acque cariche, building, estrattivo e automazione. 

Progetti innovativi In 90 anni di attività KSB Italia ha partecipato con suoi prodotti alla riuscita di molti importanti progetti a livello nazionale e internazionale. Ricordiamo per esempio nel 2013 il recupero della Costa Concordia, realizzato grazie a 328 valvole posizionate sui cassoni del sistema ideato da Titan Salvage e Micoperi per rialzare dal fondale marino la nave da crociera naufragata il 13 Gennaio 2012 al largo dell'Isola del Giglio (GR) e permetterle nel Luglio 2014, l’arrivo fino al porto di Genova. Presenti pompe e valvole anche in molti edifici che compongono Milano City Life, nel grattacielo Unicredit (MI) e nel grattacielo Bosco Verticale (MI), decretato come il più bello del mondo nel Novembre 2014 dai giurati del Premio International Highrise Award. I prodotti KSB sono spesso utilizzati anche in monumenti storici, come per esempio nel Teatro alla Scala di Milano o nei recenti restauri della Villa Reale di Monza.

 

La formazione - Investire nelle persone per creare valore in azienda. Questa è la politica di gestione adottata da KSB Italia, che oltre a basarsi sul rispetto delle persone, guarda alla valorizzazione e allo sviluppo delle competenze individuali, nella convinzione che le risorse umane rappresentino un asset intangibile di fondamentale importanza per il successo aziendale e costituiscano la base per il processo di innovazione.  Le ore di formazione per il personale nel 2014 sono state  2.908 e 184 quelle dedicate ai clienti con corsi di formazione personalizzati in base alle loro esigenze.

L’ambiente - KSB Italia considera il rispetto per l’ambiente come un importante fattore strategico di competitività e parte integrante della cultura aziendale. L’impegno per ridurre l’impatto ambientale e il consumo di energia è a 360°. L’ultimo risultato è dell’inizio del 2015 con il raggiungimento di 1000 alberi risparmiati grazie all’impianto fotovoltaico installato sul magazzino dell’azienda nel Settembre 2010 e attivo da Febbraio 2011, che ha permesso la riduzione della quantità di emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera di 150.000 kg.

Qualità - Al fine di valutare in maniera adeguata il proprio impatto ambientale, in un’ottica di miglioramento continuo e nel rispetto delle linee guida emanate dalla Casa Madre, KSB Italia ha introdotto un Sistema di Gestione Integrato (S.G.I.) secondo la norma ISO 14001, integrato con il Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Qualità conforme rispettivamente alle norme OHSAS 18001 e ISO 9001.

ksbvincenti.JPGL’innovazione all’insegna del risparmio energetico - Lo sviluppo sostenibile è perseguito anche grazie a prodotti sempre più efficienti (nella foto l'ad Italia, Riccardo Vincenti). Tra i prodotti più innovativi ricordiamo la pompa MegaCPK, che grazie alle sue caratteristiche e per il suo elevato risparmio energetico è stata premiata nel 2012 con il “Global Centrifugal Pumps Innovation Award”, da Frost & Sullivan, azienda internazionale di consulenza tecnologica.  Il Motore SuPremE®, che con la sua innovativa progettazione ed il suo elevato rendimento soddisfa e supera i requisiti di efficienza secondo lo standard IE4 in vigore (Direttiva ErP/Regolamento 640/2009/CE), consentendo una riduzione dei consumi fino al 30%. In abbinamento poi con il PumpDrive, il sistema di controllo della velocità, consente di risparmiare fino al 70% dei consumi rispetto all’utilizzo di valvole di regolazione e motori asincroni IE2. KSB inoltre offre anche una gamma completa di valvole per tutte le applicazioni e situazioni in massima sicurezza.  A conferma di ciò le pompe e le valvole KSB hanno trovato spesso applicazioni in strutture all’avanguardia nel rispetto dell’ambiente, come nel 2013, quando sono stati impiegati per la realizzazione del più grande data center italiano realizzato da Eni a Ferrera Erbognone (PV).  Sempre nel 2013 i prodotti KSB sono stati protagonisti della ristrutturazione della raffineria Eni di Porto Marghera (VE), detta green refinery, dotata di un innovativo impianto per la produzione di biocarburanti ad elevata qualità. KSB Italia ha partecipato al progetto fornendo sei gruppi di pompe API 610 modello RPH per il trasferimento di olio di palma, da reattore a reattore, e più di 500 valvole.  Nel 2014, tra le soluzioni più innovative, troviamo la fornitura per la Cartiera Favini Spa (VI), leader nella produzione di carte grafiche e speciali. La fornitura ha permesso un abbattimento dei consumi energetici grazie ad un risparmio del 36% dovuto al motore KSB SuPremE® da 110 kW pilotato da inverter per la regolazione della velocità abbinato ad una pompa HGM. Infine l’impegno green si traduce anche in diverse iniziative interne all’azienda che negli anni sono state introdotte; tra le quali l’installazione di un distributore automatico di bevande nel ristorante aziendale per ridurre l’inquinamento prodotto dal trasporto e dalle bottiglie di plastica vuote e la redazione annuale del Bilancio di Sostenibilità, rendendo pubblici i risultati e i progressi raggiunti e programmando possibili obiettivi futuri.

Il welfare - La creazione di un ambiente di lavoro stimolante e piacevole per migliorare il benessere psico-fisico è da sempre tra gli obiettivi dell’azienda. Diverse le iniziative realizzate negli anni e che hanno incontrato la soddisfazione dei dipendenti, tra le quali un’area verde con alberi da frutta per sensibilizzare l’utilizzo di prodotti alimentari sani, una palestra, una biblioteca contente più di 1000 volumi, un servizio di ristorazione interno, la presenza di un avvocato che offre consulenza gratuita fuori dall’orario di lavoro e la flessibilità dell’orario lavorativo. Con queste iniziative si vuole accrescere il senso di appartenenza all’azienda, in quanto si ritiene che ogni risultato sia merito del lavoro di squadra e di scelte condivise.

*/ ?>

Cronaca

ksbstoria2.jpg

Ksb, 90 anni di storia, di avanguardia e di innovazioni

Concorezzo. Era il 1871 quando Johannes Klein, Friedrich Schanzlin e August Becker fondarono la società “Frankenthaler Maschinen & Armatur-Fabrik Klein, Schanzlin & Becker” a Frankenthal, in Germania. Qualche anno più tardi, nel 1887, KSB diventò una società per azioni e nel 1895 venne quotata. Oggi Ksb è una realtà aziendale leader a livello mondiale, capace di imporre il proprio marchio dal grattacielo più bello del mondo

Valvole applicate alla Costa Concordia  (3).JPGConcorezzo. KSB Italia, multinazionale con sede in città, leader nella produzione e nella vendita di pompe e valvole per il trasporto di fluidi, si affaccia sul mercato 2018 con un nuovo vantaggio competitivo importante: l’azienda ha certificato i prodotti della serie ETA per renderli conformi per l’Industria 4.0. Alla qualità dei prodotti si aggiunge oggi anche la convenienza per i clienti di poter usufruire dei benefici fiscali previsti dal “Piano Nazionale Impresa 4.0”. Un passo nel presente che guarda con lungimiranza e innovazione al futuro e pone le pompe della serie ETA di KSB tra i più interessanti del mercato. L’agevolazione fiscale consiste nel dare la possibilità ai clienti di accrescere il costo di acquisto dei beni del 30% nel caso del superammortamento e del 150% nel caso dell’iperammortamento, ottenendo così interessanti detrazioni fiscali. Una tecnologia oggi di KSB che si pone ancora una volta all’attenzione mondiale come quando le valvole dell’azienda di Concorezzo sono state parte essenziale del timone di salvataggio della Costa Concordia. Proprio una delle 328 valvole che è servita nel 2014 a far funzionare il sistema ideato daTitan Salvage e Micoperi per rialzare dal fondale marino la Costa Concordia, nave da crociera naufragata il 13 gennaio 2012 al largo dell'Isola del Giglio causando la morte di 32 persone, è oggi esposta in azienda. Un'operazione, quella del recupero realizzata per evitare un disastro ambientale e mai tentata prima su un relitto di così elevate dimensioni (114 mila tonnellate, 290 metri di lunghezza, 35 di larghezza e 57 di altezza) durante la quale le valvole di KSB, posizionate sui cassoni, hanno giocato un ruolo primario. La demolizione del relitto è durata ben 3 anni con 350 addetti impiegati e un costo di oltre 100 milioni di euro. Numeri da record con 59.584 tonnellate di materiali, movimentati tramite 4.616 viaggi, di cui 51.464 tonnellate (86,4%) recuperate e riciclate con 3.737 viaggi, e solo 8.120 tonnellate (13,6%) smaltite, con 879 viaggi. Per il significato simbolico che ha rappresentato il partecipare a questa operazione di salvataggio, KSB ha deciso di recuperare, conservare ed esporre una delle valvole che erano state equipaggiate per attivare il funzionamento dei cassoni di galleggiamento della nave.

*/ ?>

Cronaca

Valvole applicate alla Costa Concordia  (3).JPG

Ksb, dal salvataggio della Concordia all'industria 4.0

Concorezzo. KSB Italia, multinazionale con sede in città, leader nella produzione e nella vendita di pompe e valvole per il trasporto di fluidi, si affaccia sul mercato 2018 con un nuovo vantaggio competitivo importante: l’azienda ha certificato i prodotti della serie ETA per renderli conformi per l’Industria 4.0. Alla qualità dei prodotti si aggiunge oggi anche la convenienza per i clienti di poter usufruire d

ksb90b.JPGConcorezzo. Un traguardo prestigioso quello raggiunto da KSB Italia Spa, che sabato 3 ottobre ha festeggiato i 90 anni di attività invitando i propri dipendenti e le loro famiglie all’open day dell’azienda. La giornata è stata un’occasione per far condividere l’ambiente di lavoro, già premiato grazie ai dipendenti stessi nel 2009, come tra i migliori in Italia, entrando nella classifica delle cento aziende dove si lavora meglio del Great Place to Work Institute. 

Oltre 200 dipendenti hanno partecipato con i propri famigliari a questa giornata, visitando gli uffici, l’officina, il magazzino, il training center, ma anche la palestra, la biblioteca, il frutteto e l’orto aziendale. Molti i bambini presenti, che si sono mostrati incuriositi e con molte domande per i loro genitori. Questi ultimi mostravano loro i prodotti dell’azienda, pompe e valvole dalle differenti tipologie, che, come recita il brand claim di KSB, con la loro tecnologia conducono al successo. All’interno dell’officina e  nel magazzino i quesiti che si sentivano più spesso dalle voci dei bimbi erano: “A cosa serve questo, papà? E quest’altro, mamma?”.

“Per i più piccoli la parte più difficile è capire che i nostri prodotti si inseriscono in sistemi più ampi, in progetti come centrali elettriche, dighe o grandi ospedali – spiega un genitore – per loro vedere dove il papà o la mamma lavora è una cosa interessantissima e non smettono più di fare domande.” I festeggiamenti in occasione dei 90 anni di KSB sono stati anche l’occasione per conoscere le rispettive famiglie; un altro passo simbolico per alimentare un clima di lavoro piacevole e famigliare. 

Dopo le visite nei luoghi chiave dell’azienda, il Consigliere Delegato, Riccardo Vincenti, ha ricordato: “La storia di KSB Italia e’ una storia gloriosa e consolidata, le cui tappe ripercorrono le vicende legate allo sviluppo industriale del nostro paese nell’ultimo secolo, avviata nel 1925, con l’apertura di un ufficio di rappresentanza e di una piccola officina in centro a Milano, in zona Moscova. La storia, che ha visto l’azienda uscire da una devastante Guerra Mondiale con uno slancio e un vigore rinnovato, ha attraversato gli anni del boom economico del nostro Paese fino ai nostri giorni, sempre rinnovandosi, guardando al futuro con la presenza di forti e profonde radici legate alla nostra migliore tradizione”. 

È seguito l’intervento dell’Amministratore Delegato, Gilberto Chiarelli: “Novant’anni sono molti. Sono onorato e sono felice di essere qui con voi e con voi da ormai dieci anni. È bello vedere qui così tanti bambini, che sono la garanzia del futuro. Un ringraziamento al Consiglio di Amministrazione presente e un grazie anche ai nostri clienti che continuano a darci fiducia. Ogni giorno vinciamo delle sfide e ogni anno cresciamo, nonostante il periodo non sia tra i più fortunati, questo grazie a noi,  ma anche grazie ai collaboratori delle altre sedi Service in Italia e nelle altre sedi nel mondo, che contribuiscono a formare una grande squadra di lavoro sia in Italia che all’estero. Infine voglio ricordare che i nostri prodotti si trovano ovunque: quando vi fate la doccia, quando per esempio utilizzate il condizionatore c’è sempre una valvola o una pompa che ne permette il funzionamento. Mi piace quindi pensare che KSB contribuisce ad aumentare il benessere delle persone.

All’open day è intervenuto anche il sindaco di Concorezzo (MB), Riccardo Borgonovo, che ha dichiarato: “Partecipare a questo momento non fa che aumentare in me la stima che ho verso queste persone e questa azienda. Sono orgoglioso di ospitare nel nostro paese una realtà così prestigiosa”.

ksb90.JPG

ksb90c.JPG

ksb90d.JPG

ksb90e.JPG

*/ ?>

Cronaca

ksb90b.JPG

Ksb, festa in famiglia per i 90 anni di storia

Concorezzo. Un traguardo prestigioso quello raggiunto da KSB Italia Spa, che sabato 3 ottobre ha festeggiato i 90 anni di attività invitando i propri dipendenti e le loro famiglie all’open day dell’azienda. La giornata è stata un’occasione per far condividere l’ambiente di lavoro, già premiato grazie ai dipendenti stessi nel 2009, come tra i migliori in Italia, entrando nella classifica delle cento aziende dove si lavora meglio del Gr

KSB Italia S.p.A. --- Concorezzo MB ridemensionata.jpgConcorezzoKSB Italia ha invitato tutti i suoi dipendenti a partecipare al corso "La sostenibilità applicata alla vita quotidiana", un'iniziativa formativa pensata per diffondere consapevolezza e competenze indispensabili per affrontare le sfide ambientali del nostro tempo.
L’essere sempre più sostenibile è, per l’azienda di Concorezzo, una sfida quotidiana. KSB Italia conferma con questa iniziativa l’approccio da sempre improntato all’attenzione dell’ambiente e all’affidabilità dei prodotti con lo scopo di abbattere i consumi energetici e di impattare sempre meno.

Nel 2009 l’azienda ha creato un frutteto aziendale che oggi è l’emblema del suo impegno ecologico. Nel 2010 ha installato i pannelli solari e l’impianto fotovoltaico sul magazzino aziendale, riducendo le emissioni di CO2. È presente sul mercato con prodotti a basso consumo energetico e offre soluzioni che consentono di risparmiare energia e denaro. Ogni anno, l'azienda redige il Bilancio di Sostenibilità, rendendo pubblici i progressi e pianificando nuovi obiettivi.

Se nel 2014, in occasione della Giornata Mondiale dell'Ambiente, KSB Italia ha regalato come gesto simbolico una piantina di pomodoro a ogni dipendente, per sottolineare l’impegno green, oggi ha coinvolto tutti in un corso, partendo dal principio che solo grazie ad una collaborazione globale e l’impegno di ognuno si potrà contrastare il cambiamento climatico. L’azienda ha già fatto tanto sia a livello strutturale sia a livello di prodotti per essere sempre più eco-sostenibile e quest’anno ha voluto investire in un percorso rivolto a tutti dipendenti che donasse loro un metodo per adottare degli stili di vita sostenibili e poco impattanti per il nostro pianeta.

Nel 2010 il Gruppo KSB ha aderito al Global Compact delle Nazioni Unite, con l’obiettivo di allineare tutte le attività aziendali dei siti KSB nel mondo ai dieci principi che mirano a rendere la globalizzazione più responsabile socialmente ed ecologicamente. Ha anche aderito ai 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainability Development Goals) definiti dalle Nazioni Unite nell’Agenda 2030 e si impegna costantemente al loro raggiungimento. Il rispetto di questi obiettivi nell’attività lavorativa quotidiana è un aspetto imprescindibile della responsabilità aziendale verso gli stakeholder. Coerentemente con tale impegno, KSB Italia ha introdotto un Sistema di Gestione Ambientale secondo la norma ISO 14001:2015, integrato con il Sistema di Gestione Salute e Sicurezza e Qualità conformi rispettivamente alle norme ISO 45001:2018 e ISO 9001:2015. Ha inoltre intrapreso un significativo percorso verso la sostenibilità ambientale, avviando dal 2021 il processo di certificazione Zero Emission Company per la sede di Concorezzo (MB), che dichiara la completa compensazione delle emissioni di CO2 legate ai consumi energetici. L’iniziativa è stata estesa nel 2022 anche al centro service di Sannazzaro de’ Burgondi (PV) e quest’anno si propone di estenderla anche ai centri service di Scorzè (VE), Taranto (TA), Paliano (FR), Assemini (CA) e Busalla (GE).

La prima parte del corso è stata dedicata alle tre dimensioni fondamentali della sostenibilità: ambientale, economica e sociale. Sono stati toccati aspetti anche molto pratici legati alla vita quotidiana, per indurre le persone ad essere sempre più green e sensibilizzarle sul contributo che ognuno può dare in tal senso. Il programma ha fornito una panoramica delle principali direttive internazionali, come il Protocollo di Kyoto, l'Accordo di Parigi e il Green Deal Europeo, sottolineando l'importanza della collaborazione globale per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050.

Il programma del corso, inoltre, ha coperto un ampio spettro di temi, dai concetti base di sostenibilità all'analisi del cambiamento climatico e dell'effetto serra. I partecipanti hanno anche imparato come calcolare e azzerare le emissioni di gas serra (GHG), esplorando le iniziative concrete che l’azienda ha implementato negli anni e sta implementando nell’ambito della sostenibilità. Il corso è stato tenuto dalla società di consulenza Energy Saving S.p.A.

CHI È KSB ITALIA SPA?

KSB Italia S.p.A. è presente in Italia dal 1925, ha la sua sede operativa a Concorezzo (MB) e centri service, agenzie di vendita e centri di assistenza tecnica in tutte le regioni. Rappresenta gli interessi del Gruppo KSB, nato nel 1871 in Germania, e fornitore internazionale di pompe, valvole e sistemi innovativi per il trasporto di fluidi.

 

*/ ?>

Cronaca

KSB Italia S.p.A. --- Concorezzo MB ridemensionata.jpg

Ksb, lezioni di sostenibilità per i dipendenti

Concorezzo. KSB Italia ha invitato tutti i suoi dipendenti a partecipare al corso "La sostenibilità applicata alla vita quotidiana", un'iniziativa formativa pensata per diffondere consapevolezza e competenze indispensabili per affrontare le sfide ambientali del nostro tempo.L’essere sempre più sostenibile è, per l’azienda di Concorezzo, una sfida quotidiana. KSB Italia conferma con questa iniziativa l’approccio da sempre improntato

cucinaksb1.jpg

 

Concorezzo. Presi letteralmente per la gola. Ingegneri e operai che hanno - tra le altre cose - riportato a galla la Concordia, ora si trovano anche sotto altri riflettori: quelli di una sorta di MasterChef aziendale. Da qualche giorno, infatti, nella sede italiana della multinazionale, in via D'Azeglio, i dipendenti non solo hanno la possibilità di portarsi a casa una "schisceta" stellata, ma partecipano anche a veri e propri corsi di cucina.

Una ulteriore evoluzione di quel benessere lavorativo che ha già portato in tv l'azienda (a "Che tempo che fa" di Fazio) per l'idea di creare una biblioteca aziendale e riempito le pagine di giornali per una serie di brillanti idee che spaziano dalla palestra interna al frutteto lavorato dai dipendenti.

E se si imparasse in azienda a cucinare? È quello che è successo questa settimana alla KSB Italia da quando è attivo il servizio di ristorazione con il quale la multinazionale con sede a Concorezzo, leader nella produzione e nella vendita di pompe e valvole per il trasporto di fluidi, ha rivoluzionato l’approccio all’alimentazione dei dipendenti.

Ora Il cirso di cucina è il fiore all’occhiello di un progetto di ampio respiro che ha trasformato la mensa in un innovativo servizio di ristorazione. Gli chef del ristorante aziendale hanno svelato i trucchi per una cucina veloce, ma salutare. Questa è stata la prima sessione di un percorso che porterà nel corso dell’anno i dipendenti a saper cucinare piatti regionali, oppure a fare la pasta e il pane in casa, o a preparare le ricette per le zuppe più gustose.

KSB Italia ha sempre come obiettivo, quello di elevare la qualità dell’ambiente lavorativo. L’azienda, era già stata inserita nel 2009 tra “Le 100 aziende dove si lavora meglio”, secondo un’indagine condotta dal Great Place to Work Institute® pubblicata da Guerrini e Associati. Nel febbraio del 2010 un primo passo per migliorare la pausa pranzo, modificando la sala dove si mangia rendendola più accogliente con muri dai colori caldi che richiamano le quattro stagioni. Poi l’opportunità di arricchire la dieta cogliendo direttamente dal frutteto di KSB Italia, frutta fresca di stagione. Un’iniziativa simbolica che ha riscosso molto successo tra i lavoratori. Oggi il passo definitivo in questo campo con un servizio di qualità e personalizzato.   

cucinaksb2.jpg

 L’attenzione principale ricade sui menù proposti che vanno nella direzione di un’alimentazione sana, in particolare grazie al progetto denominato “La Tavola Buona”, che introduce piatti che privilegiano l’utilizzo di ingredienti freschi, di stagione, meno raffinati con spezie e erbe aromatiche in modo da ridurre l’utilizzo di sale e grassi. Di ogni preparazione è disponibile il ricettario con il dettaglio degli ingredienti, delle grammature e la valorizzazione calorica. Il menù proposto ha una articolazione stagionale e segue una rotazione di quattro settimane. Con un anticipo di sette giorni viene esposto il menù in modo tale che i dipendenti sappiano per tempo cosa verrà offerto. Non mancheranno le sorprese per rendere la programmazione dinamica e ricca di novità: a tavola saranno proposti piatti regionali, etnici, tematici di vario tipo collegati alle festività, alle stagioni e ad aventi speciali. Nei menù scelti dalla multinazionale non manca una visione internazionale che porterà sui tavoli anche piatti indiani, spagnoli o greci.

A guidare le scelte dei dipendenti c’è anche un consulente nutrizionale che è in grado di fornire indicazioni dietetiche sulla composizione calorica delle preparazioni e di dare suggerimenti sull’alimentazione da seguire.

Il classico sacchetto con panino e bibita, sempre per proporre una dieta sana e equilibrata, è stato sostituito dal servizio lunch box. Chi ha fretta potrà prenotare il proprio take away composto da pasti freddi di facile consumo. Un modo pratico, sano ed equilibrato per non saltare il pasto. Su richiesta il lunch box è disponibile anche da portare via alla sera.

Massima attenzione alla salute, ma anche all’ambiente con l’introduzione di un erogatore per la distribuzione libera di acqua naturale e gassata, prodotti naturali, varie bevande gassate, tè freddo, ad uso self service. L’erogatore di bevande diminuisce fortemente l’impatto ambientale connesso con l’attività di ristorazione: vengono eliminate le bottiglie di plastica, gli imballaggi, le emissioni di anidride carbonica legate al trasporto delle merci. Questo è un altro tassello “verde” che si aggiunge alla politica ecologica portata avanti dall’azienda che ha fatto la certificazione energetica degli edifici (2009), introdotto il solare termico e installato i pannelli fotovoltaici (2010) con l’obiettivo di raggiungere le  zero emissioni. Tutti i prodotti sono realizzati seguendo un’evoluzione sempre più eco-compatibile, ottimizzando sempre di più il consumo energetico.


«Questo cambiamento contribuirà ad aumentare quella sensazione di benessere del dipendente e quel senso di appartenenza che ci permettono di lavorare meglio e di raggiungere gli obiettivi e superare le sfide che di anno in anno ci si presentano». Questo il commento di Riccardo Vincenti, Consigliere Delegato KSB Italia.

 

La parola d’ordine è niente sprechi. In nome della responsabilità sociale e per contribuire alla diminuzione degli sprechi, le inevitabili eccedenze (cibo non consumato e generi alimentari non distribuiti) saranno destinate al Banco Alimentare. L’intero progetto è stato studiato e realizzato in collaborazione con l’azienda “Camst, la Ristorazione Italiana”. 

*/ ?>

Cultura

cucinaksb1.jpg

Master chef in azienda: in Ksb "schisceta" stellata e corsi di cucina

  Concorezzo. Presi letteralmente per la gola. Ingegneri e operai che hanno - tra le altre cose - riportato a galla la Concordia, ora si trovano anche sotto altri riflettori: quelli di una sorta di MasterChef aziendale. Da qualche giorno, infatti, nella sede italiana della multinazionale, in via D'Azeglio, i dipendenti non solo hanno la possibilità di portarsi a casa una "schisceta" stellata, ma partecipano anche a veri e propri corsi di

Concorezzo. Quando a KSB Italia S.p.A. è stato proposto di partecipare come fornitore alla costruzione di un nuovo ospedale pediatrico in Uganda, l’azienda ha dato subito la disponibilità per donare i suoi prodotti e la sua esperienza nel settore delle strutture sanitarie. Ed è così che è nata la collaborazione tra KSB Italia S.p.A., azienda specializzata nella produzione di pompe, valvole e sistemi con sede a Concorezzo (MB), ed EMERGENY ONG Onlus, nata nel 1994, che ad oggi ha lavorato in 18 Paesi e ha curato oltre 11 milioni di persone.

Lo scopo - Questa nuova struttura ha lo scopo di fornire cure di chirurgia pediatrica altamente qualificate e gratuite, quindi di ridurre la mortalità infantile in un Paese, dove i dati sono ancora difficili. L’ospedale di EMERGENCY offrirà cure gratuite e sarà un centro di riferimento per i bambini ugandesi e per bambini provenienti da tutta l’Africa. La necessità di questo centro è stata evidenziata anche dai Ministri della Salute africani che fanno parte dell’ANME (African Network of Medical Excellence), la “Rete sanitaria d’eccellenza in Africa” creata nel 2010 e che coinvolge 11 Paesi nella costruzione di centri medici di eccellenza con l’obbiettivo di rafforzare i sistemi sanitari nel continente, creando una strategia comune di risposta ai problemi sanitari dell’area.

L’ospedale di Entebbe è la seconda struttura della rete, dopo il Centro Salam di cardiochirurgia di Khartoum in Sudan.

Il progetto - KSB Italia S.p.A. ha donato diverse pompe destinate alla circolazione di acqua calda e fognaria, sistemi per la linea antincendio e sistemi di pressurizzazione per la rete di acqua domestica. La fornitura: 24 pompe Etaline, 2 pompe Sewabloc, 2 circolatori Calio, 1 sistema SurpressTec, 1 sistema SurpressFire.

L'ospedale è costruito su un terreno di 120 mila metri quadrati, donato dal governo ugandese, ed è un progetto unico anche dal punto di vista architettonico. Una combinazione di eccellenza architettonica con quella ospedaliera, che vuole offrire ai pazienti un ambiente adatto alla cura e alla guarigione. L’ospedale è costituito da un edificio principale che si sviluppa su due livelli per un totale di 9.000 metri quadrati e ha una capienza fino a72 posti letto. I principali elementi della struttura ospedaliera sono: 3 sale operatorie, 1 sala di sterilizzazione, terapia intensiva (6 letti), terapia sub-intensiva (16 letti), corsia di degenza (50 letti), 1 reparto emergenza, 6 ambulatori, radiologia, laboratorio e banca del sangue, TAC, farmacia, amministrazione, servizi ausiliari, foresteria per i pazienti stranieri. L'edificio è costruito in terra pisé, una tecnica tradizionale che utilizza la terra cruda e aiuta a garantire un’inerzia termica in grado di mantenere costanti la temperatura e l’umidità, e dotato di 2.600 pannelli solari fotovoltaici per soddisfare parte del fabbisogno energetico.

 

I consumi energetici saranno così minimizzati. Circondato da un ampio giardino alberato, è anche un centro di formazione per giovani dottori e infermieri provenienti dall’Uganda e dai Paesi circostanti. Per questo progetto, EMERGENCY ha potuto contare sulla collaborazione tecnica e sui contributi economici ricevuti da tanti privati e aziende che hanno creduto nel progetto e hanno deciso di sostenerlo.

Maggiori informazioni: https://www.emergency.it/aziende/uganda/

Inizio attività - Iniziati a febbraio 2017, i lavori per la costruzione dell'ospedale sono terminati alla fine del 2019, puntando ad avviare le attività sanitarie nei primi mesi del 2020. A causa della pandemia di Covid-19 e delle conseguenti misure restrittive messe in atto da diversi Paesi, tra cui l’Italia e l’Uganda, l’avvio delle attività – previsto per aprile 2020 – è stato rimandato. Parte del personale internazionale che era già arrivato in Uganda per la fase di avvio del progetto è stato riassegnato in Italia, per sostenere la risposta di EMERGENCY alla crisi Covid-19. Nel corso dell’estate si sono completati gli allestimenti, gli arredi e le ultime finiture. Alla luce dei recenti sviluppi dell’emergenza Covid-19 si sta valutando l’ipotesi di inizio attività per il 2021.

Il commento di Renzo Piano - “Quando Gino Strada mi ha chiesto di partecipare a questa nuova sfida di EMERGENCY non ci ho pensato due volte, ho detto immediatamente sì! Questo ospedale sarà un modello di eccellenza medica, sostenibilità ambientale, indipendenza energetica e armoniosa distribuzione dello spazio. Vogliamo utilizzare le risorse della terra, l’acqua e il sole, i migliori traguardi della modernità, quelli veri. L’ospedale sarà edificato sulle rive del Lago Victoria, circondato da natura e alberi. La vegetazione sarà l'orizzonte dei piccoli ospiti, gli alberi come metafora del processo di guarigione”. - afferma Renzo Piano, architetto del centro.

Il commento di KSB Italia S.p.A. – “Abbiamo deciso di aderire a questo importante progetto, che porterà un nuovo ospedale in Uganda, in quanto rispecchia la nostra visione aziendale. Da sempre KSB Italia si impegna in iniziative a scopo benefico e sociale. La nostra azienda, che investe molto nel welfare, mettendo al centro il benessere dei propri dipendenti, in questo specifico caso è stata onorata di poter supportare la nascita di un ospedale proprio laddove ce n’è più necessità. Siamo anche orgogliosi che professionisti come Renzo Piano e quelli dell’Ufficio Tecnico di EMERGENCY abbiano optato per la qualità dei nostri prodotti per questa eccellente realizzazione” - dichiara Riccardo Vincenti, Consigliere Delegato KSB Italia S.p.A.

KSB_eccellenza chirurgica privata.jpeg

KSB_riccardo vincenti foto ok 2020.jpeg

*/ ?>

Cultura

KSB_eccellenza chirurgica privata.jpeg

Ospedale pediatrico in Uganda: batte il cuore di Ksb

Concorezzo. Quando a KSB Italia S.p.A. è stato proposto di partecipare come fornitore alla costruzione di un nuovo ospedale pediatrico in Uganda, l’azienda ha dato subito la disponibilità per donare i suoi prodotti e la sua esperienza nel settore delle strutture sanitarie. Ed è così che è nata la collaborazione tra KSB Italia S.p.A., azienda specializzata nella produzione di pompe, valvole e sistemi con sede a Concorezzo (MB), ed EMERGENY

ksb_pompe.jpgConcorezzo. Con l’istallazione di un nuovo gruppo di pressurizzazione idrica KSB presso la sede di Verona, Zuegg Spa ha ottenuto un abbattimento dei consumi energetici con un risparmio misurato del 30% rispetto al vecchio impianto installato. Si chiama KSB FluideFuture® il concetto globale sviluppato da KSB e che si propone di sfruttare al massimo il potenziale di risparmio energetico delle pompe centrifughe, ottimizzando l’efficienza complessiva dell’impianto, esaminando l’intero sistema idraulico e individuando il potenziale per l’ottimizzazione di ogni singola sezione.

KSB, multinazionale leader nella produzione, vendita e customizzazione di pompe e valvole per il trasporto di qualsiasi tipologia di fluido, con sede italiana a Concorezzo (MB), lavora da sempre sul tema dell’ottimizzazione energetica complessiva degli impianti, con l’obiettivo di prolungare la vita operativa dell’intero sistema e garantendone gli obiettivi di affidabilità e il basso consumo energetico. Sfide, quella del risparmio energetico e dell’ecosostenibilità, che l’azienda ha fatto sue con dinamismo e nelle quali investe molte risorse con attiva partecipazione e responsabilità. Un’attenzione continua posta verso tematiche che divengono oggi prioritarie per essere competitivi sul mercato.

Questo progetto del 2016 è stato destinato alla sede di Zuegg Spa a Verona, multinazionale specializzata nella lavorazione della frutta e la cui produzione si sviluppa su due fronti: uno Business to consumer (B2C), con 97 tipologie di prodotto per i due marchi Zuegg e Skipper Zuegg e uno Business to Business (B2B) leader nella produzione di semi-lavorati di frutta per altre industrie alimentari.

Uno studio attento dei consumi esistenti ha consentito a KSB Italia di rispondere con efficacia all’esigenza del cliente, che richiedeva di ottenere una migliore regolazione nelle ore giornaliere della portata dell’acqua. A inizio 2015 i primi studi di fattibilità del progetto, settembre 2015 la consegna dei prodotti e a gennaio 2016 l’avviamento del nuovo gruppo.

La fornitura è stata composto da un gruppo di pressurizzazione idrica tipo KSB SurpressTec composto da 5 pompe verticali multistadio modello Movitec B equipaggiate da motore KSB SuPremE® da 18,5 kW con classe di efficienza IE51 secondo IEC 60034-30 Ed.2 e pilotate ciascuna da un inverter KSB PumpDrive R, che consentono la regolazione continua della velocità di rotazione, adeguandosi costantemente alla richiesta idrica dell’impianto. Il gruppo di pressurizzazione si completa con l’aggiunta di valvole di intercettazione a saracinesca a cuneo gommato con corpo ovale tipo KSB SGO, valvole di ritegno wafer a doppio clapet tipo KSB 2000, valvole a farfalla tipo KSB BOAX B T4 e di un collettore di mandata e aspirazione in acciaio inox AISI 304 – DN 250 PN 16. Il quadro elettrico che gestisce le elettropompe contiene 5 inverter KSB PumpDrive R, gestiti da logica di comando e controllo tramite PLC con scheda Ethernet. Tutti i parametri operativi e di stato dell’impianto sono visualizzabili e gestibili tramite un pannello operatore touch screen a fronte quadro.

Tale soluzione ha consentito un risparmio energetico misurato del 30% rispetto al precedente impianto. Il raggiungimento di un successo è stato garantito dalla capacità innovativa di KSB che è espressione della propria missione aziendale, dei valori e delle strategie atti a raggiungere un sempre migliore livello di qualità tecnologia e efficienza lavorativa.

*/ ?>

Cultura

ksb_pompe.jpg

Risparmio energetico, Zuegg si allea con Ksb

Concorezzo. Con l’istallazione di un nuovo gruppo di pressurizzazione idrica KSB presso la sede di Verona, Zuegg Spa ha ottenuto un abbattimento dei consumi energetici con un risparmio misurato del 30% rispetto al vecchio impianto installato. Si chiama KSB FluideFuture® il concetto globale sviluppato da KSB e che si propone di sfruttare al massimo il potenziale di risparmio energetico delle pompe centrifughe, ottimizzando l’effici

riccardo vincenti consigliere delegato Ksb Italia Spa.JPGConcorezzo. Da gennaio 2020 in KSB Italia S.p.A. sarà disponibile per i dipendenti lo smart working. L’azienda ha deciso di introdurre un nuovo modo di lavorare, che coinvolgerà la maggior parte dei lavoratori. L’obiettivo è quello di andare incontro maggiormente alle esigenze di chi lavora per meglio conciliare il tempo che si vive in azienda con quello personale.

Lo scopo è quello di superare i modelli di organizzazione tradizionali che costituiscono ancora oggi un fattore di rigidità del sistema economico. Restituire alle persone una maggiore flessibilità e autonomia nella scelta degli spazi, degli orari di lavoro e degli strumenti da utilizzare per svolgere le proprie attività lavorative significa creare organizzazioni più flessibili, indirizzate all’empowerment, alla responsabilizzazione e alla focalizzazione sui risultati.

La più recente ricerca condotta da Assolombarda, stima che le imprese che adottano forme di smart working rappresentino il 56% del totale nelle realtà con oltre 250 dipendenti (in forte sviluppo rispetto alla rilevazione precedente) e il 24% fra le PMI (8% con progetti strutturati e 16% con azioni informali). Nella PA solo l’8% degli enti dichiara di avere iniziative strutturate a riguardo, più un altro 1% che sostiene di praticare smart working informalmente. Quanto al numero di lavoratori coinvolti (smart worker) Assolombarda li stima in 480mila, pari al 12,6% della popolazione potenzialmente interessata dal fenomeno (impiegati, quadri e dirigenti in imprese con più di 10 dipendenti): una percentuale in costante crescita. L’associazione degli industriali inoltre ha stimato con un +15% l’incremento in produttività derivante dall’implementazione di un modello “maturo” di smart working.

Secondo altri dati raccolti grazie all’indagine fatta lo smart working sta velocemente prendendo piede fra le imprese: lo strumento viene infatti utilizzato dal 14,0% delle aziende, una quota ampiamente superiore di quella riscontrata (pur su un campione diverso dal punto di vista dell’origine geografica) l’anno scorso. La diffusione dello smart working risulta in funzione delle dimensioni aziendali: è presente nell’8,4% delle realtà sotto i 25 dipendenti, per salire al 9,5% per quelle fra 26 e 100 dipendenti e arrivare al 22,9% in quelle più strutturate.

Dopo un periodo con delle attività pilota, KSB Italia S.p.A ha deciso di coinvolgere la maggior parte dei dipendenti; in particolare quelli che occupano posizioni nelle vendite, nei ricambi, nei reclami e garanzie, nella preventivazione, inserimento ordini, gestione commesse, acquisti, amministrazione, information technology e service. I dipendenti interessati a partecipare al progetto possono fare richiesta al proprio responsabile, indicando quali attività svolgere da remoto; nella misura massima di 1 giorno alla settimana, tendenzialmente fisso e da concordare. Durante quel giorno lo smart worker deve garantire la reperibilità in determinate fasce orarie per favorire l’interazione con gli altri dipendenti e con il responsabile.

Per KSB Italia lo smart working è un ulteriore passo per rendere l’ambiente lavorativo a misura di lavoratore, avendo come obiettivo quello di voler aumentare il senso di appartenenza all’azienda dei propri collaboratori. Non vanno poi trascurati i vantaggi a livello sociale, che si concretizzano, in particolare, nella riduzione del traffico e dell’inquinamento, nella valorizzazione degli ambienti urbani e in un supporto alla leadership femminile.

Da diversi anni l’azienda pone l’attenzione al welfare aziendale per migliorare il benessere psico-fisico del proprio personale. Ricordiamo che per quanto riguarda il welfare aziendale negli anni sono state realizzate diverse iniziative tra le quali un’area verde con alberi da frutta per sensibilizzare l’utilizzo di prodotti alimentari sani; un orto aziendale; una palestra; la navetta gratuita; una biblioteca contente più di 1.000 volumi; un servizio di ristorazione interno; la presenza di un avvocato che offre consulenza gratuita fuori dall’orario di lavoro e la flessibilità dell’orario lavorativo. 

Nella foto Riccardo Vincenti, consigliere delegato di Ksb 

*/ ?>

Cronaca

riccardo vincenti consigliere delegato Ksb Italia Spa.JPG

Smart working, la nuova frontiera di Ksb

Concorezzo. Da gennaio 2020 in KSB Italia S.p.A. sarà disponibile per i dipendenti lo smart working. L’azienda ha deciso di introdurre un nuovo modo di lavorare, che coinvolgerà la maggior parte dei lavoratori. L’obiettivo è quello di andare incontro maggiormente alle esigenze di chi lavora per meglio conciliare il tempo che si vive in azienda con quello personale. Lo scopo è quello di superare i modelli di organizzazione tradizionali ch