santalfredo
santalfredo

calcio

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

MONZA-VIRTUS ENTELLA 5-0
 
Tutto facile per il Monza nel turno infrasettimanale di campionato contro il fanalino di coda Virtus Entella: all’U-Power Stadium i biancorossi rifilano una “manita” alla compagine di Chiavari, che già sabato scorso aveva subito 5 gol in Liguria contro l’Empoli (e altrettanti alla sesta giornata da parte del Lecce). E così, mentre i brianzoli centrano il secondo successo consecutivo, che rinvigorisce i sogni di promozione, i biancocelesti del Tigullio inanellano la quarta sconfitta di fila e rinviano per l’ennesima volta il brindisi per la prima vittoria in campionato (e i pareggi sono solo 5 in 12 partite).
 
Per l’allenatore del Monza, Cristian Brocchi, si è trattata anche di una vendetta personale, dato che 4 anni fa sulla panchina del Brescia aveva perso per 4-0 al Comunale di Chiavari. Se l’ex giocatore biancorosso Vincenzo Vivarini, ora tecnico dell’Entella, oggi lamentava le assenze di De Col, Brescianini, Mazzocco, Morosini, Rodriguez e Morra, quello di casa doveva fare i conti con gli infortuni di Finotto, Paletta e D’Errico, gli ultimi due titolari e dunque sostituiti in campo rispettivamente da Bettella e Barillà. Il neoacquisto Balotelli non è stato convocato, così come già avvenuto per il match di sabato scorso a Venezia, e non era neanche presente allo stadio, dove invece era ospite in tribuna un altro ex “bomber” della Nazionale italiana, Christian Vieri. Da evidenziare che stavolta Brocchi non ha praticamente fatto “turnover” nell’infrasettimanale, limitandosi a preferire Armellino e Gytkyaer rispettivamente a Frattesi e Maric. Non è un buon segno perché significa che, visti i precedenti risultati non brillanti del martedì e mercoledì (tra campionato e Coppa Italia 3 pareggi e 1 sconfitta contro le formazioni di pari categoria), non si fida più delle seconde linee che, stando alle dichiarazioni di inizio stagione, dovrebbero valere quanto le prime. È un segnale che fa pensare a un’altra mini-rivoluzione nel prossimo mercato di gennaio.
 
La prima occasione del match è sui piedi del biancoceleste Koutsoupias, che al 7’ spara alto di poco da ottima posizione. Ma dopo 3’ il Monza passa in vantaggio: Fossati batte un corner, Bellusci spizza per Boateng che da solo colpisce di testa battendo Russo, per la prima volta titolare al posto di Borra. Al 24’ un destro dal limite di Mota viene bloccato a terra da Russo. Al 28’ Fossati batte un altro calcio d’angolo, stavolta direttamente per Boateng che al volo costringe il portiere ospite alla deviazione in corner. Sul calcio d’angolo seguente la palla finisce ancora al “Principe” che di testa infila la rete in fotocopia del primo gol, esibendosi poi in una serie di capriole di quelle che non faceva da tempo. Al 36’ Carlos Augusto fa filtrare la sfera in avanti per Mota che con un tocco pregevole di destro serve al centro Gytkjaer, ma il centravanti danese in scivolata si vede respingere la conclusione da Russo. Nel finale di tempo ci provano, senza successo, Barillà, ancora Gytkjaer e ancora Mota.
 
Il portoghese è scatenato anche a inizio ripresa con due occasioni non trasformate, ma al 28’, dopo una botta di Armellino uscita fuori di poco e l’ingresso di Frattesi per Boateng, riesce finalmente a gonfiare la rete mandando il pallone servitogli alla perfezione da Gytkjaer a fil di palo. Sul 3-0 il dominio del Monza finisce, per evidenti problemi di tenuta fisica, e l’Entella prova a reagire, ma il siluro di Brunori da 25 metri è respinto in tuffo da Di Gregorio. Sampirisi, Colpani e Maric rilevano rispettivamente gli stanchi e acciaccati Carlos Augusto, Barillà e Mota. Proprio Sampirisi riesce in 12’, prima e dopo la sostituzione di Donati con Lepore, a firmare una doppietta (la prima in carriera), con un missile terra-aria e a conclusione di un contropiede, arrotondando il punteggio e invitando praticamente l’arbitro a chiudere la partita senza recupero.
 
In sala stampa il difensore si è dichiarato “contento per me, ma soprattutto per la squadra. Il gol l’ho dedicato al mio secondo figlio. Abbiamo dato un segnale che ci siamo anche noi nella lotta per vincere il campionato. Però ora bisogna dare continuità”.
 
Nonostante la squadra abbia fornito la miglior prestazione stagionale Brocchi è rimasto coi piedi per terra: “Dobbiamo lavorare sempre con la massima concentrazione e da squadra come abbiamo fatto oggi. Sono molto contento dei ragazzi. Boateng? A livello di personalità è qualcosa di grandissimo. Balotelli? Ha bisogno di un periodo di allenamenti. Sta lavorando bene, con voglia”.
 
Il Monza tornerà in campo sabato prossimo alle ore 16 allo stadio Adriatico di Pescara.
 
 
FOTO BUZZI
*/ ?>

Sport

"Manita" del Monza all'Entella nel turno infrasettimanale

"Manita" del Monza all'Entella nel turno infrasettimanale

MONZA-VIRTUS ENTELLA 5-0   Tutto facile per il Monza nel turno infrasettimanale di campionato contro il fanalino di coda Virtus Entella: all’U-Power Stadium i biancorossi rifilano una “manita” alla compagine di Chiavari, che già sabato scorso aveva subito 5 gol in Liguria contro l’Empoli (e altrettanti alla sesta giornata da parte del Lecce). E così, mentre i brianzoli centrano il secondo successo consecutivo, che rinvigori

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

Domani a Lecce (calcio d’inizio alle ore 15) l’allenatore del Monza, Giovanni Stroppa, avrà presumibilmente l’ultima chance per rimanere ancora sulla panchina della squadra brianzola: un’altra sconfitta, e sarebbe la sesta su 6, costringerebbe la dirigenza a valutare seriamente il cambio alla guida tecnica della matricola biancorossa. Gli avversari giallorossi, allenati dall’ex giocatore del Monza, Marco Baroni, sono diretti concorrenti nella lotta per la salvezza, aldilà dei 2 punti finora incamerati. I brianzoli si presenteranno allo Stadio Via del Mare “Ettore Giardiniero” senza gli infortunati Andrea Ranocchia e D'Alessandro.
Stroppa in conferenza stampa è apparso tranquillo e alla domanda se “in queste notti non riesce a dormire come alla vigilia dei match decisivi per la promozione in Serie A di qualche mese fa” ha risposto: “No, stavolta dormo sereno”. Poi ha proseguito: “La squadra c'è. Sono molto soddisfatto della prestazione di lunedì scorso contro l’Atalanta. È stata eccezionale, per carattere, aggressività, dominio sull’avversario, determinazione. È balzato all’occhio, però, che come in gare precedenti siamo andati meno forti nella seconda parte della partita. Bisogna gestire le energie nel modo migliore. La condizione fisica della squadra migliora di partita in partita. Però la condizione atletica varia da giocatore a giocatore. Domani affronteremo un Lecce in salute, che ha finora mantenuto uno standard di prestazione importante. Inoltre in casa è sicuramente più temibile. Ma finalmente incontreremo un avversario alla nostra portata. Comunque vada, la società sta portando avanti un certo tipo di discorso, sa in che condizioni sono arrivati diversi ragazzi, quindi ritengo che stia facendo la cosa più giusta. I risultati sono difficili da ottenere, ma c'è un lavoro che deve continuare. Manca poco a conquistare punti perché alla porta ci arriviamo. Ora bisognerebbe far gol e non prenderne in maniera leggera come abbiamo fatto anche contro l’Atalanta. Mi è dispiaciuto essere stato messo in discussione dalla stampa dopo una sola partita nonostante si sapesse in che condizioni difficili si è operato sul mercato e in che condizioni fisiche sono arrivati diversi giocatori. Rovella? Risulta evidente quello che ha dato a questa squadra. Sensi? Abbiamo dovuto fargli fare una preparazione personalizzata, stando attenti a non farlo infortunare. Sta migliorando la sua condizione. Pessina? È stato sfigato. Dopo 3 giorni che si allenava è rimasto fuori per infortunio per 45 giorni. Deve ritrovare la condizione ma già con l’Atalanta ha fatto una buona prestazione. Caprari? Se nelle due occasioni in cui si è trovato davanti al portiere avesse fatto gol ci troveremmo in una situazione diversa: lui si sarebbe sbloccato e la squadra avrebbe una consapevolezza nei propri mezzi maggiore, un’autostima maggiore. Si muove benissimo, ma non sta mostrando tutte le sue qualità. È condizionato da un infortunio di inizio stagione. Comunque anche se non segna quello che fa è molto utile per la squadra. Ferrarini? A luglio e agosto si è allenato da solo per cui è arrivato praticamente senza aver fatto la preparazione: è fuori condizione. Izzo? Sta meglio. Negli ultimi 10 giorni che è stato al Torino si è allenato a parte. Poi si è allenato con noi 2 giorni, ma lunedì non ho avuto il coraggio di farlo già giocare perché praticamente era appena arrivato. Domani sarà della partita”. Sull’esonero di Sinisa Mihajlovic ha commentato: “Mi dispiace per lui, sia come uomo che come professionista”.
*/ ?>

Sport

A Lecce l'ultima spiaggia per Stroppa alla guida del Monza

A Lecce l'ultima spiaggia per Stroppa alla guida del Monza

Domani a Lecce (calcio d’inizio alle ore 15) l’allenatore del Monza, Giovanni Stroppa, avrà presumibilmente l’ultima chance per rimanere ancora sulla panchina della squadra brianzola: un’altra sconfitta, e sarebbe la sesta su 6, costringerebbe la dirigenza a valutare seriamente il cambio alla guida tecnica della matricola biancorossa. Gli avversari giallorossi, allenati dall’ex giocatore del Monza, Marco Baroni, sono diretti concor

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

ITALIA UNDER 21-SVEZIA UNDER 21 1-1
 
Monza non porta bene alla Nazionale Under 21. La prima volta, il 14 novembre 2000 allo Stadio Brianteo, la partita amichevole tra l’Italia e i pari età dell’Inghilterra fu sospesa per nebbia dopo una decina di minuti sullo 0-0. Si ricorda che la Federcalcio rimase comunque irritata dalla presenza sugli spalti di sole 2 o 3 centurie di spettatori (ma la nebbia c’era da ore…). La seconda volta, oggi nel rinnovato U-Power Stadium, per il Girone F di qualificazione alla fase finale del Campionato Europeo che si disputerà nel 2023 in Georgia e in Romania, la Nazionale ospite della Svezia ha pareggiato beffardamente al 92’. In questa occasione ad assistere all’incontro erano presenti 2200 spettatori di cui 1500 erano giovanissimi calciatori delle accademie dell’Associazione Calcio Monza invitati dalla Figc.
 
E così in classifica la Nazionale scandinava resta davanti agli azzurri di 1 punto ma con 1 gara disputata in più. La selezione di Paolo Nicolato ha tenuto in mano il pallino del gioco nel primo tempo e per parte del secondo, ma non è stata capace di dare il colpo del k.o. nelle varie occasioni avute: due in contropiede in particolare, nella ripresa, sono state sprecate per troppa leggerezza. Del resto la freddezza, il cinismo, non sono caratteristiche di ragazzi di 20 o 21 anni.
 
Nicolato ha dovuto fare a meno degli infortunati Ricci e Sebastiano Esposito, che si sono aggiunti ai portieri non convocati Carnesecchi e Plizzari. Oggi vestivano la maglia azzurra due brianzoli: il buraghese Colombo, in campo fino al 36’ del secondo tempo, e il casatese Pirola, in prestito al Monza, rimasto in panchina.
 
La prima occasione si registra al 7’, quando Bellanova crossa dalla fascia destra per Vignato che calcia al volo, ma Brolin è attento e respinge. Al 13’ Tonali ci prova da lontano però il tiro è troppo debole per impensierire il portiere svedese. Al 21’ si annota una conclusione senza pretese di Salvatore Esposito che finisce alta. Al 27’ un rasoterra da 20 metri di Colombo viene bloccato da Brolin. Sul ribaltamento di fronte Sarr s’nvola fino all’area azzurra e da posizione angolata prova a beffare Turati che para in due tempi. Al 39’ Lucca sparacchia in curva dal vertice dell’area piccola. 2’ più tardi l’Italia reclama un rigore per una spinta ai danni di Vignato lanciato a rete, ma per l’arbitro portoghese Carvalho Nobre l’intervento è regolare. Poco male perché dopo un giro d’orologio Lucca mette la zampa sul cross di Rovella e insacca il suo primo gol in Nazionale Under 21.
 
Il secondo tempo si apre con un tiro dal limite di Colombo che passa alto. Poi la Svezia del c.t. Poya Asbaghi cresce arrivando a ripetizione a concludere al limite dell’area: Hajal, Elanga e Wålemark mandano la sfera sopra la traversa. Al 24’ l’Italia ha la prima delle due occasionissime per chiudere il match: Rovella s’invola in contropiede ma Brolin gli chiude lo specchio della porta e devia il pallone calciato dalla mezzala di quel tanto che basta. Sul corner susseguente Colombo sul primo palo colpisce di testa all’indietro sfiorando la rete. Nicolato inserisce Cancellieri e Piccoli rispettivamente per Colombo e Lucca e successivamente Ferrarini per Bellanova. Nel primo dei 4’ di recupero Rovella serve un pallone d’oro a Piccoli che viene fermato in uscita da Brolin. A 2 gol mangiati corrisponde gol subìto: 1’ dopo Carlén colpisce di testa per Holm che al volo di destro serve Prica, bravo a farsi trovare a un passo dalla porta per la correzione che vale l’1-1.
 
Il gruppo di Nicolato dovrà ora tornare a vincere con le squadre meno quotate a cominciare dall’Irlanda, che sarà affrontata a Dublino il 12 novembre.
*/ ?>

Sport

A Monza la Nazionale U21 di calcio non fa festa

A Monza la Nazionale U21 di calcio non fa festa

ITALIA UNDER 21-SVEZIA UNDER 21 1-1   Monza non porta bene alla Nazionale Under 21. La prima volta, il 14 novembre 2000 allo Stadio Brianteo, la partita amichevole tra l’Italia e i pari età dell’Inghilterra fu sospesa per nebbia dopo una decina di minuti sullo 0-0. Si ricorda che la Federcalcio rimase comunque irritata dalla presenza sugli spalti di sole 2 o 3 centurie di spettatori (ma la nebbia c’era da ore…). La seconda v

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

ROMA-MONZA3-0

Anche allo stadio Olimpico il Monza patisce una sonora sconfitta, però a differenza dei tre precedenti capitomboli la squadraallenata da Giovanni Stroppamostra un bel calcio. Il problema è che ancora troppe sono le disattenzioni difensive dei brianzoli, imperdonabili in un campionato come quello di Serie A.È paradossale che il Monza abbia nel primo tempo tenuto molto più il possesso della palla rispetto alla compagine guidata da Josè Mourinho ma che alla fine sia andato negli spogliatoi sullo 0-2. Oggi più che con l’Udinese ha pesato l’assenza contemporanea per infortunio di Pablo Mari e del suo sostituto come difensore centrale Andrea Ranocchia (oltre a D’Alessandro).Hanno dunque giocato Marrone e Caldirola(con rendimenti differenti),con lo spostamento di Carlos Augusto a centrocampo, dove il tecnico di Mulazzano ha preferito Pessina e Machin a Colpani e Valoti. Dall’altra parte Mourinho ha optato per un moderato turn-over in vista di match più impegnativi e dell’inizio dell’Europa League.

Davanti auna stadio quasi esaurito il Monza stavolta non si fa intimorire dal pubblico avversario e nei primi minuti gioca un calcio sontuoso, con i soliti fitti passaggi ma anche con verticalizzazioni interessanti. Peccato che proprio nel suo momento migliore, al 19’, un pallone spazzato via dalla difesa viene colpito di testa a centrocampo da Abraham, liberando Dybala che corre più veloce diSensi eCaldirola e batteDiGregorio con un gran sinistro.La risposta biancorossa è in un destro diCaprari dalla distanzache passaalto.Al

26’c’è anche un’ottima opportunità per Abraham, ma invece di un gran sinistroil centravanti giallorossoliscia la palla.Al32’la Roma ipoteca il match:Marrone manca clamorosamente la palla di testa e Abraham ne approfitta per servire in mezzo dove Dybala anticipa Caldirola firmando lapersonaledoppiettae il centesimo gol in Serie A.Lo stesso fantasista al45’serve inorizzontale Pellegrinicheal limite dell’area svirgola.

Stroppa lascia Marronenegli spogliatoi proponendo Molina a centrocampo, Carlos Augusto arretrato e Marlon centrale di difesa. Dopo45”Di Gregorio para in due tempi una conclusione di Dybala al termine di un contropiede romanista. All’8’Caldirola salva sultiro da ottima posizionedi Pellegrini.Col Monza sbilanciato la Roma continua a trovare praterie. All’11’Abraham si beve tutta la retroguardiabiancorossa ma alla fine calcia a lato.Per i brianzoli ci prova Caprari ma il tiro va fuori. Non va invece fuorial 16’ la zuccata di Ibanezsu corner di Pellegrini. Stroppa toglie Pessina, Caprari e Petagna per inserire Colpani, Ciurria e Mota. Proprio Ciurria fa sporcare i guanti a Rui Patricio ma per una parata agevole. Il Monza prova ad aggirare la retroguardia di casa, ma l’unico brivido al pubblico dell’Olimpico (circa 300 i tifosi giunti dalla Brianza) lo fornisce Machin scheggiando la traversa al 37’. 2’ dopo Di Gregorio salva d’istinto sul subentrato Belotti mentre nel finale c’è spazio per Bondo che rileva Sensi.

In sala stampa Stroppaè ovviamente sconsolato:Mi dispiace aver preso gol,il primo, perché su una palla a campanile non c’è stato il giusto atteggiamento.La squadraaveva avuto unottimo approccioalla partita, sicuramente migliore rispetto a Napoli.In Serie A ogni disattenzione la paghiamo cara.Nel primo tempolasquadra miè piaciuta, ma nonriusciamo ad andare oltre al dominio del campo per parte della partita.È troppo poco. Si conclude pocoin porta. A centrocampohogiocatori con poca condizione fisica.In difesa oggi abbiamo recuperatoMarlone alla prossima recuperiamoPabloMari”.

Mourinhoha parlato bene degli avversari: “Hanno avuto più possesso palla di noi nel primo tempo.Il Monza è una squadra moltointeressante, che sicuramentefarà puntiquando recupererà i giocatoriinfortunati. Ci ha messoin difficoltà anche nel secondo tempo. L’abbraccio con l’amministratore delegato del Monza, Adriano Galliani? Lui eSilvio Berlusconi dopoun4-0dell’Inter sul Milan vennero afarmi i complimenti. Sono persone che sanno come comportarsi nel calcio”.

Il Monza tornerà a giocare lunedì prossimo alle ore 18.30 all’U-Power Stadium contro l’Atalanta.

*/ ?>

Sport

A Roma il Monza gioca bene ma poi crolla

A Roma il Monza gioca bene ma poi crolla

ROMA-MONZA 3-0 Anche allo stadio Olimpico il Monza patisce una sonora sconfitta, però a differenza dei tre precedenti capitomboli la squadra allenata da Giovanni Stroppa mostra un bel calcio. Il problema è che ancora troppe sono le disattenzioni difensive dei brianzoli, imperdonabili in un campionato come quello di Serie A. È paradossale che il Monza abbia nel primo tempo tenuto molto più il possesso della palla rispetto alla compagine gui

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

MONZA-S.P.A.L. 4-0

Il Monza batte la S.P.A.L. 4-0 giocando la più brutta partita casalinga della stagione. Com’è possibile? Semplice: la squadra ferrarese è rimasta in 10 uomini già al 10’ per l’espulsione di Dickmann, ingenuo nello sgambettare Mota lanciato a rete. Una volta sbloccato faticosamente il punteggio, a fine primo tempo, è diventato facile per i biancorossi maramaldeggiare nella ripresa contro avversari meritevoli della posizione di medio-bassa classifica e apparsi sempre più demoralizzati a ogni marcatura subita. Ma il primo tempo è stato davvero stucchevole: un Monza imbarazzante è stato graziato al 1’ da Vido che tutto solo davanti al portiere Di Gregorio invece di calciare un agevole pallonetto si è decentrato tirando a lato. Dopo l’espulsione del 10’ il Monza ha continuato a corricchiare e pasticciare, sbagliando passaggi elementari, non riuscendo quasi mai a dribblare un avversario e andando a sbattere senza idee contro la retroguardia della compagine allenata da Roberto Venturato. Solo sul 2-0 ha fatto valere la superiorità numerica, grazie anche ad alcuni cambi provvidenziali del tecnico Giovanni Stroppa.
 
Tutto è bene quel che finisce bene (è stata pure mantenuta l’imbattibilità casalinga) ma martedì prossimo a Terni (calcio d’inizio alle ore 18.30) e sabato di nuovo all’U-Power Stadium alle 14 contro il Pisa sarà necessario ingranare la quarta dal primo secondo perché le distrazioni sono già state pagate caro in diverse partite, ultima quella di domenica scorsa a Cremona.
 
Per il match di oggi Stroppa aveva indisponibili gli infortunati Brescianini, Vignato e Bettella e lo squalificato Marrone. Ha dunque arretrato Sampirisi in difesa per dare spazio a Pedro Pereira e ha proposto il redivivo Paletta e a sorpresa Ciurria.
 
Davanti a 3212 spettatori, tra cui il “patron” Silvio Berlusconi, tornato a vedere i ragazzi biancorossi dopo 2 anni (anche l’ultima volta la sua squadra aveva vinto 4-0, contro il Lecco), il match si è dipanato nel primo tempo con poche emozioni più per demeriti della squadra di casa. La rete del vantaggio è arrivata quando finalmente qualcuno del Monza si è deciso a tirare seriamente, cioè Carlos Augusto, e il pessimo portiere Thiam ha respinto proprio sui piedi di Mota, freddo al punto giusto nel trasformare quella palla nel suo ottavo gol in campionato.
 
Al 7’ della ripresa Sampirisi ha ribattuto in rete l’ennesima respinta goffa di Thiam sulla sua precedente conclusione. Il tris è arrivato al 32’ quando il subentrato Ramirez ha insaccato di testa da centravanti puro. Al 44’ il poker è stato firmato da un altro subentrato, Colpani, in contropiede.
 
In sala stampa Stroppa ha sorvolato sul gioco espresso dalla squadra: “Andando in superiorità numerica era importante sbloccare la partita. Una volta sbloccata la squadra è stata brava. Inizialmente siamo stati invece frenetici: cercavamo la superiorità numerica sugli esterni senza riuscirci. La squadra comunque è matura: si è difesa bene mentre davanti non è stato semplice scardinare la difesa della S.P.A.L.. Ciurria ha giocato perché Valoti aveva qualche acciacco. In attacco Mancuso sta crescendo, ma mi ha fatto piacere che è tornato al gol Mota”.
 
A sorpresa si è presentato in sala stampa anche Berlusconi: “Verrò anche col Pisa e col Lecce. Nella prima parte di campionato il Monza non è stato tanto brillante. Nel mercato invernale è stata rinforzata la squadra soprattutto in attacco. Ora siamo molto forti in tutti i reparti. Speriamo di ingranare. Chi mi piace? Colpani perché è determinato. Il Monza dev’essere una squadra di attacco. Oggi ho una osservazione da fare: troppo spesso il gioco è ripartito da un difensore mentre il portiere dovrebbe cercare le punte”. Chi glielo dice al “patron” che ormai quasi tutte le squadre costruiscono il gioco dal basso perché è di moda?
 
Venturato ha affermato, e gli diamo ragione, che la S.P.A.L. “ha disputato un buon primo tempo. Abbiamo sprecato all’inizio una grossa occasione con Vido, poi si è verificato l’episodio che ci ha condannato. Nel secondo tempo abbiamo commesso qualche ingenuità e via via abbiamo perso equilibrio”.
 
 
FOTO BUZZI
*/ ?>

Sport

Berlusconi torna allo stadio per il Monza ed è 4-0

Berlusconi torna allo stadio per il Monza ed è 4-0

MONZA-S.P.A.L. 4-0 Il Monza batte la S.P.A.L. 4-0 giocando la più brutta partita casalinga della stagione. Com’è possibile? Semplice: la squadra ferrarese è rimasta in 10 uomini già al 10’ per l’espulsione di Dickmann, ingenuo nello sgambettare Mota lanciato a rete. Una volta sbloccato faticosamente il punteggio, a fine primo tempo, è diventato facile per i biancorossi maramaldeggiare nella ripresa contro avversari meritevoli dell

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

Domani è il giorno che potrebbe risultare decisivo per le sorti della stagione del Monza. La sfida col Lecce potrebbe essere quella che lancerà la squadra biancorossa verso la Serie A diretta o quella che la costringerà a un’affannosa ricerca della qualificazione ai play-off promozione. Al termine della rifinitura alla vigilia del match-clou della ventiseiesima giornata l’allenatore Giovanni Stroppa ha fatto il punto con la stampa. “Finora le prestazioni ci sono state – ha esordito – però bisogna invertire la tendenza negli scontri diretti, che ci vede spesso sconfitti. Domani vorrei vedere più personalità nel fare le cose, più individualità: perché a decidere saranno gli episodi in base alla qualità individuale. Insomma, bisogna continuare a lavorare così o meglio. Bisogna avere più voglia di portare a casa il risultato. Martedì scorso contro il Pordenone i ragazzi hanno portato il risultato dalla propria parte con pazienza e con un gioco fluido. Col Lecce bisognerà cercare a tutti i costi la vittoria, ma sarei soddisfatto se almeno non si ripetessero gli errori commessi col Pisa. Che precauzioni ho preso per la fortissima coppia d’attacco del Lecce composta da Coda e Strefezza? Proseguire nel nostro lavoro… Perché la nostra forza dev’essere nel collettivo, nella capacità di attaccare e difendere con tutti gli uomini. Certamente sono due giocatori che comunque meritano un occhio di riguardo. Valoti? Sta giocando sempre meglio ma può fare ancora di più. Machin? È tornato dalla Coppa d'Africa in cattive condizioni; contro il Pordenone ha disputato una buona partita ma anche lui può fare molto di più”.

Il Monza è la squadra che in percentuale è quella che ha subito più gol nei secondi tempi rispetto ai primi: è un problema di condizione fisica? “Subire più gol nei secondi tempi rispetto ai primi non è un problema. Abbiamo anche segnato tanto nei minuti di recupero”.
Cosa pensa di quanto sta succedendo in Ucraina? “Non bisogna confondere la politica con quello che è lo sport. Comunque giustamente domani ritarderemo l’inizio delle partite di 5’ come forma di protesta nei confronti della guerra. Personalmente non posso che assistere con un enorme dispiacere a quello che vedo in televisione”.
Per Monza-Lecce, che si giocherà alle ore 15.30 all'U-Power Stadium davanti a circa 7mila spettatori, con diretta tv su Sky Sport, Dazn e Helbiz Media, Stroppa ha convocato 25 giocatori. È stato recuperato il neodiciottenne Vignato (che ieri ha prolungato il contratto fino al 2025), ma sono ancora indisponibili Brescianini, Ramirez, D'Alessandro e Marrone.
*/ ?>

Sport

C'è il big-match Monza-Lecce. Stroppa carica la squadra

C'è il big-match Monza-Lecce. Stroppa carica la squadra

Domani è il giorno che potrebbe risultare decisivo per le sorti della stagione del Monza. La sfida col Lecce potrebbe essere quella che lancerà la squadra biancorossa verso la Serie A diretta o quella che la costringerà a un’affannosa ricerca della qualificazione ai play-off promozione. Al termine della rifinitura alla vigilia del match-clou della ventiseiesima giornata l’allenatore Giovanni Stroppa ha fatto il punto con la stampa. “

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

Nonostante il primo punto conquistato in Serie A, alla sesta giornata, il Monza ha esonerato l’allenatore Giovanni Stroppa sostituendolo col tecnico della formazione biancorossa partecipante al campionato Primavera 2, Raffaele Palladino, oggi presentato alla stampa dall’amministratore delegato Adriano Galliani nella sala conferenze dell’U-Power Stadium.
 
Il senatore (ancora per pochi giorni dato che non ha voluto essere ricandidato) ha così spiegato l’avvicendamento sulla panchina della compagine brianzola: “Innanzitutto mando un affettuoso saluto e un affettuoso ringraziamento a Giovanni Stroppa che solo pochi mesi fa ci ha portato in Serie A. È un risultato che ci ha resi orgogliosi e felici. Grazie a questo risultato tra 4 giorni a Monza giocherà la Juventus per il campionato ed è qualcosa di strepitoso. Ieri Stroppa mi ha chiesto perché è stato esonerato: quando non arrivano i risultati e non si è soddisfatti del gioco il calcio prevede che si possa cambiare l'allenatore. Il Monza è ultimo in classifica dalla seconda giornata eppure è la seconda società di Serie A che lo fa. Abbiamo deciso di promuovere Palladino che non è un traghettatore, ma l'allenatore del futuro. Ha solo 38 anni: nel 2019 ho sperato che ci desse una mano come calciatore per salire dalla Serie C alla B ma si è infortunato. Dopodiché si è ritirato e noi allora gli abbiamo affidato prima l’Under 15 e poi la Primavera 2, che l’anno scorso ha fatto giocare bene portandola alle semifinali dei play-off promozione. Ha pure iniziato bene il campionato di quest'anno. Bisogna fare anche qualche scelta coraggiosa. La decisione è stata condivisa col presidente Silvio Berlusconi. Benvenuto Raffaele, forza e avanti tutta!”.
 
Avevate contattato altri allenatori? “Avevamo pensato anche ad altri allenatori, ma poi abbiamo scelto per tante motivazioni Palladino. Lunedì sera l’ho portato a cena ad Arcore da Berlusconi. Gli ho chiesto se preferiva iniziare ad allenare la squadra prima o dopo la partita con la Juventus e lui non si è tirato indietro accettando subito la sfida. Siamo convinti che abbia dentro di sé le stimmate del grande allenatore. Ho tappezzato tutto il centro sportivo Monzello con cartelli recanti la scritta ‘Abbiamo impiegato 110 anni per andare in Serie A; non possiamo impiegare 12 mesi per tornare in Serie B’. Crediamo che Palladino centrerà l'obiettivo della salvezza. Al suo fianco come nuovo preparatore dei portieri avrà Alfredo Magni, che ha svolto lo stesso ruolo per 5 anni al Milan”.
 
È la scelta più coraggiosa che ha fatto nella carriera da dirigente calcistico? “Una delle due più coraggiose: anche quella di ingaggiare Arrigo Sacchi come allenatore del Milan dato che non era stato un grande giocatore e proveniva dalla Serie B. Lui è diventato quello che è diventato...”.
 
Cosa vi aspettate per le prossime partite? “Siamo convinti di avere un organico di prim'ordine, quindi vogliamo vedere in campo una squadra che faccia meglio di quanto fatto finora. Già con l'Atalanta abbiamo disputato una buonissima prima mezz'ora, ma io e Berlusconi abbiamo notato un forte calo di rendimento tra il primo e il secondo tempo. Poi abbiamo cambiato l’allenatore quando è stato conquistato il primo punto, ma lo abbiamo fatto perché non è piaciuto il gioco: a Lecce non abbiamo fatto un tiro in porta a parte il gol su calcio di punizione. La nostra filosofia è di accettare la sconfitta ma col bel gioco. Preferiamo perdere giocando bene che pareggiare facendo un tiro in porta”.
 
Non avete cambiato troppi giocatori nel mercato estivo? “Tutte le neopromosse hanno cambiato tanti giocatori: quando una squadra arriva dalla Serie B è ovvio che deve entrare in maniera pesante sul mercato. Da noi sono arrivati 16 giocatori nuovi. Ora dobbiamo innanzitutto pensare a salvarci”.
 
Avete timore che essendo a Lecce stati aiutati dal Var e, al contrario, la Juventus danneggiata dal Var contro la Salernitana, l’arbitraggio di domenica prossima possa essere condizionato? “Il Var ha ridotto di tantissimo gli errori ma certamente va ancora migliorato. Credo che Monza-Juventus non risentirà minimamente di quanto successo domenica scorsa. Affronteremo la squadra allenata dall’amico Massimiliano Allegri, che ha ottenuto grandi risultati sia al Milan che alla Juventus”.
 
È poi stata la volta di Palladino a presentarsi: “Innanzitutto ringrazio la società, Berlusconi e Galliani, che mi hanno dato questa possibilità. Io sono strafelice. Ho una grande voglia di fare bene. Sono innamorato di questo lavoro: ho iniziato a studiare gli allenatori quando ancora giocavo. Sono orgoglioso di questo incarico, sono pronto”.
 
Come sta Cragno, portiere della Nazionale che a Monza finora è stato in panchina? “Cragno sta bene, si allena, sto valutando tutto. Tutti i giocatori si sono messi a disposizione. C’è grande entusiasmo. Ringrazio Stroppa che ha fatto un ottimo lavoro, che ha idee di gioco. Mi ha telefonato per dirmi ‘in bocca al lupo’”.
 
Che sistema di gioco adotterà? “Inizierò con la difesa a tre, ma non è detto che non si possa cambiare. Forse il centrocampo sarà a quattro con tre punte o due punte e un trequartista”.
 
Ci sarà da lavorare più sull’aspetto emotivo o sull’aspetto tattico? “In una squadra non possono mancare entrambi. Stiamo cercando di trovare le soluzioni migliori, stiamo cercando di inculcare ai ragazzi la mia idea di calcio. Ma non può mancare l’entusiasmo, il cuore grande, l’anima, oltre all’aspetto tattico”.
 
Dato che già lavorava al Monza, che rapporto ha coi giocatori? “Sono ragazzi che conosco bene, anche perché con qualcuno ho giocato assieme. Questo è un vantaggio. Con Pessina ho anche condiviso la camera da calciatore, ma adesso viene prima il bene della squadra alle amicizie più strette”.
 
Che obiettivi le ha posto la società? “Mi ha semplicemente chiesto di fare del mio meglio”.
 
Che cosa le ha detto Berlusconi ad Arcore? “È stata una bellissima serata, piacevole, mi sono sentito a casa. Ma a Monza ci si sente in una grande famiglia”.
 
È Gian Piero Gasperini il suo maestro? “È stato mio maestro nella Primavera della Juventus e poi al Genoa. Grazie a lui sono arrivato a giocare in Nazionale. Ho anche avuto Ranieri, Lippi, Donadoni, Deschamps: maestri molto bravi. Un mio modello è pure Juric”.
 
Domenica alle ore 15 sarà emozionato nell’affrontare la sua ex squadra? “Affrontare la Juventus farà piacere ma non sarà emozionante perché ormai fa parte del mio passato. In questo momento sto pensando solo al Monza. Vorrei vedere lo stadio pieno di tifosi del Monza perché sono attaccati alla squadra e in questo momento ha bisogno di una mano anche da loro”.
 
Riguardo allo staff tecnico, detto del preparatore dei portieri, resta ancora da annunciare il nuovo allenatore in seconda. Il collaboratore tecnico sarà Stefano Citterio, mentre il preparatore atletico Fabio Corabi. Ai cinque fisioterapisti già presenti si aggiunge Simone Borgonovo.
*/ ?>

Sport

Calcio Monza, Galliani presenta il neo-allenatore Palladino

Calcio Monza, Galliani presenta il neo-allenatore Palladino

Nonostante il primo punto conquistato in Serie A, alla sesta giornata, il Monza ha esonerato l’allenatore Giovanni Stroppa sostituendolo col tecnico della formazione biancorossa partecipante al campionato Primavera 2, Raffaele Palladino, oggi presentato alla stampa dall’amministratore delegato Adriano Galliani nella sala conferenze dell’U-Power Stadium.   Il senatore (ancora per pochi giorni dato che non ha voluto essere ricand

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

Con la presentazione del nuovo allenatore Giovanni Stroppa e il raduno della squadra è iniziata ufficialmente oggi la stagione 2021/22 del Monza. Nella nuova sala stampa dello U-Power Stadium, pronta per una eventuale Serie A, l’amministratore delegato della società brianzola Adriano Galliani e il direttore sportivo Filippo Antonelli Agomeri hanno dato il benvenuto a Stroppa, 53 anni, già biancorosso come giocatore dal 1987 al 1989, quando contribuì alla promozione in Serie B e alla conquista della Coppa Italia Serie C nel 1988. Col Milan vinse poi 1 Coppa dei Campioni, 2 Coppe Europeo-Sudamericane, 3 Supercoppe Europee e 1 Supercoppa Italiana. Ai tempi da “fantasista” nel Foggia di Zdenek Zeman indossò per 4 volte la maglia della Nazionale. Pure da allenatore i successi non sono mancati: con la Primavera del Milan ha messo in bacheca 1 Coppa Italia (l’aveva vinta anche da giocatore a 17 anni), col Foggia la Supercoppa di Serie C seguita alla promozione in Serie B e col Crotone il trofeo della promozione in Serie A nel 2019.
 
“Arrivò a Monza in prestito dal Milan – ha raccontato Galliani – e giocò quasi sempre. In rossonero ha poi vinto tanto segnando pure il secondo dei tre gol della vittoria della Coppa Europeo-Sudamericana del 1990. Da allenatore ha continuato a vincere. E come vuole ‘patron’ Silvio Berlusconi coniuga i risultati col bel gioco. L’abbiamo acchiappato al volo perché stava andando a sedersi su una panchina di Serie A”.
 
“Ringrazio innanzitutto Berlusconi, Galliani e Antonelli Agomeri – sono state le prime parole in biancorosso di Stroppa – Sono stato scelto per quel che ho dimostrato in questi ultimi anni. Provo una sensazione strana a essere qui perché nell’ultimo lustro ho allenato lontano da casa. Sono tornato in un posto a me caro. Il mio primo pensiero ‘monzese’ è andato al vecchio stadio Sada, all’ex presidente Valentino Giambelli, alla sensazione di essere tornato in famiglia. Cercherò attraverso il lavoro di portare a Monza oltre al bel gioco i risultati sperati. Ci sono tutte le componenti per poter fare bene. Sembrerà una contraddizione, ma proprio per questo ritengo che il mio compito sarà più difficile”.
 
Sulla stagione trascorsa Galliani ha ricordato che si è trattato del “miglior risultato nella storia della società, perché è stata la prima volta che il Monza è arrivato terzo da solo in Serie B. Però ora esistono i play-off. E nella gara di andata delle semifinali a Cittadella sono stati commessi troppi errori di squadra e individuali. Comunque abbiamo fatto esperienza, è stata una stagione molto positiva. Davanti a noi in regular season sono arrivati l’Empoli e la Salernitana: con i toscani abbiamo fatto 2 punti e coi campani 6. Purtroppo ci sono mancati i punti con le squadre di bassa classifica. Nelle 6 partite che sono stato assente perché malato di ‘coronavirus’ abbiamo raggranellato solo 5 punti: è una cosa che non me la levo dalla testa... Se non siamo andati in Serie A è per impercettibili colpe sia della società, che dell’allenatore che dei giocatori. A proposito di Salernitana, anche se l’iscrizione della società granata è a rischio, non abbiamo presentato domanda di ripescaggio. È vero che io mi sono agitato, ma il nostro legale Leandro Cantamessa mi ha stoppato: leggendo le Norme Organizzative Interne della Federcalcio non ci sono dubbi: se salta la Salernitana, la Serie A tocca al Benevento”.
 
Sulla struttura societaria l’a.d. ha sottolineato che “Fininvest ha riportato il Monza in Serie B dopo 19 anni e ha rifatto lo stadio. Tutti gli sponsor hanno confermato il rapporto col club. La U-Power ha addirittura firmato un contratto di sponsorizzazione dello stadio per 10 anni. A proposito di stadio, è un peccato la mancanza di pubblico: crediamo che per i tifosi in possesso della Certificazione verde Covid-19 si possano riempire gli impianti fino al 50% di capienza”.
 
Sul mercato Galliani ha spiegato che la situazione è piuttosto ferma proprio a causa del “coronavirus”, che ha messo in difficoltà l’economia, anche quella che ruota attorno al pallone: “La squadra verrà in gran parte riconfermata, sia perché comunque è arrivata terza in regular season, sia perché facciamo fatica a cedere i giocatori di nostra proprietà per ingaggiarne altri. In seguito ai rientri per fine prestiti, oggi si radunano 34 giocatori più 2 aggregati dalla Primavera: è evidente che prima dobbiamo sfoltire la rosa, anche perché per regolamento possiamo far giocare al massimo 18 giocatori nati prima del 1998 e attualmente ne abbiamo ben 24. Abbiamo proposto alla Lega Serie B di abolire questa regola ma la maggioranza delle società si è opposta. Così come si è opposta la Federcalcio alla nostra richiesta di poter tesserare 1 giocatore extracomunitario per club. Attualmente, dunque, i nostri unici movimenti sul mercato sono stati l’ingaggio di Brescianini, in prestito dal Milan ma proveniente dall’Entella, e la conferma del prestito dall’Inter di Di Gregorio, mentre per l’altro interista in prestito, Pirola, la conferma è quasi fatta. A proposito di prestiti, non siamo riusciti a trattenere Frattesi, rientrato al Sassuolo per sua volontà. Stiamo invece resistendo alle ‘lusinghe’ per il nostro Mota, richiesto da diverse società. Rimanendo in tema di ‘top player’, non abbiamo rinnovato il contratto a Boateng e Balotelli: il primo è tornato dove aveva cominciato, nell’Hertha Berlino, mentre il secondo probabilmente si trasferirà in Turchia. Il ‘Boa’ ci aveva prospettato la possibilità di ingaggiare il suo amico Ribery, svincolatosi dalla Fiorentina, ma abbiamo deciso di battere altre strade per quel ruolo. Oltre che rinforzare l’attacco ci sarà sicuramente bisogno di ingaggiare una mezzala importante per rimpiazzare Frattesi”.
 
Antonelli Agomeri ha aggiunto: “Stiamo dando precedenza nelle trattative di cessione a chi ha il contratto in scadenza nel 2022”.
 
Anche per Stroppa “è prematuro parlare di mercato. In questo momento i giocatori in rosa sono tanti e quindi è più giusto cedere che prendere. La squadra è comunque già competitiva perché è arrivata terza in regular season. Non si vince solo con giocatori bravi, ma con giocatori con la ‘testa’ e la volontà di arrivare in alto. L’obiettivo è la Serie A. Non potremo far altro che inseguire questo obiettivo, ma non sarà semplice. Però abbiamo esperienza e capacità per raggiungere il traguardo che tutti a Monza sognano da tempo. Di sistema di gioco non parlo: avendo due mezzali potrei giocare con tre trequartisti. Mota? È un giocatore di assoluto livello che mi auguro di avere a disposizione”.
 
Galliani ha chiuso la conferenza stampa con la notizia di un’amichevole di lusso: “Siamo in avanzatissima trattativa per ospitare la Juventus sabato 31 luglio”.
La squadra sosterrà test fisici e visite mediche di rito fino a domani, dopodichè si allenerà al centro sportivo Monzello. Sabato prossimo partirà per il ritiro di Ronzone, in Trentino, dove resterà fino al 24 luglio.
 
Ecco l’elenco dei calciatori convocati per il raduno: Anastasio, Armellino, Barberis, Barillà, Bellusci, Bettella (di proprietà dell’Atalanta), Brescianini (proveniente dall’Entella ma di proprietà del Milan), Colpani (di proprietà dell’Atalanta), D’Alessandro, D’Errico, Di Gregorio (di proprietà dell’Inter), Di Munno (proveniente dalla Pro Sesto), Diaw, Donati, Finotto (proveniente dal Pordenone), Fossati (proveniente dall’Hajduk Spalato), Gliozzi (proveniente dal Cosenza), Gytkjaer, Lamanna, Lombardi (proveniente dal Teramo), Machin (proveniente dal Pescara), Maric, Morosini (proveniente dalla Feralpisalò), Mosti (proveniente dall’Ascoli), Mota Carvalho, Negro (proveniente dal Perugia), Palazzi (proveniente dal Palermo), Paletta, Rigoni (proveniente dal Pescara), Rubbi (aggregato dalla Primavera), Sampirisi, Scaglia, Scozzarella, Siatounis (proveniente dalla Primavera della Sampdoria e aggregato dalla Primavera), Sommariva, Carlos Augusto.
A questa lista si dovrebbe appunto aggiungere a breve Pirola, di proprietà dell’Inter, mentre Ricci è tornato per fine prestito al Sassuolo come Frattesi.
Per quanto riguarda lo staff tecnico, Stroppa si è portato dietro quasi tutti i suoi uomini dell'esperienza a Crotone: Andrea Guerra (tra l'altro anch'egli ex giocatore del Monza) come viceallenatore, Giuseppe Brescia come collaboratore tecnico e Fabio Allevi e Andrea Primitivi come preparatori atletici, mentre come preparatore dei portieri è arrivato quello che aveva a Foggia, Nicola Dibitonto, e come addetto al recupero degli infortunati è stato chiamato Simon Barjie, già responsabile dell'area Performance del settore giovanile.
 
FOTO BUZZI

 

*/ ?>

Sport

Calcio Monza, iniziata la stagione 2021/22

Calcio Monza, iniziata la stagione 2021/22

Con la presentazione del nuovo allenatore Giovanni Stroppa e il raduno della squadra è iniziata ufficialmente oggi la stagione 2021/22 del Monza. Nella nuova sala stampa dello U-Power Stadium, pronta per una eventuale Serie A, l’amministratore delegato della società brianzola Adriano Galliani e il direttore sportivo Filippo Antonelli Agomeri hanno dato il benvenuto a Stroppa, 53 anni, già biancorosso come giocatore dal 1987 al 1989, qu

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORECinisello Balsamo. Il Conco non riesce nell'impresa, la Cinisellese lo raggiunge nel finale. Amarezza e tensione al triplice fischio. Dopo aver domato i padroni di casa per tutto il primo tempo passando in vantaggio con un magistrale calcio piazzato di Bercè i biancorossi vengono raggiunti in zona Cesarini da una rocambolesca azione rossoblù in fase offensiva sfilando così  i tre punti già archiviati ad una Concorezzese in inferiorità numerica.

La cronaca. Partono all'assalto gli ospiti con il proprio bomber; al secondo minuto di gioco Mazzeo viene lanciato in avanti conquistando il primo calcio d'angolo dell'incontro. Il tiro spiovente dalla bandierina arriva sulla testa di Biffi; la sua incornata però trova pronto Festi tra i pali che respinge sul fondo.
 
Passano un paio di minuti e il Conco si fa nuovamente pericoloso nella metà campo casaliga; Meroni serve Mazzeo che a sua volta vede sulla destra Parma. La conclusione di quest'ultimo è debole, Festi non fatica a raccogliere la sfera.
 
Al 7' Matteo Mazzeo invoca un calcio dal dischetto; il bomber biancorosso viene fermato in area rossoblù al momento del controllo ma il direttore di gara lascia correre. Ripartono così i padroni di casa in contropiede; Beretta non passa la linea difensiva concorezzese.
 
Quattro minuti più tardi la formazione locale cerca di impensierire Lissoni con un tiro cross di Muttiron dalla sinistra del campo; l'estremo difensore biancorosso in uscita aerea blocca sicuro il pallone.
 
La Cinisellese preme tiepidamente in avanti. I brianzoli utilizzano l'arma dei lanci in profondità. 
Al ventesimo Bercè serve un assist prezioso sui piedi di Mazzeo; la palla, dopo aver superato  Festi scheggia la traversa senza valicare la linea di porta. Dagli spalti l'illusione del goal.
 
Alla mezzora dagli estremi di un calcio d'angolo Gatti di testa mette paura a Lissoni facendo sorvolare il pallone sopra la traversa ma al 35' arriva la svolta: i biancorossi guadagnano un calcio da fermo al limite sinistro dell'area avversaria; Bercè si conferma specialista del mestiere. Nulla può fare il numero uno di casa, irraggiungibile per lui la sfera ( 0 - 1 ).
 
Punizione anche per i padroni di casa successivamente; da oltre venti metri D'onofrio trova la barriera.
 
Al 40', bomber Mazzeo approfitta di un errore difensivo casalingo per recuperare il pallone appena fuori dall'area; la sua conclusione impegna seriamente Festi che respinge con le dita sul fondo. Trascorsi tre minuti, una bella giocata in fase offensiva biancorossa di Parma e Meroni avvicina il Conco al raddoppio ma non c'è intesa in area con Mazzeo
 
Prima di raggiungere gli spogliatoi per la pausa, c'è tempo per un'ultima azione: tramite un calcio di punizione dalla trequarti, la compagine di casa si avvicina alla porta difesa di Lissoni; il portiere concorezzese mantiene inviolata la propria rete.
 
Primo tempo da protagonista per il Conco. Di tutt'altra musica il secondo tempo. I rossoblù comprimeranno i biancorossi nella propria metà campo per tutto l'arco dei restanti quarantacinque minuti regolamentari. Nicolas Colombo dovrà abbandonare il rettangolo verde di gioco per  somma di cartellini gialli, lasciando in dieci la propria squadra. Luca Lissoni dovrà intervenire spesso in estremis, in più di una occasione. 
La beffa arriva al 95': dopo un vero e proprio assedio, all'ultimo dei cinque minuti di recupero concessi dal direttore di gara, Beretta da due passi la mette dentro, nell'angolo più lontano da raggiungere; Lissoni battuto.
 
Altro durissimo match aspetta domenica prossima alla Concorezzese. Al Comunale "Bonizzi e Soglio" di via Pio X  arriverà il Muggiò. Il 'Cuore biancorosso' dovrà battere più forte!
 
Le formazioni:
 
Gsd Concorezzese: Lissoni, Viganò, Biffi, Golemme, Mapelli, Ledonne, Parma, Bercè, Mazzeo, Colombo, Meroni ( dal 83' Poletto ). A disposizione di Alberto Motta; Galimberti, Scateni, Limonta, Crippa, Cambiaghi, Moro.
 
Ac Cinisellese: Festi, Agosta, Muttiron, Pozzi, Cibin, Turchi, D'onofrio, Di Palo, Castellini ( dal 55' Rocca ), Gatti ( dal 55' Accattato ), Beretta. A disposizione di Roberto Pozzi; Granda, Marino, Pasqualin, Angarano, Crea.
 
Gli altri risultati del girone M di Prima Categoria:
 
COB91 - Speranza Agrate ( 2-2 ) ; Carugate - San Crisostomo ( 3 - 1 ); Città di Segrate - Real Cinisello ( 2 - 1 ); Crespi Morbio - Centro Schuster ( 0 - 0 ); Villa - Paderno Dugnano ( 2 - 0 ); S.Albino S.Damiano - Polisportiva CGB ( 1 - 1 ); Muggiò - Polisportiva di Nova ( 2 - 0 ).
 
Prossimo Turno, Domenica 25/01/2015:
 
Centro Schuster - Cinisellese; COB91 - Carugate; San Crisostomo - Città di Segrate; Speranza Agrate - Paderno Dugnano; Polisportiva CGB - Villa; Real Cinisello - Crespi Morbio; Polisportiva di Nova - S.Albino S.Damiano; Concorezzese - Muggiò .
 
La classifica:
 
Speranza Agrate 43; Muggiò 38; Cinisellese 34; Città di Segrate 31; COB91 30; Carugate, Villa 28; Concorezzese 25; Paderno Dugnano 24; San Crisostomo 19; Polisportiva di Nova 17; Centro Schuster 16; S.Albino S.Damiano 15; Polisportiva CGB 14; Crespi Morbio 11; Real Cinisello 8.
*/ ?>

Sport

Calcio, beffa al 95' per il Conco: pareggio e tensione a Cinisello

Calcio, beffa al 95' per il Conco: pareggio e tensione a Cinisello

Cinisello Balsamo. Il Conco non riesce nell'impresa, la Cinisellese lo raggiunge nel finale. Amarezza e tensione al triplice fischio. Dopo aver domato i padroni di casa per tutto il primo tempo passando in vantaggio con un magistrale calcio piazzato di Bercè i biancorossi vengono raggiunti in zona Cesarini da una rocambolesca azione rossoblù in fase offensiva sfilando così  i tre punti già archiviati ad una Concorezzese in inferiorità n

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREConcorezzoCon il Treviglio Acos capolista il Conco ha dimostrato di non essere da meno della prima della classe.Un folto pubblico per due grandi squadre che,alla fine,si dividono la posta in gioco: 1-1. Al "Bonizzi e Soglio" questa domenica pomeriggio si è disputato l'ultimo dei trenta match del campionato; i brianzoli e i bergamaschi chiudono con un meritato pareggio la fine della stagione regolamentare del Girone L di Prima Categoria. La capolista Acos saluta tutti e va in Promozione mentre il futuro della Concorezzese ancora è ancora messo in discussione sul campo di battaglia dei playoff . Le due compagini sono molto ordinate sul campo e l'impresa di valicare i rispettivi reparti difensivi è ardua. Le reti tutte durante la prima frazione di gioco: Michele Defendi poco dopo lo scoccare del quindicesimo minuto dimostra dalla distanza mostra le sue doti con i piedi, il pallone si insacca all'incrocio dei pali. Simone Parma dopo meno di cinque minuti conclude al meglio in diagonale una occasione in fase offensiva dei biancorossi che sembrava ormai persa. Il risultato rimarrà invariato fino al triplice fischio sul 1-1. Rimane il rammarico per  Davide Sironi che si vede annullare alla mezzora del secondo tempo una rete  sotto porta dal direttore di gara per una discutibile posizione irregolare.

Le formazioni:
GSD CONCOREZZESE ( maglia a strisce biancorossa ) - Lissoni, Masini, Viganò, Parma, Sironi, Rossi, Colombo ( dal 20'st Turati ), Bercè ( dal 39'st Golemme ), Cambiaghi, Sangalli, Meroni ( dal 33'st Voltan ). A disposizione di mister Alberto Motta; Leserri, Troiano, D'angelo, Bonfanti. Voto di squadra 6,5

ACOS TREVIGLIO ( maglia giallonera )- Mora, Rinaldi, Meziane ( dal 1'st Mascaretti ), Carminati, Mandelli, Belloni, Hammouda ( dal 25'st Gueye ), Angelicchio, Seye, Lemrabbi, Defendi. A disposizione di mister Cristiano Redaelli; Legnani, Conti, Ghilardi, Calchi, Brambilla. Voto di squadra 6,5

DIRETTORE DI GARA - Sig. Simone Dimitrio di Legnano

Gli altri risultati del Girone L di Prima Categoria:

Accademia Cologno - Oratorio Calvenzano ( 2-1 ); Badalasco - Inzago ( 1-2 ); Calcense - Sporting LeB ( 5-2 ); Fara Olivara con Sola - Carugate ( 0-2 ); Fornovo S.Giovanni - Città di Segrate ( 0-1 ); Pagazzanese - Cgb Brugherio ( 3-3 ); Pozzuolo Calcio - Sporting V. Mazzola ( 2-1 )

Classifica finale del campionato:

Acos Treviglio 66    ( Promossa in Promozione )

Concorezzese 60
, Città di Segrate 56; Carugate 55; Sporting Valentino Mazzola 50 ( Playoff )

Fornovo San Giovanni, Oratorio Calvenzano 45; Badalasco, Calcense 42; Inzago 41; Pagazzanese 38

Fara Olivara con Sola 35; Pozzuolo Calcio 31; Accademia Cologno 25; Cgb Brugherio 19 ( Playout )

Sporting LeB ( Retrocessa )


La cronaca:


2' Primo corner dell'incontro in favore dei padroni di casa. Alla Battuta Colombo che si vede ribatte il tiro da un difensore avversario.

3' Sangalli guadagna e calcia una preziosa punizione dal limite dell'area. Pallone che esce di un metro dall'incrocio dei pali alla destra di Mora.

6' Calcio d'angolo dalla sinistra per gli ospiti. Lissoni in uscita su Carminati ha la meglio respingendo la sfera. Decisamente peggio per il numero quattro bergamasco che viene medicato.

7' Colombo serve alla sua sinistra Cambiaghi all'interno dell'area avversaria. Mora appostato sul primo palo gli respinge di piede la sua conclusione a rete.

9' Una disattenzione della retroguardia biancorossa manda al tiro, dopo alcuni rimpalli in area, Hammouda. Il pallone viene deviato in corner.

15' Cambiaghi con la punta del piede conquista la palla a centrocampo per poi dirigersi in dribbling in area giallonera, Meroni sulla sua destra non si intende con il suo compagno di squadra. Pallone a fondo campo.

17' Defendi serve in area concorezzese Seye che però viene fermato da Masini in corner. Dalla bandierina sinistra, dopo una serie di scambi, la palla arriva tra le ali dei piedi di Defendi all'esterno dell'area trovando la rete del vantaggio direttamente nel sette più lontano della porta ( 0-1 )

20' Cun un gran bel gioco di squadra il Conco entra minacciosamente in area bergamasca. E mentre l'azione sta per concludersi sul fondo del campo arriva la provvidenziale diagonale da posizione difficile di Parma. Pallone nel sacco ( 1-1 )

25' Carminati 
atterra duramente Meroni nella propria metà campo. Dal calcio da fermo per i locali il Treviglio riparte.

27' Meroni dalla sinistra serve Sangalli al suo fianco. La delicata conclusione a girare colpisce il secondo palo.

30' Carminati commette fallo di ostruzione ai danni di Sangalli. Dal calcio piazzato Angelicchio allontana di piedi la palla dalla propria area.

35' Hammouda triangola sulla fascia destra con Rinaldi che dalla linea di fondo trova sul secondo palo Seye. Il tiro ravvicinato non è pulita, Lissoni fa suo il pallone.

37' Seye viene atterrato da Sironi a circa venti metri dal fortino casalingo. Angelicchio dal calcio di punizione decentrato sulla destra mette un pallone spiovente all'interno dell'area piccola biancorossa ma prima la testa di Viganò e le mani di Lissoni in sospensione sulla linea di porta sventano il pericolo.

39' Colombo serve Sangalli sulla sinistra che a sua volta crossa al centro dell'area. La sfera esce sul fondo senza trovare alcun tocco.

41' Mandelli serve sul palo opposto SeyeLissoni in uscita aerea lo anticipa fermando il pallone.

45' Colombo serve alla sua sinistra Viganò ma la schiena di Rinaldi  gli devia il cross.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

2' Defendi si fa vedere subito pericolosamente in area biancorossa. Lissoni sul primo palo copre lo specchio della porta.

7' Rinaldi dalla destra la mette in area del Conco. L'incornata di Seye non va a successo. Pallone che sorvola di pochissimo la traversa.

8' Masini dalla destra serve in area Colombo ma il sua conclusione al volo fa cilecca. Successivamente è Cambiaghi ha creare scompiglio in area avversaria con un tiro cross sulla linea di fondo ma Mora si distende.

12' Rinaldi interrompe una strepitosa azione in contropiede dei padroni di casa partita da Sangalli e passata dai piedi di BercèParma Cambiaghi .

15' Mora è decisivo con un serio intervento tra i propri pali.Occasione persa per i brianzoli.

17' Hammouda fa tutto bene palla al piede verso la porta del Conco ma Seye sulla destra non segue l'azione. Pallone sul fondo.

20' Mentre fa il suo ingresso in campo Turati, Sangalli non è impeccabile all'interno dell'area avversaria; la sua battuta a rete esce dal terreno di gioco senza impensierire l'estremo difensore ospite.

27' Lissoni beffa in uscita tre bergamaschi ma il pallone rimbalza sulla testa di Seye che da due passi non centra il bersaglio.

30' Turati tramite un calcio di punizione dal limite destro dell'area giallonera la mette sotto porta. Meroni di testa trova la traversa, Sironi anche lui con la testa la mette nel sacco ma per l'arbitro è fuorigioco. ( episodio da moviola )

33' Meroni dalla destra la mette sui piedi di Sangalli ma la sua conclusione viene ribattuta da Mandelli.

37' Sironi 
Lissoni con un retropassaggio per poco non favoriscono Seye in agguato.

38' Turati da un calcio di punizione da oltre trenta metri non calcia come sa fare. Mascaretti con i piedi allontana.

40' Voltan - al debutto - mentre dalla destra tenta il cross, Belloni si rifugia in calcio d'angolo.

43' Masini in extremis allontana un pallone pericoloso sulla linea della propria porta subendo anche un intervento irregolare nei suoi confronti.

45' Cambiaghi, dopo un batti e ribatti all'interno dell'area giallonera dagli estremi di un calcio di punizione da circa trenta metri, commette una irregolarità sotto porta ai danni di Rinaldi

48' Voltan serve Masini sulla destra per poi mettere la sfera sopra la testa di Parma nel cuore dell'area bergamasca. Pallone che esce sul fondo.

Leggi anche

Stadio comunale, via libera dalla Cpv per l'agibilità

Invasione di campo per l'addio al celibato: partita sospesa

*/ ?>

Sport

Calcio, Conco e Treviglio: pareggio da primi della classe

Calcio, Conco e Treviglio: pareggio da primi della classe

Concorezzo. Con il Treviglio Acos capolista il Conco ha dimostrato di non essere da meno della prima della classe. Un folto pubblico per due grandi squadre che,alla fine,si dividono la posta in gioco: 1-1. Al "Bonizzi e Soglio" questa domenica pomeriggio si è disputato l'ultimo dei trenta match del campionato; i brianzoli e i bergamaschi chiudono con un meritato pareggio la fine della stagione regolamentare del Girone L di Prima Categ

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREConcorezzoIl Conco chiude il 2014 vittorioso e decimati dall'arbitro. La Concorezzese passa sul proprio campo grazie ad un autorete intorno al ventiquattresimo del primo tempo. I biancorossi del calcio mantengono il risultato a denti stretti in inferiorità numerica contro un'agguerrita Città di Segrate. Dennis Galimberti si supera tra i pali. Riflettori puntati sul direttore di gara.

 
Già al quarto minuto una discesa in fase offensiva degli ospiti mette i brividi alla retroguardia dei padroni di casa ma Galimberti in tuffo sventa il pericolo fermando la sfera. Come un minuto più tardi su un calcio da fermo da circa venti metri; il pallone arriva in area, Cerizza batte tutti spazzando in corner. 
E' la volta di Mazzeo all'8' a fare gli onori di casa; la conclusione da fuori area del bomber biancorosso però non trova la porta come poco dopo quando servito da un lungo lancio dal centro del campo incespica al momento del tiro.
A scaldare i supporters locali ci pensa Meroni al 10'; il giovane attaccante concorezzese viene servito nel cuore dell'area gialloblu, la sua precisa conclusione supera il portiere ma non il palo.
I segratesi pungono spesso la difesa biancorossa. Allo scoccare del ventesimo il Conco fatica ad invalicare la metà campo avversaria fino a quando, al 24', un erroraccio difensivo gialloblu sblocca il risultato; un colpo di testa mal indirizzato lascia di stucco il portiere ospite ( 1 - 0 ).
Quelli del Città di Segrate potrebbero riacciuffare il pari trascorsi solo tre minuti; Galimberti in uscita copre lo specchio della propria porta respingendo il pallone: sulla ribattuta il centroavanti gialloblu la manda sul fondo.
Il match si accende alla mezzora quando la palla rimbalza in area su una mano dei padroni di casa, il direttore di gara Palazzo di Brescia accerchiato dai biancorossi indica il dischetto; Dennis Galimberti getta acqua sul fuoco respingendo in calcio d'angolo il pallone. Da questo momento inizierà la sagra dei cartellini; mister Motta è il primo ad essere cacciato dal terreno di gioco.
Il finale del primo tempo è tutto di marca biancorossa. Nervi tesi per la compagine gialloblu.
Al 37' il conco crea scompiglio nelle retrovie degli avversari; Nava la mette sui piedi di Meroni che a sua volta l'appoggia a Mazzeo: la conclusione del bomber casalingo è debole, l'estremo difensore ospite non ha grossi problemi a raccogliere il pallone. 
Altre proteste prima della pausa: al 44', l'offensiva gialloblu spreca una ghiotta occasione in area, il pallone esce sul fondo, per i padroni di casa è fuori gioco.
 
Reti inviolate per tutta la seconda fase di gioco. Le due formazioni non si faranno i complimenti, il gioco si fa duro ma al triplice fischio di Palazzoil risultato non cambia. Non mancheranno occasioni da rete sui due fronti; Riccardo Meroni e Matteo Mazzeo, quelli che si avvicineranno di più al goal. Il finale dell'incontro sarà rovente: il Conco ridotto in nove uomini asserragliato a difesa del proprio fortino mentre l'ira ospite in cerca del pareggio.
La rabbia della Concorezzese scatterà alla mezzora quando Cerizza si vede recapitare, per un contrasto a centrocampo, il cartellino rosso sotto gli occhi increduli dagli spalti; stessa sorte per Galimberti al 93' mentre chiede delucidazioni al direttore di gara. 
 
Gsd Concorezzese: Galimberti, Cerizza, Viganò, Nava, Biffi ( dal 48'st Lissoni ), Ledonne, Poletto, Bercè, Mazzeo, Cambiaghi ( dal 35'st Golemme ), Meroni ( dal 43'st Scateni )
 
 
Prossimo impegno dopo le festività per la seconda fase del campionato di Prima Categoria: al Comunale di via PioX sarà attesi i milanesi del Crespi Morbio. Appuntamento quindi per Domenica 11 gennaio 2015!
 
Risultati negli altri campi del Girone M:
 
Centro Schuster - Carugate ( 0 - 5 ); Paderno dugnano - Muggiò ( 1 - 3 ); Polisportiva Cgb - Cinisellese ( 1 - 1 ); Polisportiva di Nova - Crespi Morbio ( 5 - 1 ); Real Cinisello - Cob91 ( 0 - 1 ); Speranza Agrate - S.G. Crisostomo ( 4 - 0 ); Villa - S.Albino S.Damiano ( 3 - 1 )
*/ ?>

Sport

Calcio, Concorezzo chiude con una vittoria un 2014 altalenante

Calcio, Concorezzo chiude con una vittoria un 2014 altalenante

Concorezzo. Il Conco chiude il 2014 vittorioso e decimati dall'arbitro. La Concorezzese passa sul proprio campo grazie ad un autorete intorno al ventiquattresimo del primo tempo. I biancorossi del calcio mantengono il risultato a denti stretti in inferiorità numerica contro un'agguerrita Città di Segrate. Dennis Galimberti si supera tra i pali. Riflettori puntati sul direttore di gara.   Già al quarto minuto una discesa in fas

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREConcorezzo. Disastro biancorosso. Il Paderno Dugnano espugna il Comunale. Concorezzo. La gioia della Concorezzese dura solo una manciata di minuti. Tiepida reazione dei padroni di casa in superiorità numerica nel secondo tempo. 

Dopo il calcio d'inizio, si fanno vedere subito in avanti gli ospiti; prima da un corner con un colpo di testa che esce di poco, poi con un tiro dalla sinistra di Lento che fa distendere Lissoni e sfiora il palo. 
Al sesto minuto è la volta dei padroni di casa con Simone Parma a creare scompiglio nella retroguardia giallonera; il centroavanti biancorosso entra minaccioso in area dalla destra ma la difesa avversaria gli rovina i piani mandando la sfera in calcio d'angolo.
Al 14' Mazzeo viene lanciato a rete; dopo aver messo a sedere Cavallaretto , la sua conclusione viene spazzata sul fondo da un difensore ospite. Dallo stesso corner, dopo alcuni rimpalli nella metà campo Padernese, Parma in diagonale non sbaglia ( 1 - 0).
Nemmeno il tempo di godersi il meritato vantaggio che El Quahaby  insacca alle spalle di Lissoni ( 1 - 1 ), tutto da rifare per gli uomini diAlberto Motta. La prima fase di gioco sarà più vivace e costruttiva della seconda per entrambi le compagini.
Ledonne si improvvisa attaccante intorno al 17' quando gli arriva il pallone tra i piedi; la sua conclusione sorvola i legni. 
Bella giocata anche di Viganò che dopo essersi smarcato sulla fascia sinistra, la mette sulla testa di Parma al centro dell'area giallonera senza però centrare il bersaglio. 

Alla ripresa del gioco, mentre i padroni di casa sono con la testa ancora negli spogliatoi, il Paderno Dugnano chiude l'incontro; prima dagli estremi di un calcio da fermo alla trequarti del campo biancorosso, El Quahaby appostato davanti a Lissoni indisturbato ci mette il piede ( 1 - 2 ), poi con Sala che entra in area dalla destra, la sua conclusione sul secondo palo trafigge l'estremo difensore casalingo ( 1 - 3 ). A questo punto gli ospiti arretreranno, mantenendo inviolata la propria porta fino al termine. Decisivi alcuni importanti interventi di Cavallaretto su alcune insidiose conclusioni di Nicolas Colombo e Matteo Mazzeo nel corso del secondo tempo.
L'occasione più ghiotta arriva tra i piedi di Nicolas Colombo al 64' quando calcia, all'altezza del dischetto, lontano dallo specchio della porta giallonera dopo una bella giocata a tre in fase offensiva.
Al 78' il Paderno rimane in dieci; El Quahaby cade in area concorezzese; per La Certosa è simulazione, doppia ammonizione per lui, deve abbandonare il terreno di gioco. Il Conco nel finale sarà sbilanciato tutto in avanti approfittando della superiorità numerica ma il risultato non cambia. Simone Cambiaghi, allo scadere del quarto minuto di recupero concesso dal direttore di gara, scheggia il palo. Non è proprio giornata per i biancorossi.
 
Test importante quello di domenica prossima sul campo di via Manin a Brugherio, dove la Gsd Concorezzese se la dovrà vedere con la terz'ultima in classifica, la Polisportiva CGB. Sarà importantissimo vincere, per non parlare di crisi!
 

Gsd Concorezzese:  Lissoni, Cerizza, Viganò ( dal 36'st Nava ), Golemme ( dal 16'st Cambiaghi ), Mapelli, Ledonne, Parma, Bercè, Mazzeo, N.Colombo, Meroni ( dal 31'st M.Colombo ). A disposizione di mister Motta; Galimberti, Biffi, Passoni, Poletto.
Paderno Dugnano: Cavallaretto, D'addetta, Borgia, Marano ( dal 21'st  Pantano ), Cillis, Patella, Sala, Carbon, El Quahaby, Lento, De Vita ( dal 30'pt Zaffini ). A disposizione di Tomasoni; Guastavino, Tirino, Dossi, Rotolo, Bruzzano.
 
Gli altri risultati del girone M di Prima Categoria:
 
Cob91 - Cinisellese ( 0 - 2 ); Carugate - Crespi Morbio ( 4 - 0 ); Centro Schuster - Villa ( 0 - 1 ); Polisportiva di Nova - Polisportiva Cgb ( 2 - 0 ); Real Cinisello - S.Albino S.Damiano ( 3 - 0 ); S.G. Crisostomo - Muggiò ( 2 - 3 ); Speranza Agrate Brianza - Città di Segrate ( 2 - 1 ).
 
La classifica:
 
Speranza Agrate Brianza 18; Muggiò 16; Cinisellese 14; Carugate 11; Cob91, Paderno Dugnano 10; Villa 9; Concorezzese, Polisportiva di Nova 7; Centro Schuster, Città di Segrate 6; Crespi Morbio 5; Polisportiva Cgb 4; Real Cinisello 3; S.G.Crisostomo 2.
*/ ?>

Sport

Calcio, i biancorossi affondati in casa da El Quahaby

Calcio, i biancorossi affondati in casa da El Quahaby

Concorezzo. Disastro biancorosso. Il Paderno Dugnano espugna il Comunale. Concorezzo. La gioia della Concorezzese dura solo una manciata di minuti. Tiepida reazione dei padroni di casa in superiorità numerica nel secondo tempo.  Dopo il calcio d'inizio, si fanno vedere subito in avanti gli ospiti; prima da un corner con un colpo di testa che esce di poco, poi con un tiro dalla sinistra di Lento che fa distendere Li

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

Grignano di BrembateIl Conco cade anche in terra bergamasca sotto i colpi di un'inarrestabile Oriens. Il risultato finale è 2-0 per i locali. Dopo molteplici tentativi in fase offensiva i padroni di casa sbloccano il risultato allo scoccare della prima mezzora di gioco con un guizzo in area di Baracchetti. In superiorità numerica nella ripresa chiudono l'incontro ad un quarto d'ora dal triplice fischio; Donadoni conclude al meglio una gran bella azione di contropiede. I biancorossi combatteranno con tutte le proprie forze fino alla fine senza successo dopo un primo tempo da dimenticare. Gli ospiti contesteranno l'annullamento di una rete al termine del primo tempo; quelli dell'Oriens un calcio di rigore negato all'inizio del secondo. Settimana impegnativa aspetta la Concorezzese: mercoledì sera gli uomini di mister Motta saranno ospiti del fanalino di coda Sovicese per il recupero del match rinviato causa maltempo. Domenica prossima invece dovranno vedersela con la capolista Cinisellese.
 
La cronaca:
 
I bergamaschi faranno gli onori di casa gia alle prime battute di gioco con due pericolose incursioni nella metà campo brianzola: prima impegnando in uscita dai pali Lissoni poi con una conclusione troppo alta da fuori area.
 
I biancorossi faticheranno per tutta la prima frazione ad oltrepassare la trequarti avversaria. I gialloverdi saranno davvero pungenti in avanti anche se per la maggior parte del tempo il match sarà combattuto al centro del campo. 
 
La porta difesa da Lissoni sarà spesso sotto assedio. Al 27' arriverà la rete di Baracchetti che di sinistro insacca sul primo palo. ( 1-0 ) 
 
Il Conco cercherà subito di reagire in contropiede; la conclusione di Sangalli dalla sinistra sarà troppo debole, Collefontana raccoglie la sfera senza problemi. Poco dopo la compagine casalinga potrebbe raddoppiare dagli estremi di un calcio piazzato; l'incrocio dei pali grazierà i biancorossi. 
 
Prima del riposo i gialloverdi si avvicineranno al raddoppio in un paio di occasioni. Intorno al 40', invece, i biancorossi con un traversone insaccano alla destra di Collefontana ma per l'arbitro sarà offside; Sangalli si infuria, ammonito.
 
Il Conco si farà più aggressivo alla ripresa del gioco. L' Oriens invocherà nei primi minuti un calcio di rigore dopo un contrasto in area su Donadoni. Al ribaltamento di fronte Fadini non sarà impeccabile sotto porta; pallone sul fondo.
 
L'incontro si scalda al 55' dopo un acceso battibecco tra Brioschi e Donadoni per un intervento falloso di quest'ultimo costatogli un giallo.
 
I biancorossi inizieranno a farsi spesso minacciosi in avanti. I gialloverdi si limiteranno a qualche contropiede. 
 
Al 65' i biancorossi, rimasti con un uomo in meno ( seconda ammonizione conseguita da Sangalli per una presunta simulazione in area avversaria ), mettono i brividi alla retroguardia locale con una giocata diBercè e ParmaMeroni verrà lanciato a rete ma a fermare l'azione ci pensa il direttore di gara per una posizione di fuorigioco.
Successivamente sarà Orlandini a servire un cross in mezzo all'area dalla fascia sinistra; la difesa ospite però spazzerà lontano sui piedi di Fadini che si involerà in contropiede ma fermato a lato.
 
E mentre mister Rota viene rimproverato dall'arbitro e dopo che D'Elia su un calcio di punizione la spara alto, Meroni viene atterrato al limite dell'area dal terzino casalingo Vierchowod ( nipote d'arte ); Bercèdal calcio piazzato però non coglie impreparato Collefontana.
 
Al 78' i padroni di casa dopo alcuni rimpalli in area concorezzese trovano il raddoppio; Donadoni marcato stretto  scalcia da terra la sfera. Goal. ( 2-0 )
 
Cinque minuti di fuoco per i biancorossi agli sgoccioli dell'incontro: Crippa da due calci di punizione dalla trequarti impegnerà seriamente Collefontana. Il tocco al centro dell'area di Cambiaghi si impennerà di poco sopra la traversa.
 
Al 90' Agostinelli tenterà la fuga solitaria verso Lissoni; il direttore di gara ci metterà lo zampino. Fuorigioco.
 
L'ultima azione dell'incontro sarà dell'Oriens dai piedi di Baracchetti che con un cross rasoterra dalla destra distende l'estremo difensore del Conco.
 
I tre punti conquistati ( e meritati ndr ), permettono ai bergamaschi di scavalcare "momentaneamente"i brianzoli ( con una partita in meno ) in classifica. Per i biancorossi sarà obbligatorio vincere nel recupero di mercoledì sera a Sovico. FORZA CONCO!
 
 
Le formazioni:
ORIENSCollefontana, Orlandini, Vierchowod, D'Elia, Manzini, Osio, Agostinelli, Mazzoleni, Donadoni ( dal 80' Gambirasio, Baracchetti, Bertola ( dal 64' Otelli ) 
A disposizione; Piazza, Grassi, Bonfanti, Moriggi
Allenatore; Rota
 
CONCOREZZESELissoni, Brioschi ( dal 60' Bercè ), Zangari, Rossi, Troiano, Scateni, Parma, Colombo, Fadini ( dal 80' Crippa ), Sangalli, Meroni ( dal 80' Cambiaghi )
Allenatore; Motta
 
Risultati negli altri campi del girone D di Prima categoria:
 
Sporting BM - Cassina Nuova ( 4-1 ); Cob91 - La Dominante ( 3-2 ); Paderno Dugnano - Cinisellese ( 0-0 ); Pro Novate - Polisportiva Cgb ( 1-1 ); Solese - Carugate ( 0-1 ); Sovicese - Bollatese ( 0-1 ); Vedano - Polisportiva di Nova ( 1-2 )
 
La classifica:
 
Cinisellese 10; Cob91 9; Polisportiva di Nova, Carugate 8; Bollatese, Sporting BM 7; Paderno Dugnano 6; La Dominante, Pro Novate, Oriens, Solese, Polisportiva Cgb, Vedano 4; CONCOREZZESE 3*; Cassina Nuova, Sovicese* 1
 
SOVICESE - CONCOREZZESE, match di recupero della 2a giornata, rinviato per l'impraticabilità del terreno di gioco , il 30 settembre.
 
Quinta giornata di campionato, 4 ottobre 2015:
 
Bollatese - Sporting BM; Carugate - Pro Novate; Cassina Nuova - Oriens; CONCOREZZESE - CINISELLESE; La Dominante - Sovicese; Polisportiva Cgb - Cob91; Polisportiva di Nova - Solese; Vedano - Paderno Dugnano
*/ ?>

Sport

Calcio, il Conco sconfitto dai bergamaschi dell'Oriens

Calcio, il Conco sconfitto dai bergamaschi dell'Oriens

Grignano di Brembate. Il Conco cade anche in terra bergamasca sotto i colpi di un'inarrestabile Oriens. Il risultato finale è 2-0 per i locali. Dopo molteplici tentativi in fase offensiva i padroni di casa sbloccano il risultato allo scoccare della prima mezzora di gioco con un guizzo in area di Baracchetti. In superiorità numerica nella ripresa chiudono l'incontro ad un quarto d'ora dal triplice fischio; Donadoni conclude al meglio un

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

MONZA-COMO 3-2
 
Il Monza fa suo il sentitissimo derby col Como con uno strepitoso gol di “Pepìn” Machìn giunto in “zona Cesarini”. Ora la classifica torna a sorridere perché con questa vittoria i biancorossi rientrano in zona play-off. L’operazione di “controsorpasso” ai danni dei lariani parla però più portoghese che spagnolo perché prima del Nazionale equatoguineiano era andato a segno il lusitano Dany Mota con una splendida doppietta.
 
Col successo nel derby, che in Serie B non si disputava da 31 anni e mezzo, il Monza ha inanellato il sesto risultato utile consecutivo e tra l’altro è tornato a infilare 4 vittorie in successione in casa in cadetteria dopo 37 anni e mezzo. Gli avversari, invece, hanno interrotto la serie di 7 risultati utili consecutivi e quella di 3 vittorie di fila.
 
Il match è stato bifacciale: nel primo tempo ha dominato il Monza, nel secondo il Como. Finché i biancorossi hanno retto fisicamente, pressando i lariani in ogni zona del campo, è stato dimostrato che il gruppo allenato da Giovanni Stroppa potrebbe ambire alla promozione diretta. Quando ha mollato ha dato ragione a chi ritiene troppo fragile la fase difensiva, non all’altezza di affrontare le altre candidate al salto di categoria. E quando si parla di fase difensiva si intende la capacità di tutti i reparti di far fronte alle sfuriate avversarie. Purtroppo in attacco il Monza ha elementi fisicamente non importanti e in questo periodo molti di loro non sono in condizione. Considerando che anche questa settimana la lista degli infortunati si è allungata (a Lamanna, Favilli, Barillà e Scozzarella si sono aggiunti Pirola, Sampirisi e Carlos Augusto) resta forte il sospetto che sia stata sbagliata la preparazione fisica di questa stagione.
 
Contro il Como guidato da Giacomo Gattuso, senza gli infortunati Varnier e Gatto, ma con gli “ex” Scaglia e Gliozzi vogliosi di dimostrare che meritavano più considerazione, Stroppa ha schierato, rispetto all’ultimo incontro di Crotone, Caldirola in difesa e Vignato e Mota in attacco con Valoti e D’Alessandro che sono tornati a giocare sulla linea mediana.
 
All’U-Power Stadium si comincia tra cori e coreografie da big-match messi in scena dai 5625 spettatori che hanno deciso di sfidare il freddo e l’umidità. Il Monza parte forte e al 3’ un’iniziativa personale di Colpani porta a un tiro che Gori è costretto a deviare in corner. Al 6’ un calcio di punizione di Barberis passa alto. 4’ dopo un rasoterra diagonale di Colpani cozza contro il palo. Il gol è nell’aria e arriva al 16’ quando Vignato serve un filtrante per Mota che fulmina Gori. Al 25’ su una conclusione di Pedro Pereira imprecisa Valoti non arriva d’un soffio alla correzione di testa. Dopo altri 4 giri d’orologio giunge comunque il raddoppio: D’Alessandro serve in area Mota che con un sinistro violento gonfia la rete. Al 32’ un colpo di testa di Valoti vola sopra la traversa. Il Como, a parte qualche protesta per presunti rigori non visti né dall’arbitro né dal VAR, si rende davvero pericoloso al 38’ con un tiro-cross di Vignali che taglia l’area piccola senza che nessun compagno intervenga. Al 44’ sul cross di Vignato dalla linea di fondo Valoti ci riprova di testa ma manda la sfera sul palo. Al 48’ il Como sostituisce il portiere infortunato Gori con Facchin.
 
Nella ripresa il Monza cammina fin da subito mentre il Como ha ben altro piglio. Al 7’ un rasoterra di Chajia dal limite è bloccato a terra da Di Gregorio. Al 14’ Stroppa sostituisce Vignato con Antov spostando Donati a centrocampo e a catena D’Alessandro in attacco. Il neoentrato bulgaro però ne combina una delle sue: dopo 2 gol causati nelle precedenti 2 apparizioni, stavolta alla prima giocata sbaglia completamente l’apertura per il cambio di fronte consegnando palla agli avversari, che ringraziano con Bellemo. I biancorossi sono in balìa dei lariani e infatti 5’ dopo subiscono il pareggio firmato da Vignali su assist di un ottimo Parigini. I ragazzi di Stroppa faticano a tenere palla e dunque a superare la metà campo. Le cose migliorano quando al 26’ Machìn e Ciurria rilevano Valoti e D’Alessandro. Al 31’, però, Cerri con un destro dal limite manda alto facendo tremare la Curva Davide Pieri. Il match sembra avviarsi verso il definitivo 2-2, anche perché il Monza fa girare la palla senza mai provare l’affondo, quando al 43’ Machìn inventa un tiro diabolico dai 25 metri che si insacca nel “sette” alla destra di Facchin: lo stadio esplode come da molto tempo non accadeva e i tifosi ospiti ripiegano le bandiere. C’è tempo per gli ingressi di Mazzitelli e Gytkjaer al posto di Colpani e Mota e, al triplice fischio, per l’espulsione di Cerri per proteste.
 
In sala stampa Stroppa è stato stavolta un po’ troppo baldanzoso: “Spero che questa vittoria porti qualcosa alla squadra a livello di consapevolezza della nostra forza e di autostima. Dall’inizio del campionato non abbiamo mai vinto 2 partite consecutive. Oggi abbiamo concesso al Como, la squadra più in forma del momento, solo un quarto d’ora, dove abbiamo subito per errori banali. È stata una piccola macchia dentro una partita interpretata benissimo, sotto l’aspetto del gioco, delle individualità, del dominio territoriale. Portare a casa la partita dopo questo quarto d’ora significa qualcosa d’importante. L’abbraccio dopo il gol del 3-2 la dice tutta su questo gruppo. Machìn e stato beccato dal pubblico però ha mostrato le ‘palle’ prendendosi il rischio di scagliare quel tiro. A inizio stagione era poco considerato ma ha lavorato bene e si merita tutto questo. Mota? Aldilà dei 2 gol spettacolari è un giocatore di raccordo, di corsa, che dà verticalità”.
 
Gattuso è stato più equilibrato: “Abbiamo giocato un secondo tempo straordinario per carattere, gioco, intensità, aggressività, e contro il Monza che è una squadra fortissima. Nel primo tempo invece potevamo fare meglio. Nel primo tempo è stato nettamente meglio il Monza, nel secondo nettamente meglio noi. Infatti a un certo punto speravo di vincere. Certamente meritavamo il pareggio. Tra l’altro dalla panchina ho visto un rigore nettissimo per noi nel primo tempo. Non capisco come mai l’arbitro non sia andato a rivedere l’azione al VAR”.
 
Riuscirà finalmente il Monza a vincere 2 partite consecutive? Lo sapremo sabato prossimo dopo che i biancorossi avranno affrontato l’Ascoli, appaiato coi brianzoli al 7° posto, allo stadio “Del Duca” (calcio d’inizio alle ore 14).
 
 
FOTO BUZZI
*/ ?>

Sport

Calcio, il derby della Brianza è ancora del Monza

Calcio, il derby della Brianza è ancora del Monza

MONZA-COMO 3-2   Il Monza fa suo il sentitissimo derby col Como con uno strepitoso gol di “Pepìn” Machìn giunto in “zona Cesarini”. Ora la classifica torna a sorridere perché con questa vittoria i biancorossi rientrano in zona play-off. L’operazione di “controsorpasso” ai danni dei lariani parla però più portoghese che spagnolo perché prima del Nazionale equatoguineiano era andato a segno il lusitano Dany Mota con

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREConcorezzo. Un super Conco lascia senza via di scampo la Vibe Ronchese, seconda in classifica. E' bastato solo un tempo per capire le intenzioni dei padroni di casa: la vittoria! La doppietta realizzata da Marco Calloni nel giro di due minuti regala i tre punti in palio ai biancorossi del calcio. Una partita senza sbavature quella dei ragazzi di Alberto Motta che non concedono proprio nulla agli avversari guidati da Gianluca Ciofi per tutto l'arco dell'incontro.

Domenica la società e i tifosi biancorossi hanno dato un caloroso "bentornato" a Tarcisio Massironi, ripresosi dopo il brutto incidente di Vimercate (leggi)

Gli altri risultati del girone B di Promozione:

Barzago - Speranza Agrate ( 0-0 ); Biassono - Colicoderviese ( 2-1 ); Cinisello - Villa ( 3-3 ); Di.Po.Vimercatese - Real Milano ( 2-1 ); Menaggio - Lissone ( 0-2 ); Pontelambrese - Costamasnaga ( 2-1 ); Pro Lissone - Casati Arcore ( 0-0 ).

La classifica alla 19a giornata di campionato:

Di.Po.Vimercatese 39; Vibe Ronchese 35; Pontelambrese 34; Lissone, Colicoderviese 32; Barzago 30; Concorezzese 27; Menaggio 26; Costamasnaga 23; Cinisello, Villa, Biassono 21; Casati Arcore 20; Speranza Agrate, Real Milano 19; Pro Lissone 15.

Prossimo turno, domenica 11 febbraio alle ore 14.30:

Barzago - Menaggio; Colicoderviese - Cinisello; Costamasnaga - Pro Lissone; Lissone - Biassono; Real Milano - Concorezzese; Speranza Agrate - Casati Arcore; Vibe Ronchese - Pontelambrese; Villa - Di.Po.Vimercatese.

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

Le formazioni:

GSD CONCOREZZESE - Leserri 6, Bosisio 6.5, Secchi 6.5, Bertini 6.5, Sironi 7, Bonfanti 6.5 dal 12'st Troiano 6.5 ), Parma 7, Bercè 6.5, Fadini 6.5 ( dal 5'st Panceri 6.5 ), Calloni 7.5 ( dal 45'st Silipigni sv ), Sangalli ( dal 36' Colombo sv ). A disposizione di mister Alberto Motta; Corsaro, Cazzaniga, Turati.

VIBE RONCHESE - Brambilla Matteo 6, Citterio 6 ( dal 29'st Bandini 6, Brivio 6, Fiore ( dal 1'st Coccioli 6.5 ), Pozzi 6.5, Crimella sv ( dal 14'pt Sagno 6 ), Colombo L. 6, Colombo M. 6, Brambilla Mattia 6 ( dal 1'st Branciforti ), Spina 6, Poli 6. A disposizione di mister Gianluca Ciofi; Soldo, Colnago, Fruggiero.

La cronaca del match:

4' Calcio di punizione per il Conco. Bercè la mette in area, Pozzi allontana in qualche modo, dopo alcuni rimpalli il direttore di gara ferma l'azione per una irregolarità.

7' Il tiro in diagonale dalla destra di M.Colombo viene fermato da Leserri senza grosse difficoltà.

8' Sironi ferma fallosamente Spina pronto alla fuga. Ammonito il biancorosso.

9' M.Colombo non riesce il tocco a rete sul secondo palo su un tiro-cross dalla destra. Pallone sul fondo.

12' Sangalli lancia Calloni verso l'area avversaria. Brivio lo anticipa sul più bello.

13' Parma dalla sinistra vede in mezzo Sangalli. La conclusione dal limite dell'area del numero undici è troppo debole per impensierire il portiere viola.

15' Calloni riceve il pallone nella parte sinistra dell'area, controllo e tiro sotto la traversa imprendibile per Matteo Brambilla ( 1-0 )

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

17' Calloni incontenibile! Palla al piede dalla tre quarti arriva in area ospite sulla sinistra. Palla nel sacco nell'angolo basso più lontano ( 2-0), l'estremo difensore della VibeR battuto per la seconda voltaPochi secondi prima sempre Calloni aveva offerto a Sangalli una ghiotta occasione da rete non sfruttata al meglio con l'inutile tentativo di Parma a tenere la sfera in campo sulla linea di fondo.

21' Bosisio sulla fascia destra, con il supporto di Bertini, manda all'assalto Sangalli che a sua volta la mette nel cure dell'area ospite sulla testa di FadiniMatteo Brambilla in uscita aerea spegne definitivamente l'azione offensiva concorezzese.

26' La corsa palla al piede per circa cinquanta metri di Parma  si conclude sulla soglia dell'area avversaria al momento della conclusione ma l'ala biancorossa perde l'equilibrio calciando la sfera tiepidamente tra le braccia del portiere.

34' L.Colombo dalla distanza trenta il tiro. Palla alta oltre la porta.

37' Parma in dribbling sulla fascia sinistra si accentra e carica il tiro. Il pallone sorvola il legno superiore della porta viola.

38' Calloni riceve la palla in area da Bosisio, si smarca e batte a rete ma ha la meglio Matteo Brambilla che rilancia in avanti i suoi.

40' Bertini chiude lo specchio della propria porta a Poli nei pressi dell'area piccola sulla sinistra. Palla in calcio d'angolo.

47' Fadini temporeggia palla al piede, spalle alla porta, in mezzo all'area ospite poi Calloni alla sua destra viene tradito da un rimpallo; la conclusione non impeccabile viene bloccata dal portiere senza grossi problemi.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

2' La diagonale di Calloni dalla destra viene fermata prontamente sulla linea di porta da Matteo Brambilla.

7' Coccioli sulla sinistra dell'area biancorossa non trova lo specchio della porta.

8' Calcio piazzato dal limite dell'area per la VibeR sulla sinistra con alla battuta Poli. Il tocco in mischia in mezzo all'area di Branciforti non va a buon fine, palla a fil di palo sul fondo. Per l'arbitro è corner.

15' Tiro-cross di Parma dalla linea di fondo sinistra. Matteo Brambilla fa sua la sfera sotto porta.

20' Secchi ferma la fuga, sulla destra, offensiva di Coccioli. Rimessa laterale per i viola.

22' Sangalli viene colpito da dietro mentre si appresta ad entrare in area avversaria. L'onere del calcio di punizione viene affidato ai piedi di Bercè ma il pallone sorvola la parte superiore della porta.

25' Coccioli dal centro grosso del campo lancia in profondità SpinaSironi lo ferma in extremis sulla linea laterale.

27' Troiano interrompe l'incursione nella propria area da parte di L.Colombo.

33' Parma entra dalla sinistra, tra due difensori, in area avversaria ma il suo cross a rasoterra viene allontanato dai piedi di Pozzi.

34' Leserri in uscita dai propri pali fa il "miracolo" sulla battuta a rete appena dentro l'area di L.Colombo sul filo del fuorigioco.

38' Parma ruba il pallone tra i piedi di Sagno su un rinvio con le mani del portiere servendo alla sua destra sul limite dell'area PanceriMatteo Brambilla blocca sicuro la conclusione del giovane attaccante biancorosso.

47' Calcio di punizione dai venti metri per la VibeR. L.Colombo calcia la sfera direttamente alle stelle. 

*/ ?>

Sport

Calcio, Marco Calloni fa volare il Conco

Calcio, Marco Calloni fa volare il Conco

Concorezzo. Un super Conco lascia senza via di scampo la Vibe Ronchese, seconda in classifica. E' bastato solo un tempo per capire le intenzioni dei padroni di casa: la vittoria! La doppietta realizzata da Marco Calloni nel giro di due minuti regala i tre punti in palio ai biancorossi del calcio. Una partita senza sbavature quella dei ragazzi di Alberto Motta che non concedono proprio nulla agli avversari guidati da Gianluca Ciofi per tut

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREConcorezzo. Alessandro Minelli, classe 1999, giovane talento concorezzese, è stato convocato nella Nazionale Italiana di serie B. In agosto il dinfensore era stato ceduto in prestito (con diritto di riscatto) dalla Primavera dell'Inter al Pescara, che disputa il campionato nella serie cadetta. Il mister della B Italia, Massimo Piscedda, lo ha voluto mettere alla prova. Dal 23 settembre al 1 ottobre, infatti, 20 giovani azzurri giocheranno alcuni match amichevoli in Giappone contro compagini locali per il Progetto “City of Senday Host-City for Olympic Games Tokyo 2020”. Alle ore 19 di martedì 26 Settembre presso lo Stadio “Sendai” l’Italia affronterà la formazione del Sendai Ikuei H.S. FC, mentre esattamente tra 48 ore sarà il Vegalta Sendai che proverà a fermare i nostri azzurri.

Concorezzo.org aveva già scritto di lui (leggi)

Su Alessandro Minelli leggi anche

Da Concorezzo alla Nazionale: Minelli sogna la serie A

Tutti i convocati da mister Piscedda:

RIZZO Agostino (Palermo ’99)

SANTORO Simone (Palermo ’99)

MARCIANO’ Giuseppe (Frosinone ’99)

FIGOLI Matteo (Spezia 2000)

BENEDETTI Leonardo (Spezia 2000)

MAZZARANI Federico (Unicusano Ternana 2000)

SCARLINO Luca (Spezia 2000)

ADORNI Federico (Parma ’99)

FORNI Filippo Maria (Cremonese ’99)

BAREZZANI Simone (Brescia ’99)

CORTINOVIS Lorenzo (Pro Vercelli ’99)

CARULLO Gioacchino (Virtus Entella ’99)

BORELLI Gennaro (Pescara 2000)

MINELLI Alessandro (Pescara ’99)

RANOCCHIA Filippo (Perugia 2000)

CARNICELLI Alessandro (Cesena ’99)

STOPPA Matteo Novara (2000)

OBBERRAUCH Nicholas  (Parma ’99)

MANCINI Simone (Pescara ’99)

CARRAFIELLO Nevio (Salernitana ’99)

*/ ?>

Sport

Calcio, Minelli convocato in Nazionale B

Calcio, Minelli convocato in Nazionale B

Concorezzo. Alessandro Minelli, classe 1999, giovane talento concorezzese, è stato convocato nella Nazionale Italiana di serie B. In agosto il dinfensore era stato ceduto in prestito (con diritto di riscatto) dalla Primavera dell'Inter al Pescara, che disputa il campionato nella serie cadetta. Il mister della B Italia, Massimo Piscedda, lo ha voluto mettere alla prova. Dal 23 settembre al 1 ottobre, infatti, 20 giovani azzurri giocheranno

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREConcorezzo. Lo stadio comunale di via Pio X apre gratuitamente i cancelli a tutti. Il Gsd Concorezzese chiede alla città il sostegno delle grandi occasioni per il secondo turno dei paly-off. I biancorossi, arrivati secondi nel proprio girone dopo un campionato straordinario,affronteranno la Città di Segrate nel secondo turno dei playoff del Girone L del campionato di Prima Categoria. Appuntamento domenica 14 maggio alle ore 16.

A fine gara parentesi sfiziosa con barbecue e birra, oltre alla possibilità di iscriversi ai camp biancorossi.

Leggi anche

Pallacanestro, Concorezzo non si ferma più: playoff!

Cerchi lavoro? Il "Job club" è un'occasione da non perdere

Pronti i 28 appartamenti Aler: assegnazioni in estate

Arrampicate da leggenda: incontro con il mago Manolo

 

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

*/ ?>

Sport

Calcio, play-off: ingresso gratuito per tifare Conco

Calcio, play-off: ingresso gratuito per tifare Conco

Concorezzo. Lo stadio comunale di via Pio X apre gratuitamente i cancelli a tutti. Il Gsd Concorezzese chiede alla città il sostegno delle grandi occasioni per il secondo turno dei paly-off. I biancorossi, arrivati secondi nel proprio girone dopo un campionato straordinario,affronteranno la Città di Segrate nel secondo turno dei playoff del Girone L del campionato di Prima Categoria. Appuntamento domenica 14 maggio alle ore 16. A f

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREConcorezzoIl Conco lascia senza via di scampo gli avversari. Il Pozzuolo tiene testa solo mezzora. Nonostante le numerose assenze e all'indisponibilità di Riccardo Meroni pochi istanti prima del fischio d'inizio, i biancorossi del calcio annientano la formazione arrivata dalla Martesana. Di Nicolas Colombo la rete che sblocca il risultato nel primo quarto d'ora dell'incontro. Stefano Sangalli, rientrato da poco da un infortunio, ritrova il gol alla mezzora della ripresa con un tiro in diagonale. Davide Sironi conclude al meglio una azione dagli estremi di un calcio di punizione a otto minuti dal novantesimo ma il Conco non si accontenta e agli sgoccioli del match Riccardo Poletto manda a rete Gabriele Rebuzzini indisturbato nel cuore dell'area avversaria. Tre preziosi punti quelli conquistati questa domenica dagli uomini di Alberto Motta che riducono il distacco dalla capolista Treviglio fermata sul proprio campo dalla Pagazzanese. 

Vittoria di misura sabato pomeriggio della Juniores tra le mura amiche di via Pio X contro la compagine giunta da Meda. Di Luigi Panceri la rete che vale i tre punti arrivata con una strepitosa azione di contropiede a dieci minuti dal triplice fischio. Incontro sostanzialmente equilibrata. Ora ad attendere sul proprio campo i ragazzi allenati da Claudio Nava saranno quelli del Lissone che in classifica sono alle calcagna, ad un solo punto, dei biancorossi.

Le formazioni:

GSD CONCOREZZESE - Leserri 6; Poletto 6.5, Viganò 6, D'Angelo ( dal 83' Golemme ), Sironi 6.5, Bonfanti 6.5, Parma 6.5, Rossi 6, Rebuzzini 7, Colombo ( dal 83' Masini SV ), Sangalli 6,5 ( dal 76' Cambiaghi ). A disposizione di mister Alberto Motta; Corsaro, Troiano, Brioschi, Meroni.

ASD POZZUOLO CALCIO - Dini 6.5, Luppino 6, Ronchi 6, Tresoldi 6.5Nolli 6, Gianoli 6, Simigliani 6 ( dal 72' Bettinelli 6 ), Colombetti ( dal 85' Finardi SV ), Carnà 6 ( dal 75' Valentini SV ), Zappalà 6.5, Merelli 6. A disposizione di mister Antonino Corvino; Dello Russo, Falzone, Graffeo, Brioschi.

DIRETTORE DI GARA  -  Sig. Jacopo Steffenoni Grandi di Bergamo 6.5

Gli altri risultati del girone L di Prima Categoria:

Acos Treviglio - Pagazzanese ( 1-1 ); Calcense - Cgb Brugherio ( 4-3 ); Carugate - Oratorio Calvenzano ( 0-1 ); Città di Segrate - Sporting V.Mazzola  ( 2-3 ); Fara O.con Sola - Badalasco ( 3-1 ); Fornovo S. Giovanni - Accademia Cologno ( 2-2 ); Sporting LeB - Inzago ( 0-2 ).

La classifica alla 23esima Giornata di Campionato:

Acos Treviglio 53; CONCOREZZESE 45; Sporting V.Mazzola 40; Calcense 38; Carugate 36; Città di Segrate, Fornovo S.Giovanni 35; Badalasco, Oratorio Calvenzano 34; Pagazzanese, Fara O.con Sola 32; Inzago 27; Pozzuolo Calcio 25; Accademia Cologno 18; Pol. Cgb Brugherio, Sporting LeB 11

Prossimo turno, domenica 12 marzo alle ore 14.30:

ACCADEMIA COLOGNO - CONCOREZZESE; Badalasco - Fornovo S.Giovanni; Calcense - Fara O. con Sola; Oratorio Calvenzano - Sporting LeB; Pol. Cgb Brugherio - Inzago; Pagazzanese - Città di Segrate; Pozzuolo Calcio - Acos Treviglio; Sporting V.Mazzola - Carugate

La cronaca dell'incontro:

10' Le due compagini faticano a valicare i rispettivi reparti difensivi. I primi a farsi pericolosi in avanti sono gli ospiti; Zappalà direttamente da un calcio da fermo appena fuori dall'area impegna seriamente Leserri in tuffo.

13' Viganò lascia scorrere il pallone, proteggendolo da Zappalà, a fondo campo da un lancio partitoda un calcio di punizione.

15' Bonfanti respinge la sfera  in calcio d'angolo da un tentativo di cross del numero nove bianconero, Carnà.

16' Parma dalla sinistra la mette in mezzo all'area ospite; dopo alcuni rimpalli Colombo si ritrova con il pallone tra i piedi trovando l'angolino più lontano della porta difesa da Dini ( 1-0 )

19' Zappalà supera in dribbling Leserri in uscita dai pali depositando il pallone nel sacco ma il bomber ospite si vede invalidare la rete per una irregolarità.

21' Sangalli viene agganciato da Ronchi appena fuori dall'area piccola. Forse c'erano gli estremi per un calcio dal dischetto ma il direttore di gara lascia correre.

23' Zappalà direttamente da un calcio di punizione da circa venti metri nella parte destra del rettangolo di gioco non trova la porta.

26' Sangalli da un calcio da fermo nella parte piccola del campo dalla sinistra la mette sul secondo palo sulla testa di Sironi. Pallone di poco fuori.

28' I padroni di casa iniziano a spingere in fase offensiva. Parma palla al piede arriva sulla soglia dell'area avversaria provando la conclusione in porta; il suo tiro insidioso verso l'angolino alla destra di Dini viene deviato in calcio d'angolo.

30' Rebuzzini allontana di testa dalla propria area un pallone partito da un calcio di punizione dai venticinque metri. L'azione sfuma sul fondo del campo . Al ribaltamento di fronte Colombo lancia in avanti sulla fascia destra del campo Sangalli che a sua volta serve sulla linea di fondo Parma. La conclusione di quest'ultimo viene respinta dalla schiena di Ronchi.

33' Calcio di punizione dalla sinistra per i bianconeri. A dire di no è la testa di Rossi in mischia all'interno dell'area biancorossa.

35' Da una rimessa laterale sulla destra del campo il pallone filtra in area tra le ali dei piedi di Colombo ma la sua secca conclusione in diagonale diretta sul secondo palo esce di un soffio.

37' Rebuzzini si procura un calcio di punizione a trenta metri dall'area ospite. L'azione termina a lato del tappeto verde.

39' Sangalli subisce un duro intervento sulla sinistra appena fuori dall'area avversaria. Rebuzzini sul primo palo colpisce male di testa, il pallone esce sul fondo.

40' Colombo dalla bandierina sinistra la mette in area del Pozzuolo ma la difesa allontana la sfera.

41' Pochi istanti dal duplice fischio Sironi è bravo a non commettere fallo su Carnà in fuga palla al piede sulla sinistra verso la porta concorezzese.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

5' Parma riceve il pallone sulla sinistra in area da Sangalli ma a fermare il numero sette casalingo è il direttore di gara intravedendo un millimetrico fuorigioco.

9' Parma conquista in scivolata il pallone al centro del campo. Rebuzzini vede alla sua sinistra Sangalli ma la sua conclusione sul primo palo viene respinta da Dini.

11' Zappalà la mette sui piedi di Carnà in area biancorossa. Sironi si rifugia in corner.

12' Poletto dalla destra la mette nell'area piccola bianconera. Dini in due tempi fa suo il pallone.

14' Zappalà la manda di pochissimo alta sopra il legno superiore della porta.

16' Merelli dalla bandierina sinistra la mette in area sul primo palo concorezzese. Rebuzzini Colombo fanno ripartire la propria squadra.

17' Sangalli va alla battuta di un calcio di punizione nella trequarti avversaria. Il pallone è irraggiungibile per Rebuzzini, l'occasione sfuma sul fondo.

22' I tiri in porta di Parma Rebuzzini vengono respinti: prima da un difensore poi da Dini in tuffo e sulla respinta D'angelo al volo manca lo specchio della porta. Mani nei capelli per il giovane centrocampista del Conco.

28' Zappalà si invola verso l'area dei locali ma Bonfanti attiva la trappola del fuorigioco.

29' Sangalli si vede respingere dalla testa di Merelli appostato in barriera dagli estremi di un calcio di punizione dal limite dell'area.

26' Zappalà dalla linea di fondo sinistra la mette sotto porta dei padroni di casa. A difendere la propria porta ci pensa in estremis dal piede di Viganò. Pallone in corner.

27' Sangalli viene pescato da Rebuzzini sulla sinistra all'interno dell'area martesana. Il tiro in diagonale del numero undici brianzolo si insacca nell'angolino più lontano della porta ( 2-0 )

29' Zappalà direttamente da un calcio da fermo dalla trequarti non trova di pochissimo l'incrocio dei pali alla destra di Leserri.

30' Poletto mette in corner un cross di Colombetti dalla sinistra del campo.

33' Rebuzzini si smarca sulla destra nei pressi della bandierina. Il cross diretto nel cuore dell'area bianconera viene interrotto in tuffo da Dini.

35' Il tiro dalla sinistra di Tresoldi da un calcio di punizione dalla sinistra viene fermato da Leserri in sospensione in uscita dai pali. Sul fronte opposto Dini deve intervenire in presa elastica sulla battuta a rete diCambiaghi .

37' Viganò dalla sinistra va a battere un calcio di punizione. Batti e ribatti sotto porta prima con Rebuzzini e poi con Cambiaghi. Sironi è attento, si fa trovare nel posto giusto al momento giusto sulla linea di porta pronto a metterla dentro ( 3-0 )

42' Mentre gli ospiti sono allo stremo delle forze. Poletto dalla destra la mette al centro dell'area bianconera, Rebuzzini di testa da il colpo di grazia all'estremo difensore del Pozzuolo Calcio ( 4-0 )

Leggi anche

"Aiutatemi, cerco lavoro", l'appello di un trentenne disoccupato

K-Flex, incontro solidale contro i licenziamenti collettivi

Bullismo, carabinieri a confronto con i ragazzi delle medie

Multiservice della scarpa: qui resiste l'arte del calzolaio

*/ ?>

Sport

Calcio, poker biancorosso col Pozzuolo: Treviglio più vicina

Calcio, poker biancorosso col Pozzuolo: Treviglio più vicina

Concorezzo. Il Conco lascia senza via di scampo gli avversari. Il Pozzuolo tiene testa solo mezzora. Nonostante le numerose assenze e all'indisponibilità di Riccardo Meroni pochi istanti prima del fischio d'inizio, i biancorossi del calcio annientano la formazione arrivata dalla Martesana. Di Nicolas Colombo la rete che sblocca il risultato nel primo quarto d'ora dell'incontro. Stefano Sangalli, rien

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

Concorezzo. I biancorossi del calcio approdano al terzo turno dei playoff del Girone C della Prima Categoria e sognano la Promozione, grazie a una prova di superiorità dentro e fuori dal campo.  La partita casalinga con Città di Segrate termina 1-1.
Riccardo Meroni 
con destrezza dribbla Alessandro Brunetti in uscita dai pali e insacca a nemmeno dieci minuti dal fischio iniziale dopo essere stato lanciato in area avversaria da Stefano Sangalli. La doccia fredda per i padroni di casa arriva al novantesimo minuto quando Luca La Torre capitalizza in rete un pallone giunto sui propri piedi appena dentro l'area biancorossa dopo alcuni rimpalli. La Concorezzese rimarrà in inferiorità numerica per tutto il secondo tempo causa l'espulsione di Pietro Troiano che reagisce a un intervento scorretto; la situazione ritorna ad armi pari intorno al settantacinquesimo quando Michele Busco si vede recapitare il secondo cartellino giallo. 
La pagina negativa della giornata viene scritta dalle gradinate del settore ospiti: dai cori di incitamento ai propri beniamini sono passati a lanci di petardi, fumogeni e indecorosi insulti ad alcune mamme di alcuni giocatori in campo, proprio nel giorno della festa della mamma. Inciviltà a parte, ora i biancorossi se la dovranno vedere nella duplice sfida con il Casalmaiocco, squadra lodigiana. Prima partita in trasferta domenica 21 maggio, ritorno il casa giovedì 25 maggio.
Leggi anche
Mondiali ed Europei di Karate, argento e bronzo per Shotokan Ryu
Nubifragio: intrappolato nell'auto, giovane si salva a nuoto
Arrivati i primi 28 profughi, pomeriggio altre sei persone


Le formazioni:


GSD CONCOREZZESE - Leserri, Poletto, Viganò, Parma ( dal 44'st  Bernareggi ), Troiano, Bonfanti, Colombo, Turati, Rebuzzini ( dal 1.st Rossi ), Sangalli, Meroni ( dal 38'st Sironi ). Voto di squadra 6.5 A disposizione di mister Alberto Motta; Lissoni, Bercè, D'angelo, Cambiaghi.

CITTA' DI SEGRATE - Brunetti, R.Sircana ( dal 25'st Colnaghi ), Masciadri, Cristofaro ( dal 1'st La Torre ), Tarozzo, Naidenov ( dal 30'st Vavassori ), Busco, Anesi, Parigi, M.Sircana, Merlino. Voto di squadra 5.5 A disposizione di mister Alberto Cimini; Maiolo, Leobilla, D'ercole, Fosina. 

DIRETTORE DI GARA - Sig. Luigi Fabrizio D'orto di Busto arsizio


Prossimo turno di playoff:
AC CASALMAIOCCO -  GSD CONCOREZZESE 


La cronaca dell'incontro:


9' Stefano sangalli lancia all'interno dell'area avversaria Riccardo Meroni con Brunetti in uscita: dribbling e pallone nel sacco ( 1-0 )

14' Meroni soffia via la palla dai piedi di Anesi e si mette in fuga affiancato da Sangalli. L'azione si conclude con il tiro di Rebuzzini appena dentro l'area respinto prontamente dalla difesa gialloblu.

15' Dagli estremi di un calcio di punizione nella parte sinistra del campo, dopo alcuni rimpalli, la battuta a rete in diagonale di Cristofaro centra il palo alla destra di Leserri.

25' Colombo 
tenta la botta a rasoterra da fuori area senza impensierire Brunetti.

27' Turati 
da un calcio da fermo da oltre trenta metri la mette all'interno dell'area piccola avversaria ma ne Parma ne Rebuzzini di testa trovano la porta. Brunetti raccoglie la sfera senza grossi problemi.

29' Brusco dalla bandierina sinistra la mette sulla testa di Parigi  in area biancorossa. L'azione si conclude con la sforbiciata al volo di Marco Sicana e la prodezza tra i propri pali di Leserri.

30' Sangalli lancia in profondità Rebuzzini che in scivolata per poco non beffa Brunetti. Stessa sorte alcuni attimi prima, sempre nella parte destra dell'area ospite, Meroni.

35' Rodolfo Sircana si invola sulla fascia sinistra ma è davvero difficile oltrepassare la retroguardia casalinga.

40' Sangalli tenta la girata appena fuori dall'area avversaria. Pallone di poco fuori dalla specchio della porta difesa da Brunetti.

41' Meroni corregge il pallone in rete da due passi ma la terna arbitrale intravede una posizione irregolare.

44' Gli animi del match iniziano a scaldarsi. Troiano reagisce allo sgambetto di M.Sircana. Cartellino rosso per il capitano concorezzese.
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
11' Merlino dalla destra la mette nel cuore dell'area biancorossa. M.Sircana in tuffo incorna. Palla oltre la traversa.

15' La Torre alla battuta di un calcio di punizione nella parte destra del rettangolo verde. Parigi di testa e in mischia non ha la meglio. Palla a bordo campo.

18' Turati si impossessa della sfera al centro del campo per poi metterla tra le ali dei piedi di Meroni sulla soglia dell'area gialloblu ma l'attaccante del Conco viene atterrato duramente. Il calcio piazzato viene battuto da Turati che la mette sotto porta ma Poletto in ritardo non aggancia la sfera. Stessa sorte successivamente per Meroni dal cross di Sangalli.

22' Sangalli viene fermato a sandwich da Tarozzo R.Sircana. Il numero dieci biancorosso invoca inutilmente il calcio di rigore.

25' M.Sircana lancia verso la linea di fondo campo destra Colnaghi ma il suo tiro cross esce dal campo.

35' Bonfanti salva in extremis una incursione all'interno della propria area piccola di capitan M.Sircana evitando il corner.

40' Il tocco ravvicinato dalla parte sinistra dell'area biancorossa di Vavassori fa volare Leserri con uno strepitoso colpo di reni. Palla respinta con le dita oltre il legno superiore della porta, calcio d'angolo.

45' La Torre si ritrova dopo alcuni rimpalli il pallone tra i piedi. La sua conclusione a rete trova un varco nella mischia e beffa Le serri sulla linea di porta ( 1-1 )

47' 
Finale al cardiopalma, tutto il Segrate riverso nella metà campo concorezzese. Leserri con un doppio intervento, in due rispettive azioni, in uscita aerea sventa ogni pericolo bloccando sicuro il pallone.

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

( La gioia del Conco )

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

( Settore ospiti al termine della partita )

 

*/ ?>

Sport

Calcio, prosegue il sogno della Promozione

Calcio, prosegue il sogno della Promozione

Concorezzo. I biancorossi del calcio approdano al terzo turno dei playoff del Girone C della Prima Categoria e sognano la Promozione, grazie a una prova di superiorità dentro e fuori dal campo.  La partita casalinga con Città di Segrate termina 1-1.Riccardo Meroni con destrezza dribbla Alessandro Brunetti in uscita dai pali e insacca a nemmeno dieci minuti dal fischio iniziale dopo essere stato lanciato in area avversaria da Stefano S

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREConcorezzoIl Carugate ferma la corsa del Conco e Treviglio ringrazia. La sfida ad armi pari tra le due contendenti vicine di casa si conclude in parità come quella disputata ad inizio campionato. I padroni di casa si fanno raggiungere due volte dall'agguerrita compagine ospite; mancano più volte la rete della vittoria e recriminano addirittura un calcio di rigore non concesso dal direttore di gara. Gli uomini di mister Cosimo Tinelli non demordono e per poco non beffano quelli di Alberto Motta in zona cesarini. Un punticino che fa rimanere stabili in classifica le due formazioni.


I biancorossi del calcio, per l'occasione in tenuta gialloblu, fanno subito gli onori di casa alle prime battute di gioco quando Riccardo Meroni imbecca in area Nicolas Colombo che non sbaglia all'altezza del dischetto. La gioia del Conco dura circa venti minuti; Alessandro Gioacchini riceve la sfera tra le ali dei piedi al centro dell'area dalla respinta in tuffo di Andrea Leserri e insacca a porta sguarnita.
Stessa storia al rientro in campo dagli spogliatoi: Riccardo Meroni trafigge subito in diagonale Alberto Alvisi con la complicità della schiena di un difensore avversario. Fabio Barrhout poco più tardi con passo felino ritrova il pari.

Le formazioni e le pagelle:

Gsd Concorezzese - Leserri 6, Sironi 6.5, Bernareggi 6.5 ( dal 63' Viganò ), Turati ( dal 72' Panceri S.V ), Troiano 6, Rossi 6, Parma 6.5, Bercè 6, Rebuzzini 6.5, Colombo 6, Meroni 6.5

Ac Carugate - Alvisi 6.5, Galbiati 6.5, Viganò ( dal 80' Ratti ), Giani 6, Girometti 6, Cicognani 6.5, Nasi 6.5, Codjo 6, Gioacchini 6.5 ( dal 82' Sessa ), Barrhout (23'  dal 75' Crotti ), Dolgetto 6.5 . A disposizione; Malinverno, Beretta, Pedrazzi.

Direttore di gara - Sig. Marco Vicardi di Lovere 6

La cronaca:

2' Gioacchini da posizione ravvicinata distende Leserri che respinge.
5' Meroni dalla parte sinistra del campo imbecca Colombo in area, pallone in rete nell'angolo più lontano di Alvisi. ( 1-0 )

7' Bernareggi 
serve Rebuzzini in area. La sua conclusione scheggia il palo destro della porta ma il direttore di gara ha il braccio alzato.

12' Meroni vince il duello spalla a spalla nell'area avversaria con Viganò per poi servire Colombo che conclude a fil di palo.

15' Bernareggi dalla bandierina destra la mette in mezzo all'area sui piedi di Troiano ma non addomestica al meglio il pallone. Alvisi raccoglie senza grossi problemi.

18' Dolgetto prende il possesso della sfera a centrocampo lanciando successivamente in avanti Nasi alla sua sinistra. La sua conclusione si impenna sopra la porta.

23' Calcio di punizione per i gialloblu dalla trequarti. Bercè trova in area Rebuzzini che di sinistro la mette nel sacco ma per l'arbitro è stata commessa una irregolarità.

27' Dolgetto e Gioacchini con uno scambio fulmineo mettono al tappeto Leserri nel cuore dell'area casalinga. Il primo la mette dentro ( 1-1 )

30' Gioacchini 
si fionda a tu per tu con Leserri. Il portiere locale in uscita ha la meglio.

 36' Bernareggi 
dalla linea di fondo campo la mette in mischia in area. Turati incorna, Alvisi risponde sicuro e il direttore di gara fa ripartire il Carugare con un calcio di punizione.

37' Nasi, marcato stretto in area, sbaglia la battuta a rete da posizione ravvicinata.

40' Bercè dalla parte destra del rettangolo verde cerca qualcuno dei suoi all'interno dell'area avversaria ma trova la testa di capitan Cicognani a rovinare i piani.

43' Turati Rebuzzini triangolano in fase offensiva servendo Meroni in area nella parte opposta. Colombo al centro si trova il pallone tra i piedi provando a concludere a rete ma il suo tiro viene ribattuto dalla difesa. Bercè viene colto alla sprovvista e sulla destra all'esterno dell'area manca l'aggancio al volo.

45' Corner in favore del Conco. Bernareggi dalla bandierina destra la mette sulla testa di Rebuzzini. Palla oltre la traversa.

Ore 15:30  le squadre rientrano sul terreno di gioco dopo la pausa ed è subito festa: 5' Rebuzzini indirizza il pallone sulla sinistra per Meroni. Il bomber della Concorezzese entra in area e carica il tiro, in diagonale trafigge Alvise nell'angolo più lontano. Il pallone va in rete dopo aver colpito la schiena di Giani. ( 2-1 )

9' Codjo pronto per la fuga viene trattenuto a centrocampo da TuratiA Dolgetto il compito di calciare la punizione, quello di capitan Rossi di respingere con i piedi la sfera. Qualche istante e Galbiati mette i brividi ai gialloblu con un tirocross a rientrare da fondo campo sulla destra, Sironi appostato sulla linea di porta si improvvisa portiere e con la testa salva in estremis.

15' Codjo in solitaria palla al piede giunge in area casalinga sulla linea di bordo campo. Il suo assist al centro viene fermato dalla testa di Bercè.

17' I biancorossi del Carugate sembrano inarrestabili. Barrhout mostra le sue doti in area gialloblu, supera Leserri e deposita la palla in rete. ( 2-2 )

20'  Rebuzzini da posizione ravvicinata calcia ad effetto. Pallone di pochissimo sul fondo.

22' Turati dalla bandierina sinistra la mette sul secondo palo all'interno dell'area piccola ospite. Sironi non colpisce al meglio di testa la sfera.

31' Bercè dagli estremi di un calcio d'angolo sbaglia a calciare favorendo la ripartenza dei milanesi.

33' Crotti Gioacchini si scambiano la palla avanzando pericolosamente. Nasi al centro dell'area da meno di dieci metri non calcia alla perfezione, occasione sciupata.

36' Colombo batte due volte consecutivamente dalla bandierina destra. Al secondo tentativo si vede bloccare il pallone in sospensione aerea da Alvisi.

40' Rebuzzini serve alla sua destra Meroni si incunea a sua volta in area. Steso da Ratti invoca il penalty ma per il direttore di gara l'intervento da dietro è sulla palla, il gioco prosegue.

42' Rebuzzini in salto all'interno dell'area piccola avversaria incorna di testa, la sfera esce sul fondo con l'ultimo tocco di Alvisi con le dita. Colombo dal calcio d'angolo non trova pronto Troiano che nell'area piccola sul secondo palo la manda sul fondo.

43' Sessa si invola verso la porta dei padroni di casa per l'assalto finale. Leserri gli si fionda sui piedi, respinge quanto basta il pallone, ricevendo successivamente le cure del medico.

44' Contropiede Carugatese. Codjo si lancia verso il fortino del Conco, Crotti lo scruta al suo fianco ma superato Leserri in uscita dai pali si allunga troppo il pallone. La retroguardia gialloblu lo recupera e l'occasione sfuma.

47' Troiano atterra fallosamente sulla linea laterale, sotto la tribuna, Crotti nella propria metà campo. Dolgetto dal calcio di punizione la mette in area, Rebuzzini con i piedi allontana.


Gli altri risultati del Girone L di Prima Categoria:

Accademia Cologno - Pagazzanese ( 0-4 ); Acos Treviglio - Città di Segrate ( 2-0 ); Badalasco - Sporting V.Mazzola ( 1-2 ); Calcense - Oratorio Calvenzano ( 2-1 ); Fara O. con Sola - Inzago ( 0-2 ); Fornovo S.Giovanni - Sporting LeB ( 4-1 ); Pozzuolo Calcio - Cgb Brugherio ( 1-1 ).

La classifica alla diciasettesima giornata di campionato:

Acos Treviglio 37; CONCOREZZESE 33; Sporting V.Mazzola 32; Città di Segrate 31; Calcense 30; Badalasco 28; Fornovo S.Giovanni 27; Fara O.con Sola 26; Carugate, Oratorio Calvenzano 24; Inzago, Pagazzanese 18; Pozzuolo Calcio 16; Sporting LeB, Accademia Cologno 10; Pol.Cgb Brugherio 8.

Prossimo turno, domenica 29 gennaio 2017 alle ore 14.30:

Carugate - Acos Treviglio; Inzago - Fornovo S.Giovanni; Oratorio Calvenzano - Fara O.con Sola; Pagazzanese - Badalasco; Pol.Cgb Brugherio - Città di Segrate; Pozzuolo Calcio - Accademia Cologno; SPORTING LeB - CONCOREZZESE; Sporting V.Mazzola - Calcense.

Leggi anche

Furto da Lanfranchi, forti sospetti sull'autore del colpo

La rete della droga a Concorezzo: nuovo arresto

Il sindaco conferma: "Arriveranno trenta profughi, presto un'assemblea"

Mezzo chilo di droga nell'armadio, arrestato 26enne di Concorezzo

*/ ?>

Sport

Calcio, reti gonfie al comunale ma nessun vincitore

Calcio, reti gonfie al comunale ma nessun vincitore

Concorezzo. Il Carugate ferma la corsa del Conco e Treviglio ringrazia. La sfida ad armi pari tra le due contendenti vicine di casa si conclude in parità come quella disputata ad inizio campionato. I padroni di casa si fanno raggiungere due volte dall'agguerrita compagine ospite; mancano più volte la rete della vittoria e recriminano addirittura un calcio di rigore non concesso dal direttore di gara. Gli uomini d