Palladino sogna di battere finalmente il Milan

palladino2023.jpg

Torna il derby della famiglia Berlusconi: domani alle ore 20.45 l’U-Power Stadium ospiterà il Milan, l’ex squadra di proprietà di Fininvest, ora titolare del 100% del Monza. Si ripeterà la sfida già andata in scena lo scorso 8 agosto per il Trofeo Silvio Berlusconi e terminata 1-1, ma quello che i tifosi biancorossi temono è che si vada incontro a una débâcle come avvenuto nella gara di andata di campionato disputatasi a San Siro il 17 dicembre, conclusasi col risultato di 3-0 per i meneghini. I rossoneri guidati da Stefano Pioli sono infatti in gran forma, reduci dal 3-0 rifilato ai francesi dello Stade Rennais in Europa League, mentre i brianzoli provengono dal deludente pareggio casalingo a reti bianche con l’Hellas Verona. Il tecnico Raffaele Palladino nella consueta conferenza stampa della vigilia ha però ancora una volta esaltato il periodo attraversato dalla sua squadra: “Il gruppo sta bene e ha lavorato alla grande questa settimana. Ho visto una grande partecipazione da parte di tutti per mettermi in difficoltà nelle scelte. L’obiettivo è confermare il nostro ottimo andamento: siamo avanti rispetto a quello che si pensava considerando le difficoltà che abbiamo incontrato. Sappiamo che domani affronteremo una squadra forte con cui sarà difficile fare punti. È una compagine che si potrà fermare solo giocando una partita perfetta. È la più in forma del campionato assieme all'Inter: ambisce ancora per lo scudetto. Ha un allenatore che sta facendo un ottimo lavoro. Ho visto i nostri avversari allo stadio l’altroieri in coppa: tutti sanno cosa fare però non sono imbattibili. Ho chiesto ai miei ragazzi coraggio e sfrontatezza. Prima di tutto dovremo fare perfettamente la fase difensiva perché il Milan è primo in classifica per vittorie di duelli offensivi, cioè è quella coi giocatori che dribblano di più. Poi dovremo cercare di metterlo in difficoltà con la fase offensiva. Non credo che il Milan sarà stanco per l’impegno di coppa e comunque ha una rosa ampia. La vittoria, poi, aumenta l’entusiasmo. Noi abbiamo lo stimolo di non essere mai riusciti a batterlo in campionato: farlo sarebbe la ciliegina sulla torta del nostro bel torneo. Questa stagione sta andando al contrario di quella scorsa, nel senso che l’anno scorso abbiamo fatto tanti punti con le ‘grandi’ e abbiamo lasciato per strada un po’ di punti con le ‘piccole’, mentre quest’anno abbiamo racimolato pochi punti con le ‘grandi’ mentre siamo andati molto bene con le ‘piccole’. Loftus-Cheek? È un giocatore straordinario perché ha tutto: è praticamente un attaccante aggiunto. Se dopo il mercato invernale c’è in vista un cambio di sistema di gioco? Il nostro marchio di fabbrica resta il 3-4-3 però ora abbiamo in tanti ruoli due giocatori dello stesso valore”. Palladino ha quindi annunciato che contro il Milan mancheranno, oltre allo squalificato Gomez, gli infortunati Caprari, Vignato, Ciurria e Popovic. Ha infine risposto a domande su singoli giocatori… “Andrea Carboni? È in continua crescita: quando è stato acquistato è stato un ottimo investimento. Bondo? Quando l’ho trovato era acerbo, mentre ora è forte e con grandi margini di miglioramento. Machìn? È tornato dalla Coppa d’Africa con molta voglia di giocare, ma in Costa d’Avorio ha svolto pochi allenamenti; domenica scorsa volevo farlo entrare in campo, ma i crampi di Birindelli mi hanno costretto a fare una sostituzione diversa; comunque conto di farlo giocare presto. Djuric? È arrivato da poche settimane: deve ancora entrare negli automatismi della squadra”.