Slider

Il Monza torna alla vittoria e lo fa in un derby

festederricomota.jfif

MONZA-CREMONESE 2-1
 
Il Monza torna alla vittoria dopo 4 partite senza gioie superando con affanno la Cremonese che al contrario era in serie positiva da 6 turni. Era dalla stagione 1977/78 che la squadra brianzola non batteva quella grigiorossa in Serie B e anche allora fu col risultato di 2-1. La partita è stata giocata meglio dalla compagine allenata da Fabio Pecchia, che però non ha saputo concretizzare le diverse occasioni da rete costruite. I biancorossi l’hanno spuntata grazie alla miglior qualità dei singoli, che nei momenti-chiave hanno trovato la giocata decisiva, sia in attacco che in difesa. È stata una prova sofferta per i ragazzi di casa, ma che si spera porti a una svolta nel rendimento del girone di ritorno, finora deficitario. Se la promozione diretta è ormai troppo lontana, resta da lottare per un posto di privilegio nei play-off, quando il pareggio conterà come una vittoria per chi si sarà piazzato meglio in regular season.
 
Anche questa settimana il tecnico Cristian Brocchi ha dovuto fare i conti con squalifiche e infortuni: nella prima è incappato Pirola, espulso ad Ascoli Piceno, mentre nella lista dei secondi sono finiti Bettella, Balotelli e Maric, che si sono aggiunti a Lamanna, Donati e Gytkjaer. Sono invece stati recuperati Bellusci, Carlos Augusto, Anastasio, Mota e Boateng, che hanno tutti, fatta eccezione per Anastasio, riconquistato un posto nell’“undici” titolare in sostituzione rispettivamente di Pirola, Barillà, Diaw e Maric. Inoltre D’Errico è stato inizialmente preferito ad Armellino. Tra le fila cremonesi erano assenti Castagnetti per squalifica e Bartolomei per infortunio.
 
Prima del fischio d’inizio si è assistito in tribuna a una “mini-rimpatriata” del Monza del biennio 1975/77: con l’allora consigliere e attualmente amministratore delegato Adriano Galliani c’erano l’allora attaccante, ora direttore generale della Cremonese, Ariedo Braida, e l’allora vicepresidente Felice Colombo assieme al figlio Nicola, presidente del club dal 2015 al 2019. Vicino a loro era seduto Christian Vieri, ex attaccante del Milan ai tempi di Galliani e Braida dirigenti rossoneri.
 
La prima occasione è del Monza: al 4’ un colpo di testa di Frattesi passa alto di poco. La Cremonese risponde al 9’: su un cross di Baez dalla destra Ciofani colpisce di testa ma la conclusione è centrale e Di Gregorio riesce a respingere. Lo stesso centravanti, in “giornata no”, 4’ dopo calcia male consentendo al portiere di casa di deviare in corner. Dopo una fase di stanca del match, dovuta alla ritrovata attenzione dei reparti difensivi, un rasoterra in diagonale del grigiorosso Buonaiuto lambisce il palo opposto al 29’. Nel momento migliore della Cremonese è però il Monza a passare in vantaggio: è il 34’ quando un bell’assist di Mota all’indietro per Frattesi viene trasformato in gol dalla mezzala grazie a un chirurgico rasoterra al volo. Dopo 4’ i biancorossi infliggono un’altra mazzata agli ospiti: Sampirisi crossa dalla destra lungo per D’Errico che mette in mezzo rasoterra dove Mota al volo insacca nonostante il tentativo d’intercettazione di Bianchetti.
 
Nell’intervallo Pecchia opta per l’inserimento di Strizzolo e la mossa scuote la Cremonese: al 3’ proprio un destro dal limite della punta grigiorossa costringe Di Gregorio alla deviazione in corner. Al 10’ Frattesi a porta vuota calcia male da 40 metri e il portiere Carnesecchi recupera la posizione in tempo. Al 15’ gli ospiti accorciano le distanze: Strizzolo da distanza ravvicinata, ma leggermente decentrato, invece di tirare mette in mezzo dove Sampirisi in anticipo beffa però Di Gregorio infilando la palla nella propria porta. 1’ dopo la Cremonese sfiora il clamoroso raddoppio con Ciofani, che dal limite spara alle stelle, e dopo ulteriori 2’ Di Gregorio respinge una botta ravvicinata del centravanti grigiorosso. Nell’azione seguente, poi, Gaetano colpisce male la sfera di testa mandandola a lato. Il Monza supera il momento di bambola con gli inserimenti di Armellino e Colpani e successivamente di Scozzarella e Diaw. Al 28’ Frattesi non dà forza all’assist delizioso di Colpani. Al 30’ Ceravolo di controbalzo spedisce alto. Paletta rileva Bellusci e al 33’ ancora Ceravolo si lancia in contropiede e, trattenuto da Scaglia, prova lo stesso il pallonetto su Di Gregorio in uscita, ma praticamente “cicca” la sfera. L’ultima occasione importante si registra al 35’, quando il catastrofico Diaw, a tu per tu con Carnesecchi, manda incredibilmente a lato.
 
In sala stampa Pecchia si è mostrato giustamente deluso: “Siamo stati puniti oltremisura. Quei 5’ del primo tempo in cui abbiamo subito i 2 gol hanno determinato il risultato. Abbiamo creato tantissimo, abbiamo fatto una prestazione maiuscola, ma abbiamo ottenuto troppo poco”.
 
Per Brocchi quelli di oggi sono “3 punti pesanti dal punto di vista emotivo. I ragazzi avevano bisogno di tornare alla vittoria, che è maturata nel primo tempo. Sapevamo di affrontare una squadra in grandissima salute, con la testa libera. Balotelli? Deve capire se ‘riesce’ oppure no. Si è sempre comportato bene, però per giocare non basta la qualità: deve riuscire a trovare continuità di allenamento, trovare una condizione fisica accettabile. Frattesi? L’ho fortemente voluto ma quando è arrivato aveva una interpretazione del calcio tutta sua, era disordinato. Ora è pronto per fare il grande salto”.
 
Martedì prossimo alle ore 16.05 il Monza sarà ospitato per l'ultimo turno infrasettimanale della regular season dalla Salernitana. Il match sarà trasmesso in diretta da Rai Due.
 
 
FOTO BUZZI
Aggiungi commento