santalfredo
santalfredo

Il Monza torna a vincere contro una Reggina allo sbando

feste.jpg

MONZA-REGGINA 1-0
 
Ci voleva la derelitta Reggina per far tornare il Monza alla vittoria: il primo successo del 2022 è stato ottenuto contro la squadra calabrese che arrivava dall’aver racimolato solo 1 punto nelle ultime 7 partite. L’1-0 maturato all’U-Power Stadium sta fin troppo stretto alla formazione brianzola, che ha dominato l’incontro dal primo all’ultimo minuto. Ci sono dei numeri che rendono l’idea del vero divario tra le due compagini: il Monza ha tirato 22 volte, di cui 6 in porta, la Reggina 3 volte e mai in porta; il possesso palla è stato maggiore da parte dei padroni casa per 55% a 45%; il computo dei calci d’angolo è terminato 11-0 per i biancorossi.
Col risultato di oggi il Monza non solo ha mantenuto l’imbattibilità casalinga segnando sempre almeno 1 rete, ma ha eguagliato il suo record di gare consecutive in gol relativamente alla Serie B, cioè 12 come nei campionati 1955/56 e 1959/60.
 
Tutto ciò farebbe pensare a un Monza stellare, da primo posto in classifica. Ma non è così. La squadra allenata da Giovanni Stroppa è in una sorta di “convalescenza” dalla “malattia” presa a metà dicembre, quando a causa della quarta ondata di coronavirus ha dovuto interrompere la sua corsa verso i primissimi posti della classifica. Oltre un mese di inattività, con mezza squadra contagiatasi, ha causato danni non solo alla classifica (1 punto in 2 partite) ma al gioco sempre più convincente che era stato mostrato nelle ultime settimane autunnali. Rispetto alle due precedenti prestazioni del 2022 i biancorossi oggi hanno giocato benino ma non benissimo. La difesa è stata più attenta però la Reggina attuale non è comparabile al Benevento e al Perugia. Il centrocampo è stato più brillante, mentre l’attacco è stato come al solito poco incisivo. Di sicuro ai miglioramenti ha contribuito la mezza rivoluzione operata da Stroppa, che aveva recuperato dalla squalifica Mazzitelli e D’Alessandro, ma che aveva indisponibili Scozzarella, Pirola, Brescianini e Donati perché infortunati, Machìn impegnato con la Nazionale equatoguineana in Coppa d’Africa e il neoarrivato (dall’Empoli in prestito) Mancuso, pare (dato che la notizia non è ufficiale) perché trovato positivo al coronavirus durante le visite mediche effettuate prima di firmare il contratto. Rispetto al match giocato 6 giorni prima sono stati dunque schierati dall’inizio Bettella, Sampirisi, Colpani, Mazzitelli e D’Alessandro invece di Donati, Pedro Pereira, Molina, Ramirez e Caldirola.
 
L’allenatore degli amaranto Domenico Toscano non ha potuto convocare l’“ex” Bianchi perché squalificato, nonché Rivas, Stavropoulos, Menez, Tumminello e Faty. Presente in campo, invece, l’altro “ex” Ricci.
 
Si gioca davanti a 3387 spettatori che sarebbero potuti essere qualche centinaio di più se non fosse stato deciso dalla Lega Serie B, su richiesta della Federcalcio pressata dal Governo, il divieto di trasferta ai tifosi calabresi come forma di contrasto alla diffusione del coronavirus.
 
Nel primo tempo il Monza prende il pallino del gioco ma fatica a concludere in porta. Si contano tre occasioni degne di nota, le prime due sprecate da Mazzitelli al 12’ e al 24’ (due conclusioni da fuori area calciate male), l’ultima procurata da Mota al 38’ (destro al fulmicotone che si stampa sulla traversa).
 
L’avvio di secondo tempo mostra un Monza più determinato: dopo due colpi di testa di Carlos Augusto e Mazzitelli parati a terra da Turati i biancorossi sbloccano il risultato al 7’: il portiere ospite respinge un colpo di testa di Valoti e sul prosieguo dell’azione Mazzitelli mette in mezzo per Mota che insacca da due passi. 3’ dopo i padroni di casa potrebbero raddoppiare su contropiede: Mota consegna palla in verticale per D’Alessandro che s’invola e dalla linea di fondo serve all’indietro per l’accorrente Sampirisi, sciagurato nella conclusione che finisce in curva. Proprio dopo che D’Alessandro, in cattive condizioni fisiche, lascia il posto a Pedro Pereira il Monza raddoppia con Colpani, ma il Var non convalida il gol per un precedente fallo di Mazzitelli su Loiacono. La Reggina, nonostante i 4 cambi, continua a non arrivare in area monzese (anche perché nel frattempo Stroppa fa entrare i freschi Ramirez e Ciurria rispettivamente per Valoti e Colpani e successivamente Favilli per Mota) e così il match finisce senza sussulti dopo 5’ di recupero.
 
In sala stampa Stroppa ha archiviato la pratica: “Abbiamo avuto la partita sotto controllo, abbiamo tenuto il campo con maturità, abbiamo giocato con carattere. Direi che la squadra meritava un doppio vantaggio. La svolta è arrivata dopo che nell’intervallo ho chiesto più incisività nei duelli individuali negli ultimi 25 metri. Ha giocato bene Carlos Augusto da difensore e pure bene ha giocato Bettella, mentre Colpani deve fare di più: ha qualità devastanti ma deve metterle in pratica in ogni giocata che fa. Mazzitelli è invece cresciuto durante la partita”.
 
Per Mota, che col settimo gol di oggi ha già battuto il record personale di reti in Serie B, “bisognava dare una risposta ai tifosi dopo gli interrogativi posti in seguito alle ultime 2 partite. Perché noi con questa società abbiamo due possibilità: o vincere o vincere… Il mio obiettivo è di aiutare la squadra a salire in Serie A e di arrivare in doppia cifra coi gol”.
 
Per “Mimmo” Toscano “il risultato di oggi è giusto nonostante un nostro buon primo tempo, dove mi è piaciuto l’approccio, l’atteggiamento. Nel secondo tempo sono mancate energia e serenità”.
 
Dopo la sosta di sabato prossimo sarà tempo di derby lombardo… e che derby! Domenica 6 febbraio alle ore 16.15 andrà in scena allo stadio Zini una sfida fondamentale per la corsa promozione con la forte Cremonese allestita dal direttore generale Ariedo Braida, ex giocatore ed ex direttore sportivo del Monza.
 
 
FOTO BUZZI

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI