Orgoglio leghista, la sezione di Concorezzo in massa a Bergamo

b_450_500_16777215_00_images_orgoglioleghista10042012.jpegConcorezzo. Un'autocolonna di leghisti concorezzesi a Bergamo per la serata dell'orgoglio e delle scope. Una ventina di sostenitori e militanti del Carroccio locale, sotto il temporale, si è precipitata ieri sera nei padiglioni della fiera del capoluogo orobico per l'evento che segnerà, in ogni caso, la svolta del movimento. Una manifestazione impressionante per numeri, come riconosceva questa mattina a Radio 24 l'ex direttore del Corriere della Sera e del Sole24ore, Stefano Folli. Quasi 10mila persone (alcuni sono arrivati dall'Umbria, dalla Toscana, dalle Valle d'Aosta) hanno riempito in un giorno settimanale il palazzetto bergamasco, costringendo in tre occasioni i medici ad intervenire per malori da caldo e compressione.

Era stato Roberto Maroni ad invocare nella Lega le "pulizie di primavera". E la base ha risposto, scope in mano e qualche cappio alla vecchia maniera.

Ieri sera l'ex ministro dell'Interno ha di fatto preso in mano il Carroccio, annunciando l'espulsione del tesoriere Francesco Belsito, l'uscita di scena della trota Renzo Bossi e la resa dei conti con la cerchista Rosy Mauro. E sarà solo l'inizio. Entusiasmo e anche qualche critica alla dirigenza della Lega, travolta da uno scandalo da commedia all'italiana, con furbetti del quartiere, letterine, soldi facili, maghe, badanti e tutta una serie di tumori che rappresentano la ragione di lotta per cui era nato il movimento di Umberto Bossi. Il "capo", segnato dalla fatica della malattia che lo ha colpito nel marzo 2004, ha chiesto scusa ai militanti, ha ammesso l'errore di aver buttato i figli in politica e ha incoronato di fatto Maroni, il suo eterno secondo, mettendo fine anche alle voci di una risicata frangia interna che vaneggiava un complotto ordito (!) proprio dall'ex ministro.

Tra le novità annunciate da Maroni, oltre all'espulsione di Belsito, la convocazione del congresso nazionale del Veneto, di quello federale della Lega Nord (atteso da diversi anni), la ferrea regola della meritocrazia e la distribuzione dei rimborsi elettorali (quelli che stavano prendendo la volta della Tanzania) alle sezioni locali.

Soddisfatta la delegazione concorezzese, tra cui si riconoscevano l'assessore all'Urbanistica Walter Magni, il consigliere Daniele Usuelli, il segretario in pectore Vittorio Mandelli e molti giovani. Ora, però, saranno gli elettori a decidere.

Commenti   
0 #24 MarcoR 2012-04-28 12:50
http://www.famigliacristiana.it/informazione/news_2/articolo/il-dio-dei-leghisti-non-esiste_160212123207.aspx

Non siamo gli unici a farci queste domande; come si legge nell'articolo di Famiglia Cristiana "Come è possibile battersi per il crocifisso nelle aule e, contemporaneame nte, approvare gli sgomberi dei nomadi, che tra i tanti effetti nefasti provocano l’abbandono della scuola dei bimbi Rom, dichiarare di voler mitragliare i barconi che sbarcano a Lampedusa come ha fatto un europarlamentar e, imporre il digiuno ai figli di chi non paga la retta della mensa dell’asilo, o negare il diritto di curarsi al pronto soccorso ai clandestini, fare dichiarazioni aggressive (e spesso passando alle vie di fatto) contro romeni, musulmani, extracomunitari?"

D'accordissimo.
D'altronde l'incoerenza da sempre contraddistingu e questo partito...
0 #23 MarcoR 2012-04-28 12:50
http://www.famigliacristiana.it/informazione/news_2/articolo/il-dio-dei-leghisti-non-esiste_160212123207.aspx

Non siamo gli unici a farci queste domande; come si legge nell'articolo di Famiglia Cristiana "Come è possibile battersi per il crocifisso nelle aule e, contemporaneame nte, approvare gli sgomberi dei nomadi, che tra i tanti effetti nefasti provocano l’abbandono della scuola dei bimbi Rom, dichiarare di voler mitragliare i barconi che sbarcano a Lampedusa come ha fatto un europarlamentar e, imporre il digiuno ai figli di chi non paga la retta della mensa dell’asilo, o negare il diritto di curarsi al pronto soccorso ai clandestini, fare dichiarazioni aggressive (e spesso passando alle vie di fatto) contro romeni, musulmani, extracomunitari?"

D'accordissimo.
D'altronde l'incoerenza da sempre contraddistingu e questo partito...
0 #22 Davide 2012-04-26 18:35
Belle parole, ma ciò che dice Alby resta comunque una gran balla: "Io non ho MAI sentito Leghisti, dirigenti e non, soprattutto a Concorezzo, inculcare la paura nella diversità, insegna il razzismo e odio." A Concorezzo invitaste Salvini poco dopo la triste proposta che fece in merito ai vagoni della metropolitana milanese (maggio 2009).
inoltre la Lega non è una comunità paragonabile ad un'azienda, un gruppo sportivo o un'associazione di volontariato. La Lega è un partito che conta centinaia di migliaia di elettori e che ha i microfoni a disposizione ogni volta lo desideri. Un partito fino a qualche mese fa - e tutt'ora in molti comuni/regioni/ provincie - di maggioranza, che a differenza di La Rinascente, AC Milan o Caritas ha la possibilità di cambiare il futuro di questo paese. Pertanto sarebbe opportuno che le voci devianti, specialmente se vicine alla dirigenza, vengano messe a tacere. In sostanza: va bene il 'parla come mangi' ma non il 'parla come caghi'.
0 #21 Davide 2012-04-26 18:35
Belle parole, ma ciò che dice Alby resta comunque una gran balla: "Io non ho MAI sentito Leghisti, dirigenti e non, soprattutto a Concorezzo, inculcare la paura nella diversità, insegna il razzismo e odio." A Concorezzo invitaste Salvini poco dopo la triste proposta che fece in merito ai vagoni della metropolitana milanese (maggio 2009).
inoltre la Lega non è una comunità paragonabile ad un'azienda, un gruppo sportivo o un'associazione di volontariato. La Lega è un partito che conta centinaia di migliaia di elettori e che ha i microfoni a disposizione ogni volta lo desideri. Un partito fino a qualche mese fa - e tutt'ora in molti comuni/regioni/ provincie - di maggioranza, che a differenza di La Rinascente, AC Milan o Caritas ha la possibilità di cambiare il futuro di questo paese. Pertanto sarebbe opportuno che le voci devianti, specialmente se vicine alla dirigenza, vengano messe a tacere. In sostanza: va bene il 'parla come mangi' ma non il 'parla come caghi'.
0 #20 Mauro Capitanio 2012-04-25 15:47
Leggo interessato e curioso i commenti. Io credo che ognuno debba guardare dentro di sé e verificare se stia portando un contributo positivo alla propria comunità, a prescindere dal gruppo al quale appartiene. Se dovessimo ridurci a commentare scandali e provocazioni all'interno delle comunità (partiti, movimenti, Chiesa, associazioni di volontariato, ong, aziende, gruppi sportivi, ...), probabilmente ognuno di noi dovrebbe rinunciare ai propri principi, valori o ideali. Apprezzo invece i ragazzi che credono in valori positivi (e la partecipazione spontanea e motivata alla vita politica certamente rientra in questi) e scendono in piazza quando qualcuno del loro gruppo tradisce e infanga questi valori. Fa molto più rumore un albero che cade che una foresta che cresce, lo sappiamo ma io credo che la soluzione sia condannare e ripartire, non certo abbandonare. E i tantissimi ragazzi dai sani principi e dalla faccia pulita che continuano ad avvicinarsi alla Lega Nord, anche in un momento diffcile come questo, ne sono un esempio.

Mauro Capitanio
Aggiungi commento