Il negozio evade? Bloccata la licenza

Concorezzo. E’ stato approvato all’unanimità dal Consiglio Comunale di Concorezzo nel corso della seduta del 13 febbraio, il regolamento disciplinante le misure preventive per sostenere il contrasto all’evasione dei tributi locali. Il documento è rivolto alle attività commerciali e produttive del territorio e prevede una regolamentazione precisa del recupero dei crediti nei confronti dell’amministrazione comunale.

Nello specifico in base al nuovo regolamento, ai soggetti che esercitano attività commerciali o produttive, che si trovano in posizione di irregolarità nell’ambito anche dei tributi locali, non è consentito il rilascio di licenze, autorizzazioni, concessioni e dei relativi rinnovi.

Nel caso in cui invece, la situazione di morosità sia successiva al rilascio delle autorizzazioni, l’ufficio competente notifica all’interessato la comunicazione di avvio del procedimento di sospensione dell’attività e il termine per la regolarizzazione.

Decorso senza esito tale termine nei 15 giorni successivi viene emesso il provvedimento di sospensione dell’attività. Qualora gli interessati non regolarizzino la loro posizione entro questo periodo le autorizzazione per l’attività vengono revocate.

“Concorezzo è tra i primi Comuni ad adottare questo genere di regolamento per il quale gli uffici sono al lavoro da diversi mesi – ha spiegato l’assessore al Bilancio Riccardo Mazzieri-. Si tratta di una misura democratica utile ed efficace, in grado di aiutare l’ente pubblico nel recupero dei crediti stimolando al contempo una collaborazione con le aziende coinvolte. Grazie a questo nuovo regolamento si avrà infatti anche la possibilità di riattivare quei rapporti con le aziende locali che hanno una situazione ancora da sanare prevedendo, all’occorrenza, anche una procedura di rateizzazione del mancato pagamento”.

Il regolamento adottato dal Comune di Concorezzo è, di fatto, un’attuazione di una norma statale dello scorso giugno, introdotta con la legge di conversione al Decreto Crescita n. 34/2019, che consente ai comuni di condizionare il rilascio, il rinnovo e la permanenza di licenze e di autorizzazioni ai soggetti esercenti attività commerciali o produttive alla verifica (e alla regolarizzazione) del corretto versamento dei tributi locali.

zTX0YDg7_400x400.jpeg

 

Aggiungi commento