santalfredo
santalfredo

Borgo del futuro, si parte con progetti di mobilità

borgo_futuro_concorezzo.jpgConcorezzoIl progetto “Borgo del Futuro” è sempre più vicino e Concorezzo si appresta a diventare un vero e proprio laboratorio di tecnologia emergente. Questa settimana si è tenuta, infatti, una riunione tecnica di aggiornamento del progetto ministeriale “Smarter Italy”. Progetto che coinvolge il Comune di Concorezzo come unico Borgo del Futuro in Lombardia (nella foto la presentazione del progetto cn il governatore Attilio Fontana, il sindaco Mauro Capitanio, il deputato Massimiliano Capitanio e il vicepresidente della Provincia, Riccardo Borgonovo) che si affianca ad altri 11 borghi e a 11 città definite Smart Cities.

Obiettivo dell’iniziativa, che si concretizzerà a stretto giro con la pubblicazione del primo bando sulla Smart Mobility, è quello di migliorare la vita dei cittadini attraverso soluzioni innovative in diversi settori tra cui la mobilità e la tutela dell’ambiente. I borghi e le città selezionate (in totale 23) testeranno delle soluzioni tecnologiche che in futuro potranno essere condivise anche a livello nazionale. 

Nello specifico le azioni saranno incentrate su sperimentazione e sviluppo di soluzioni tecnologiche emergenti in quattro aree di intervento: smart mobility (miglioramento dei servizi per la mobilità di persone e cose nelle aree urbane), valorizzazione economica e turistica dei beni culturali, benessere sociale per migliorare lo stato psico-fisico dei cittadini e protezione dell’ambiente.

Leggi anche: Banda ultralarga e wifi, novità dal Borgo del futuro

Il primo bando vedrà come focus l’implementazione di soluzioni innovative a questioni legate alla mobilità.

Il progetto “Smarter Italy”, presentato a livello locale a Concorezzo a gennaio 2021 alla presenza del Presidente di regione Lombardia Attilio Fontana, è promosso dal  Ministero dello Sviluppo economico, dal Ministero dell'Università e della ricerca e  dal Ministro per l'Innovazione Tecnologica e la digitalizzazione ed è attuato dall'Agenzia per l'Italia Digitale.

I Borghi del futuro e le Smart Cities che prendono parte al progetto, tra cui appunto Concorezzo, i mesi scorsi hanno espresso i fabbisogni di innovazione relativi ai propri territori. Attraverso lo strumento degli appalti innovativi verranno quindi sviluppate e sperimentate soluzioni tecnologiche da parte di imprese e mondo della ricerca in risposta alle necessità espresse dalle comunità. La dotazione finanziaria per la realizzazione di Smarter Italy è di oltre 90 milioni di euro, che comprende la quota iniziale di 50 milioni di euro messa a disposizione dal Ministero dello Sviluppo economico e le ulteriori risorse provenienti dal Ministero dell’Università e della Ricerca, e dal Ministro per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione. I Comuni e le altre amministrazioni selezionati per la partecipazione al programma, che esprimono i fabbisogni da soddisfare attraverso servizi innovativi, diventeranno laboratori di sperimentazione di tecnologie emergenti.

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI