Slider

Gugia dòra alla guardia medica, il grazie dell'assessore Bormioli

 

volontariguardiamedicaA.jpg

Concorezzo. Più che da assessore, ci ha bonariamente tirato le orecchie in qualità di medico. E' con piacere che riceviamo e pubblichiamo la foto dei volontari del Servizio di continuità assistenziale dell'Avps. Lo "scatto" ci è stato mandato dall'assessore ai Servizi sociali, Piergiorgio Bormioli, che ci faceva notare come nel nostro precedente articolo (http://goo.gl/cBzgRC) avessimo pubblicato una foto generica d'archivio.

"L'Associazione Volontari Guardia medica di Concorezzo - scrive Bormioli - è un'associazione locale, formata da più di quaranta persone, la maggior parte concorezzesi e grazie alla loro presenza è possibile avere la continuità assistenziale anche di notte, sette giorni su sette. Senza la loro presenza, i medici della "guardia medica" non possono attivarsi ed uscire negli orari notturni, per legge e tutela degli stessi. Ecco perché in una recente nuova postazione aperta in Brianza ove i comuni interessati non sono riusciti a trovare dei volontari che accompagnassero i medici, la sede è aperta solo negli orari diurni. Un gemellaggio,quindi, tra medici e volontari, essenziale ed indispensabile.

La responsabile del gruppo è la signora Barbera Liliana e coordinatore il sig. Maurizio Martin. Una grande famiglia, coesa e compatta di volontari cui dobbiamo un grazie. Mi sembra doveroso allegare una loro foto (e non quella di altri) così incrociandoli per strada,li si possa salutare con un sorriso". 

Detto fatto. La consegna della Gugia dòra ai volontari avverrà venerdì sera alle 21 al cineteatro San Luigi.

 
Commenti  
0 #9 Allegra 2013-11-07 19:00
In Italia c'è sempre qualcuno che polemizza e semina zizzania anzichè diffondere pace e serenità! I contratti di lavoro li fanno i sindacati e non gli assessori dei comuni.
0 #8 Remo Egardi 2013-11-07 07:35
Caro Giorgio,sono altre le cose che possono offendere la mia sensibilità! Il mio intervento aveva l'unico scopo di ricondurre ad un evento senza polemiche una festa per tutti. Ma forse nonostante i buoni propositi e la buona fede non ne siamo capaci.
0 #7 Marco R. 2013-11-07 00:17
Condivido in pieno quanto detto da Remo, si sta parlando di un riconoscimento importante a livello locale per la Guardia Medica, quindi limitiamoci a ringraziare tutte le persone e gli operatori che quotidianamente svolgono con passione questo servizio, ma per favore evitiamo di trasformare il tutto in una rivendicazione.
0 #6 Giorgio Barbieri 2013-11-06 19:05
Carissimo Remo, ci ho riflettuto alcune ore e, quando si sbaglia, bisogna ammetterlo. Se ho involontariamen te offeso la sensibilità anche di un solo volontario… accettate le mie scuse. Siamo amici da oltre un decennio e so che mi crederai se ti dico che non era mia intenzione. Ti prometto che resterà tutto su queste pagine on-line e che non verrò con sovversive bandiere a disturbare la vostra festa. La questione però è (anche) un’altra. Se non si voleva che rivendicazioni sindacali si sovrapponessero alla vostra premiazione, bastava non tirare in ballo l'attività dei medici. Nel rileggere ora l’articolo, mi coglie la medesima sensazione di fastidio che ho provato la prima volta. Caro Remo, sarà esasperazione; forse varrebbe la pena interrogarsi sul perché siamo precipitati fino a questo stato d’animo. Una questione è riconoscere con una premiazione il vostro impagabile impegno. Un’altra è scrivere panzane sul lavoro dei medici. Cosa vuoi, persino noi abbiamo una sensibilità… Il vostro servizio è davvero impareggiabile e quello che regalate alla comunità è sufficiente per premiarvi. Cosa aggiunge al vostro merito mescolare approssimative citazioni di leggi inesistenti o sostenere tesi fasulle? Dai Remo, i medici di guardia sono felici del vostro supporto ma perché bisogna dire che “non possono attivarsi e uscire” senza? Perché devo leggere ricostruzioni “fantasiose” sui problemi di apertura della nuova postazione o illazioni riguardo "i comuni interessati"?
Probabilmente ho fatto una pessima figura scegliendo un palcoscenico poco adatto ma io sono solo un privato cittadino e non cerco un pubblico. Miro, più modestamente, a un servizio migliore. Una figura quantomeno altrettanto poco edificante la fa un assessore che scrive fandonie su qualcosa che non conosce. Perché non voglio credere che abbia volutamente affermato il falso.
A presto, Giorgio.
0 #5 Remo Egardi 2013-11-06 15:39
Non voglio entrare nel merito delle rivendicazioni sindacali dei medici attualmente in servizio e dell'amico Giorgio dal quale in vari momenti,anche i più critici,ho avuto concreta prova di amicizia. Vorrei suggerire però di scegliere meglio modi e tempi. Forse sovrapporsi ad un evento che vede premiati anni di volontariato,du rante i quali ricordo sono stati assicurati anche periodi con l'accompagnamen to notturno dei medici, non era proprio il caso. Apprezzo tutti i ringraziamenti che mi sarei aspettato svincolati da problematiche che, pur condivise, con la Gugia dòra hanno poco da spartire. Sperando di passare ancora anni di volontariato con medici appassionati come Giorgio rivolgo un grande GRAZIE a tutti i miei "colleghi" volontari che con impegno si danno da fare per assicurare un servizio che molti ci invidiano.
Aggiungi commento