Una vita per il lavoro, addio al capitano d'impresa Angelo Arosio

angeloarosio.JPGConcorezzo. A 89 anni ancora non aveva smesso di lavorare. Seguendo passione e inclinazione, Angelo Arosio, concorezzese trapiantato a Roccafranca nel Bresciano, si è spento alcuni giorni fa, attorniato dall'affetto dei parenti e diaquanti lo avevano potuto conoscere e stimare. Lasciata la Brianza, Arosio si era dedicato al settore delle carni e della loro lavorazione, con una prima impresa denominata "Budelleria brianzola". Da lì è nata la "Cobu" che oggi importa budella naturali dal Sud America, carne pregiata, argentina soprattutto, proveniente da bovini di 22 mesi (tipo Angus, Hereford e Shorton) cresciuti allo stato brado e rigorosamente seguiti con accurati controlli che consentono, con la certificazione di qualità, il riconoscimento delle severe norme UE. Fino all'ultimo si era fatto vedere in azienda. 

A piangerlo a Roccafranca, lo scorso 22 ottobre,  la moglie Elda Viganò, i figli Emilia, Carlo, Serena, Paola, Anna e Stefano e tanti nipoti.

Leggi anche

Rebuzzini, Meroni, Sangalli: il Conco vola con i suoi tre moschettieri

Granaio, a denti stretti fino alla vittoria: un altro 3-0!

MonzaCorre, trionfa Fabio Sisti dei Gamber de Cuncuress

Ex Frette, presentato il progetto: confermati Mc e Aldi, preoccupa la viabilità

Aggiungi commento