Picchia e violenta l'ex compagna, e lei perde il bambino in grembo

aggressione.jpgUsmate Velate. Avrebbe violentato e picchiato la compagna, nonostante questa fosse in stato di gravidanza. Questa l’accusa che, nelle scorse ore, ha fatto scattare le manette ai polsi di un pizzaiolo egiziano, di 35 anni, residente a Usmate Velate. L’uomo, con problemi con la giustizia alle spalle, è stato colpito dall’ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Monza sulla scorta degli accertamenti effettuati dai carabinieri della stazione di Bernareggio. A questi si era rivolta, disperata e sotto shock, l’ex compagna del pizzaiolo, denunciando episodi avvenuti nel mese di febbraio: la donna, 40enne ucraina, ora sottoposta ad un programma di protezione e assistenza in una struttura dedicata, aveva raccontato il suo incubo fatto di violenze sessuali e lesioni. Un racconto che, purtroppo, ha trovato riscontro negli accertamenti sanitari fatti presso la Mangiagalli di Milano. Traumi e violenze che, purtroppo, avrebbero causato anche l’interruzione della gravidanza. Ora l'uomo si trova in carcere. Il processo darà modo anche lui di fornire la propria versione dei fatti.

Aggiungi commento