Slider

Monopattini, Concorezzo detta le sue (ferree) regole

monopattino_elettrico.jpgConcorezzo. Un po' di Codice della strada, un po' di raccomandazioni, un po' di buonsenso. L'Amministrazione comunale, con una comunicazione diffusa dal sindaco Mauro Capitanio, ha dettato alcune regole per mettere fine al far west dei monopattini che, in tutta Italia, sta lasciando sulla strada feriti e, purtroppo, in alcuni casi, anche morti.

Proprio in queste ore, Assosharing, l'Associazione di categoria, ha proposto di far diminuire il differenziale di velocità tra la micro-mobilità e gli altri mezzi, portando a 20 km/h il tetto per i monopattini, rispetto agli attuali 25 km/h. Questa la proposta principale formulata da Assosharing - la prima associazione di categoria del comparto sharing mobility - che è stata audita alla Camera presso la IX Commissione (Trasporti, Poste e Telecomunicazioni) con il Presidente Matteo Tanzilli. Il settore, in grande crescita nel nostro Paese, conta oltre 42 mila monopattini sharing autorizzati in più di 30 città con la presenza di 10 operatori.

A Concorezzo le indicazioni dell'Amministrazione comunale sono queste:

Il conducente deve avere 14 anni compiuti 

Casco obbligatorio per i conducenti minorenni

E’ obbligatorio l’uso del giubbotto catarifrangente dopo il tramonto

Non è possibile trasportare altre persone, carichi o trainare cose

Non è ammessa la circolazione sul marciapiede e negli spazi riservati ai soli pedoni o a soli altri veicoli

E’ ammessa la circolazione sulle strade urbane, extraurbane e nelle aree pedonali solo dove è prevista la circolazione anche delle biciclette

E’ obbligatorio il dispositivo acustico e fanali

Velocità massima consentita in carreggiata di 25 km/h, in area pedonale urbana limite 6 km/h, senza creare intralcio ai pedoni.

PRIMI CONTROLLI CON L'INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Voi, il più grande operatore europeo di monopattini condivisi, lancia oggi la prima sperimentazione al mondo su larga scala di computer vision, introducendo un’intelligenza artificiale che rileverà quando un monopattino lascerà la strada per salire su un marciapiede, o quando il veicolo è parcheggiato in modo errato. I monopattini Voi dotati della nuova tecnologia sono stati testati sulle strade di Stoccolma per dimostrare il potenziale della tecnologia che aumenterà la sicurezza dei monopattini, risolvendo il problema della guida sui marciapiedi. La tecnologia fornirà anche strumenti per identificare le aree della città che sono problematiche per un’agevole micromobilità e aiutare quindi le città a sviluppare infrastrutture adeguate.

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI