Divieto in via Garibaldi: ecco il primo bilancio

via_garinaldi_cartello.jpgConcorezzo. 7-8 minuti in più, in media, per raggiungere la provinciale Monza-Trezzo, una sessantina di "fubetti" al giorno, una ventina di richieste di deroga, due suggerimenti. Sono questi alcuni dei numeri contenuti nella relazione che, venerdì mattina, al termine della prima settimana di sperimentazione della chiusura parziale (7,30-9) di un tratto di via Garibaldi (clicca qui per i dettagli), il comandante della Polizia Locale, Roberto Adamo, ha messo sul tavolo del sindaco, Riccardo Borgonovo, che ha la delega alla viabilità. In pratica gli automobilisti che prima tagliavano da via Garibaldi per immettersi sulla Monza-Trezzo, in direzione Vimercate, oggi impiegherebbero 7-8 minuti in più per arrivare nello stesso punto utilizzando il percorso quasi obbligato di via Veneto e via Remo Brambilla e, da lì, la Provinciale Sp2 (su facebook c'è però chi, come Alice Terzoli, sostiene di aver impiegato 15 minuti da via Zincone a via Libertà nell'orario di punta). Più rallentato, ovviamente, il traffico in direzione di Vimercate. Migliora, rispetto il martedì nero, la situazione in via Monte Grappa. Una ventina i cittadini che hanno formalizzato presso l'Urp richieste di deroghe, la maggior parte per raggiungere più velocemente l'ospedale per cure croniche o esami programmati, anche se non mancano quelle dei genitori che devono portare i figli a scuola. Quanto ai suggerimenti soltanto due: un cittadino che chiede genericamente un ritorno al passato (quando a lamentarsi erano i residenti di via San Rainaldo e di molte vie limitrofe), un altro che invita a ritarare il semaforo all'incrocio con via Oreno/Libertà, agevolando chi percorre la Provinciale. Quanto agli automobilisti che hanno provato ugualmente a tagliare da via Garibaldi (venendo rispediti indietro dalla Polizia locale) il numerò è progressivamente calato, assestandosi su una media di 60 auto al giorno nella fascia di divieto. Resta il nodo del "martedì nero" quando gli ulteriori divieti del giorno del mercato appesantiscono notevolmente la situazione. Viene, infine, ricordato che non è possibile limitare il transito esclusivamente ai cittadini non residenti a Concorezzo: lo impedisce il Codice della strada che non prevede provvedimenti "ad personam".

"Esprimo un cauto ottimismo - commenta il sindaco Borgonovo - La situazione è migliorata progressivamente, anche se restano molti nodi da sciogliere, a partire dalle criticità del martedì. Questa sperimentazione ci ha concesso, però, la possibilità di un più ampio monitoraggio. Il traffico serale, quando la viabilità da Monza a Vimercate e lungo la Sp3 da Rancate ad Agrate è praticamente al collasso, dimostra che sarebbe assurdo attribuire la responsabilità del traffico al Piano della mobilità di Concorezzo. Il traffico va tolto dai centri cittadini e dai quartieri ma va limitato più in generale: servono più collegamenti autobus e il prolungamento della metropolitana, con l'intervento di Provincia, Regione e Governo centrale, o il alternativa nuove infrastrutture. Quanto a Concorezzo le conclusioni definitive le tireremo tra due settimane, restiamo ovviamente a disposizione per un confronto sereno e costruttivo con i cittadini".

Leggi anche

Milanino: terzo giorno senza intoppi, ma è presto per le valutazioni

Milanino: avvertimenti mafiosi e allusioni a tangenti, allertata la Procura

Milanino, ora la protesta si è spostata in via Monte Grappa

Divieto in via Garibaldi, deviate cento auto in novanta minuti

Via Garibaldi, il sindaco è pronto a valutare deroghe motivate

 

tempocasanovembre2015.JPG

Commenti   
0 #6 Jes 2016-03-22 22:33
Io so solo che mi tocca fare il giro dell'oca tutte le volte abitando in via liberta' per andare ad esempio dal veterinario dalla parte opposta della via liberta basterebbe fare 300 metri invece no devo fare tutto il giro perche pieno di sensi unici e deviazioni per poi tornare dal provinciale e poi andando spesso verso monza...al ritorno nelle ore di punta e' un macello non potendo passare da via garibaldi che gia' cosi altra circunnavigazio ne senza questa ci metto ancora piu tempo......guar di mi piacerebbe sapere a chi vengono certe idee di cambio viabilita'..... .visto che invece di non farmi usare la macchina la utilizzo per piu tempo.....rimet tete i doppi sensi non e' possibile cosi e' un caos
0 #5 Fabio 2016-03-15 11:14
Sig.ra Paola, lei ha perfettamente ragione, in effetti la richiesta dei comitati era ed è quella di creare una ZTL con TELECAMERE, con libero accesso ai residenti del quartiere Milanino, con DEVIAZIONE OBBLIGATORIA per quelli provenienti da Villasanta, in via Remo Brambilla, si chiedeva anche la creazione di una rotonda in fondo alla stessa via, in modo tale di NON tornare verso Monza per andare a Vimercate. Purtroppo il Sindaco e la giunta hanno COMPLETAMENTE DISATTESO ciò che era stato richiesto, spostando il problema da via Trieste, Garibaldi, ecc, a via Veneto, via Monte Grappa. La cocciutaggine di chi ci amministra mi sembra emblematica.
0 #4 Annalisa 2016-03-14 18:08
Se si lasciava tutto com'era prima eravamo tutti contenti!! In quelle ora di divieto la gente và lavoro!! Possibile che non lo capiscono?
0 #3 paola 2016-03-14 15:25
Buongiorno.
Sarebbe possibile interfacciarsi con un comune limitrofo virtuoso come Cernusco sul Naviglio? Non credo tale comune sia venuto meno alla norma citata, ma ha apposto cartelli all'ingresso della Via Verdi con l'indicazione "dalle 7,45 alle 9.45 transito consentito ai residenti e alle persone munite di autorizzazione” . Sono state piazzate delle belle telecamere (peraltro nessuno sa se funzionino allo scopo specifico o meno) e periodicamente una pattuglia di vigili presidia l'ingresso di questa strada. Inciso: la Via Verdi è la prima via di accesso a Cernusco sul Naviglio per chi viene da Carugate, ed è a doppio senso di circolazione.
Identico ruolo strategico hanno le Vie Monte Rosa e San Rainaldo a Concorezzo: prime vie di accesso al nostro paese per gli automobilisti provenienti da Monza, Arcore e Villasanta. Quale norma del codice stradale vieta di attivarsi nello stesso modo? Troverete come nell’ordinanza si concedono autorizzazioni ai dipendenti di aziende per raggiungere le quali occorre transitare in una serie di vie limitrofe alla via Verdi. Pertanto autorizzazioni rilasciate con la TESTA!
A questo link troverete l’ordinanza pubblicata sul sito del comune di Cernusco 9 anni or sono! http://www.comune.cernuscosulnaviglio.mi.it/servizi/servizi-ai-cittadini/muoversi/via-verdi-chiusa-al-traffico-dalle-745-alle-915/.

Concludo rivolgendomi al Sindaco: siamo tutti concordi con lei quando sostiene che “servono più collegamenti autobus e il prolungamento della metropolitana, con l'intervento di Provincia, Regione e Governo centrale, o in alternativa nuove infrastrutture” , ma visti i tempi di realizzazione di opere pubbliche di tale portata, nel frattempo a chi tocca l’onere di gestire al MEGLIO la situazione, se non a chi ricopre il suo incarico e ai suoi collaboratori della giunta? Il tutto finalizzato a garantire una accettabile qualità della vita se non a tutti, per lo meno alla maggioranza dei cittadini. Ahimè oggi, siamo ben lontani da questa situazione, visto che più che agire proattivamente, si interviene in reazione agli eventi. E allora un gruppo di abitanti raccoglie firme a giusto titolo perché ha comprato casa in una zona residenziale tranquilla e si ritrova invece su una sorta di provinciale parallela, ed ecco che si chiude quella strada. Quanto ci vorrà perché gli abitanti di Via Monte Grappa, anche loro a giusto titolo, facciano lo stesso? E quando chiuderemo anche quella di via di uscita?
Data l’umana propensione a resistere e a contrastare i cambiamenti, possiamo convenire che una delle chiavi di svolta nell’accettazio ne di detti cambiamenti, è la valorizzazione dei benefici che essi portano e che devono essere necessariamente maggiori rispetto agli svantaggi. Con la serenità di chi è disposto a perderla la sfida, esorto lei o chi per lei a mostrarci una bilancia che oggettivamente propende in tal senso per la maggioranza dei residenti della zona Milanino. Nel frattempo, buon traffico a tutti e attenzione ad attraversare la strada sui nuovi circuiti ad alta velocità del territorio cittadino, nell’attesa che arrivino dissuasori e autovelox.
0 #2 lorenza 2016-03-14 14:49
Voglio credere alla relazione stilata dal Comandante della Polizia, però ancora non capisco da dove arrivano gli automobilisti che questa mattina (lunedì 14 c.m. e non martedì) formavano ancora una coda sulla Via Monte Grappa fino all''incrocio della Via Monte S.Michele e oltre, con un bel traffico sostenuto. Qualcuno può spiegare questa cosa agli abitanti della Via Monte Grappa? Grazie
Aggiungi commento