Asfalti, le Iene di nuovo in Comune (a bere un caffè)

iene_concorezzo_novembre.jpegConcorezzo. Le Iene sono tornate, e i riflettori restano puntati su Asfalti Brianza. Ieri mattina, intorno alle 11, l'inviato della trasmissione di Italia 1, Alessandro De Giuseppe, ha portato nuovamente le telecamere in Municipio, raggiungendo il sindaco Mauro Capitanio nel suo ufficio al primo piano del palazzo comunale. Un incontro cordiale, un'intervista di circa un'ora per fare il punto della situazione dopo la chiusura e il successivo dissequestro dell'impianto che produce bitume lungo la Provinciale Milano-Imbersago al confine con Monza e Brugherio. L'intervista si è conclusa in un bar cittadino per un caffè che testimonia la volontà di collaborare anche con la trasmissione di inchiesta per il fine ultimo della tutela dei cittadini. Quello di ieri, d'altra parte, non è stato un blitz a sorpresa come quello in cui l'invito si era presentato a mezzanotte inoltrata a casa del borgomastro, ma si è trattato di una intervista pianificata. Ieri sera, in occasione del Consiglio comunale, nuova protesta dei comitati civici che chiedono comunque un intervento risolutivo sulla salubrità dell'aria.

ULTIMI AGGIORNAMENTI

Si è tenuta martedì 26 novembre, la Conferenza dei servizi relativamente la questione di Asfalti Brianza. Seduti al tavolo oltre al Comune di Concorezzo, di Monza, di Agrate e di Brugherio anche la Provincia di Monza e Brianza, i referenti di ATS, ARPA, ATO e due delegati dell’azienda Asfalti Brianza srl.

Tema dell’incontro la discussione del rinnovo dell’autorizzazione ambientale in seguito ad alcune modifiche non sostanziali richieste ad Asfalti Brianza. Atti sostanziali discussi dal tavolo sono stati quelli relativi alla sostituzione del bruciatore e le pratiche per l’installazione della nuova cappa e dei sistemi di filtraggio.

Nel corso dell’incontro è stato rilevato che non sono ancora disponibili i risultati di alcune analisi per il rilascio dell’autorizzazione. E’ stata fissata dunque una scadenza obbligatoria di 30 giorni entro cui l’azienda dovrà presentare la documentazione richiesta per la verifica da parte della Conferenza dei servizi che solo allora potrà valutare il  rilascio della certificazione unica ambientale.

La Conferenza dei Servizi è stata dunque riconvocata per il 10 gennaio nella sua forma risolutoria dato che dovrà autorizzare o meno l’autorizzazione a operare.

Il procedimento della Procura, nel frattempo, procede.

“La questione di Asfalti Brianza è una questione prioritaria ormai da mesi per il Comune di Concorezzo – ha precisato il Sindaco di Concorezzo Mauro Capitanio-. Abbiamo messo in campo tutti gli strumenti amministrativi, compresa un’ordinanza di chiusura nel mese di agosto, per gestire al meglio la situazione con l’obiettivo di risolverla una volta per tutte garantendo da una parte il diritto di respirare un’aria salubre e dall’altra tenendo in considerazione anche l’aspetto occupazionale. La salute dei cittadini rimane la nostra priorità ed entro venerdì ARPA e ATS presenteranno un piano per la verifica e per le analisi che daranno una risposta definitiva in merito alla salubrità o meno dell’aria della zona dove sorge l’azienda. Nel frattempo rimane confermata l’indicazione a operare in regime ridotto negli orari notturni.

Per quanto riguarda invece il problema legato agli odori siamo allineati con il Comune di Monza, di Brugherio e di Agrate per l’attuazione della DGR 3018. Convocheremo a breve un tavolo tecnico propedeutico all’organizzazione di un’assemblea pubblica per dare formalmente il via anche alla collaborazione con alcuni cittadini volontari che avranno un ruolo attivo nella raccolta dei dati da analizzare”.

iene_concorezzo.jpeg

Aggiungi commento