Asfalti, Capitanio: serve collaborazione, non slogan

mauro_2019.jpg

Concorezzo. Prima l'esposto del Comune di Agrate, ora quello del sindaco di Monza. Esposti che arrivano dopo mesi di lavoro concertato anche con i Comuni limitrofi, dopo varie conferenze di servizio, dopo un'ordinanza ad hoc, dopo i solleciti ad Arpa. Mentre il sindaco Mauro Capitanio continua a raccogliere le segnalazioni ufficiali dei cittadini arrivate tramite Urp, il primo cittadino leghista non ha gradito l'annunciato esposto alla Procura del sindaco di Monza. "Ogni iniziativa va bene, per carità - spiega il sindaco - ma non è il caso di cercare visibilità mediatica in una situazione che va risolta con la collaborazione di tutti e che vede già i Comuni lavorare in sinergia".

"Chi sale adesso sul carro della polemica, magari dopo essersi disenteressato per mesi della vicenda,non fa che aumentare l'entropia del processo e aumentare tensione e ansia su una vicenda che merita la massima attenzione e che va affrontata in modo analitico e con gli strumenti che legge e buonsenso ci mettono a disposizione - continua Capitanio - Ogni contributo concreto e percorribile messo sulla scrivania sarà valutato in tempo zero. E' ovvio che non posso rispondere singolarmente alle decine di segnalazioni che quotidianamente arrivano ma vi lascio questa piccola cronistoria almeno per certificare che nessun cittadino in questo momento è trascurato".

Ecco la ronistoria che Capitanio ha pubblicato sui suoi social e diffuso anche via mail e WhatsApp.

L'Amminstrazione Comunale di Concorezzo sta analizzando TUTTE le segnalazioni che arrivano dai cittadini ma vorrei darle in quadro completo di quello che stiamo facendo nel limite di quello che la legge mi consente di fare ma soprattutto mosso di tutelare la salute di TUTTI i cittadini.

A maggio 2019 ho conosciuto i membri del Comitato di Concorezzo che mi hanno aggiornato sulla situazione segnalandomi che c'erano sensibili peggioramenti nel disagio provocato ai cittadini. Da qui la forte volontà di inserire nella mia squadra amministrativa anche il loro avvocato, tra i primi a segnalare questa situazione e a muoversi per proporre una soluzione.

A metà Giugno 2019 mi sono insediato come Sindaco di Concorezzo e ho convocato dopo 15 giorni un tavolo con tutti i comitati (Concorezzo, S. Albino e S. Damiano) e l'azienda Asfalti Brianza (al tavolo sono stati invitati anche ARPA, Provincia e ATS) per concordare tempi e processi per arrivare ad una soluzione. TUTTI insieme abbiamo concordato un iter (bruciatore+avanforno ad Agosto e copertura+cappa a Settembre) consapevoli che questi 2 mesi sarebbero stati di profondo disagio ma tutti mossi dalla volontà di arrivare ad una soluzione finale.

Alla viglilia di Ferragosto la Provincia di Monza e Brianza aveva chiesto 60 giorni per valutare gli impatti degli interventi sull'impianto ma proprio perchè volevamo a tutti i costi accelerare i processi ho emesso una ordinanza per imporre all'azienda l'intervento.

Da inizio Settembre sto sollecitando quotidianamente l'azienda a completare i lavori di cappa e filtri e li ho convocati il 26/09.

Lo stesso giorno ho convocato ARPA, ATS, Provincia e i sindaci dei Comuni limitrofi (con i quali condivido periodicamente tutti gli aggiornamenti) per far partire l'unico strumento legale che mi permette di avere dati OGGETTIVI e prendere la decisione finale (DGR 3018/2012). Stiamo anche collaborando con la Procura e ho informato dei fatti (compresi i vostri appelli, i vostri video e le vostre foto) il Presidente della Regione e quello della Provincia. Io ho a cuore la salute dei cittadini e mi sto attivando su tutti i fronti per raggiungere in breve tempo la soluzione. Poi se Procura, Magistratura, organi regionali o provinciali mi suggeriscono strade più brevi o strumenti più efficaci, io sono disponibile a procedere immediatamente (rispondo a tutti, Iene comprese, giorno e notte).

asfalti_brianza_2019.jpeg

 

Aggiungi commento