Incendio, la pioggia ferma le scorie. Chiuso il cimitero

b_450_500_16777215_00_images_incendiobrodolinischindler.jpegb_230_220_16777215_00_images_incendiobrodoliniVVFF.jpegb_230_220_16777215_00_images_ingressomagazzino.jpegb_230_220_16777215_00_images_incendiobrodolini1.jpegb_230_220_16777215_00_images_ABMviaBrodolini.jpeg b_230_220_16777215_00_images_incendiobrodolini2.jpegb_230_220_16777215_00_images_viabrodolini.jpeg(ore 18, 00) Concorezzo. Nessun rischio per la salute dei cittadini. La postazione mobile collocata dall'Arpa presso il cimitero cittadino tende ad escludere la presenza di elementi tossici nell'aria dopo che il rogo di questa notte ha sprigionato nell'aria milioni di partecielle di materiale vari. A limitare i danni è stato anche il violento acquazzone che si è abbattuto sulla Brianza nella tarda mattinata e nelle prime ore del pomeriggio. Nonostante questo, in via precauzionale, il sindaco Riccardo Borgonovo ha preferito firmare una ordinanza per la chiusura del cimitero cittadino, soprattutto a tutela dei cittadini anziani. Mentre proseguono i lavori di spegnimento presso quel che resta del capannone di via Brodolini 11, Vigili del fuoco e Asl, dopo il cedimento di una trave, hanno sancito l'inagibilità per l'ingrosso gestito da commercianti di origine cinese.
"La situazione è sotto controllo - spiega a concorezzo.org il sindaco Borgonovo - Abbiamo allestito un presidio fisso nei pressi della Schindler per tenere comunque monitorata la situazione grazie al supporto di Protezione civile, Vigili del fuoco e 118. Da un punto di vista ambientale non ci sono conseguenze, per fortuna. Sulle cause del rogo sono in corso le indagini".
Non è da escludere che l'incendio abbia assunto proporzioni così rilevanti per il tardivo allertamento del 115: i responsabili del negozio, allertati intorno alla 1,30 dai sistemi interni, avrebbero infatti dapprima cercato di domare il rogo da soli e solo in un secondo momento avrebbero allertato i soccorsi. Le fiamme hanno inghiottito prevalentemente addobbi natalizi e luminarie.

(ore 8, 15) ConcorezzoDopo Monza, Concorezzo. Questa notte uno spaventoso incendio ha inghiottito un capannone a gestione cinese in via Brodolini 11. Per cause non ancora accertate, le fiamme si sono sviluppate all'interno del magazzino di casalinghi all'ingrosso AB.M. Per domare le spaventose lingue di fuoco, già a partire dalle 2 di questa notte sono dovuti intervenire 6 mezzi del Vigili del fuoco da Monza, Vimercate e da altri comandi della zona. Le operazioni di spegnimento sono tuttora in corso. La nube intensa che si è levata in cielo e l'odore insopportabile, hanno fatto ritenere necessario l'intervento dell'Arpa, per scongiurare pericoli di tossicità nell'aria. Sul posto sono intervenuti anche i mezzi del 118: non si registrano feriti, ma per molti respirare è davvero difficile, anche per chi lavora nelle aziende limitrofe. 

Ora l'Amministrazione comunale, che ha allertato anche la Polizia locale, vuole chiedere agli organi competenti la verifica di tutte le procedure di sicurezza all'interno dell'azienda, nonché l'esatto inventario dei materiali stoccati. Certo è che il secondo incendio in strutture gestite da commercianti cinesi a pochi chilometri di distanza (nella foto la colonna di fumo nero alzatasi alcuni giorni fa a Monza) mettono sul tavolo alcuni interrogativi.

Fondata nel 2003 da Giovanni Mao, AB.M-IDEA Srl - si legge nel sito internet aziendale - è una società di importazione di articoli per la casa. Una vastissima gamma di prodotti è a disposizione di chi visita il nuovo magazzino di Concorezzo: dal più semplice utensile casalingo al più raffinato articolo da regalo.
Si trova, secondo il periodo dell’anno, tutto per il Natale, per la Pasqua, per il carnevale o per la scuola.
Con l’evoluzione dei tempi e del mercato, la AB.M-IDEA s.r.l. rappresenta una realtà lavorativa di tutto rilievo, con un magazzino di circa 10.000 mq, tra casalinghi, articoli regalo, cancelleria, fiori artificiali, bricolage, articoli elettrici, pulizia casa, profumazioni.
AB.M-IDEA s.r.l. opera a livello nazionale in maniera flessibile, garantendo al mondo della distribuzione tradizionale e al consumatore finale, tre punti fondamentali: assortimento, qualità e servizio.
L’assortimento si basa sulla selezione accurata di articoli provenienti da tutto il mondo, un’infinita gamma che mira a soddisfare le esigenze più estroverse del consumatore, per ogni ambiente di casa, garantendo prodotti sempre freschi e unici, a testimonianza dell’alta rotazione dei prodotti. AB.M-IDEA s.r.l. importa, e commercializza i propri prodotti prevalentemente con la Cina, avendo strutture in loco.b_230_220_16777215_00_images_incendiomonza2.jpeg

Commenti   
0 #8 Jessica 2012-10-15 20:28
Ma scusate...è' da stamattina che respiriamo m....è qui ci dioono che è' tutto sotto controllo?? Ci dicono che non c'è' nessun pericolo e intanto chiudono il cimitero? Ma chi vogliono prendere in giro? Sarei curiosa di vedere se tutti questi "magazzini" cinesi sono realmente in regola...se ci sono realmente tutti i permessi e soprattutto se vengono rispettate e applicate tutte le misure di sicurezza!! È' una vergogna....dov rebbero farli chiudere tutti e soprattutto tutti noi non dovremmo più' metterci piede...perché' alla fine la colpa e' principalmente la nostra
0 #7 luca poto 2012-10-15 19:02
tanto questi coi contanti comprano asl, vigili, assessori e a breve riaprono piu' agguerriti di prima. la gente li odia ma poi utilizza i loro servizi. pensiamoci. smettiamola di dare loro i soldi perché loro i soldi non li fanno girare qui. i soldi loro li spendono fra di loro facendo una vita grama e quello che avanzano lo spediscono in Cina. Svegliamoci !!! basta anche con le falegnamerie ......cinesi... ..
0 #6 filippo 2012-10-15 15:49
Se pensate che la mafia cinese non esista......... ......
0 #5 Egardi Remo 2012-10-15 15:00
sono d'accordo. in brevissimo tempo abbiamo respirato più diossina dai capannoni in fiamme dei cinesi che in 30 anni
di attività delle nostre aziende.
0 #4 Cetty 2012-10-15 13:11
ma qualche settimana fa non era apparsa una notizia che era stato chiuso uno di questi magazzini che vendeva giocattoli x bambini non a norma?
se non sbaglio il magazzino e' nella stessa zona di questo oppure e' proprio lo stesso?
e se e' lo stesso come mai e' ancora in attivita'?
Aggiungi commento